La cucina svizzera: fatti e cifre

La varietà delle tradizioni locali è alla base della ricchezza della gastronomia svizzera. Molti piatti svizzeri traggono le proprie origini dalla cultura contadina.

Vari generi alimentari
I prodotti svizzeri in tutta la loro varietà. © Patrimonio culinario svizzero, Ursula Sprecher

  • Circa 400 prodotti svizzeri tra cui il Gruyère o gruviera (un formaggio), la «longeole» (una salsiccia tipica di Ginevra) o i «Basler Läckerli» (biscotti) sono stati riconosciuti ufficialmente come patrimonio culinario della Svizzera.
  • Le cittadine e i cittadini svizzeri sono i più grandi consumatori di cioccolato al mondo, con un consumo di circa 11kg di cioccolato pro capite all’anno.
  • In Svizzera esistono oltre 450 diverse varietà di formaggio.
  • In Svizzera vengono consumati 21,5kg di formaggio a testa all’anno.
  • In Svizzera esistono oltre 1680 panetterie artigianali.
  • L’offerta regionale di insaccati e carne secca è molto variata: la «longeole» di Ginevra, il «saucisson vaudois» nel Cantone di Vaud, il «bratwurst» di San Gallo, i sanguinacci alla panna del Giura, la carne secca grigionese detta anche «Bündnerfleisch», la mortadella di fegato ticinese ecc. sono solo alcuni esempi.
  • Si coltivano circa 200 varietà di vite, di cui circa quaranta sono autoctone.
  • Il Vallese è la principale regione vinicola della Svizzera e vi vengono coltivati oltre 50 vitigni.
  • Nel 1908 il popolo svizzero accettò l’iniziativa popolare per la proibizione dell’assenzio, una grappa distillata da diverse erbe. Dal 2005 distillare l’assenzio è nuovamente legale.
  • In molte case si utilizza per speziare le pietanze una polvere chiamata «Aromat», un’invenzione di Knorr del 1952, mentre i dadi per il brodo Maggi esistono dal 1908 e sono ampiamente diffusi.
  • Sono inoltre molto apprezzate le creme spalmabili Cenovis, un prodotto del 1931 i cui ingredienti sono lievito di birra, estratto di carote e di cipolle, e Le Parfait, del 1942.
  • Inventata nel 1865, l’Ovomaltina (nome originale «Ovomaltine») è una polvere a base di malto d’orzo, latte scremato e cacao che si scioglie nel latte e viene gustata calda o fredda come bevanda al cioccolato.
  • La Rivella è una bibita rinfrescante a base di siero di latte in commercio dagli anni 1950.
    Ricola è una caramella con 13 erbe prodotta sin dal 1940.

Informazioni supplementari