La Svizzera accoglie con favore l’accordo per la nuova presidenza dell’OSCE


Questa pagina non è disponibile in italiano. Selezionare una delle lingue seguenti:

Comunicato stampa, 01.12.2023

In occasione dell’annuale Consiglio dei ministri, tenutosi a Skopje, gli Stati partecipanti all’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) hanno trovato un accordo per la presidenza del 2024. Sarà Malta a subentrare alla Macedonia del Nord, che continuerà a presiedere l’OSCE fino alla fine dell’anno. A Skopje, il consigliere federale Ignazio Cassis ha ribadito il suo sostegno alla presidenza di Malta, dichiarandosi soddisfatto per la soluzione raggiunta dopo lunghi negoziati.

Al Consiglio dei ministri dell’OSCE a Skopje sono state prese importanti decisioni per il futuro dell’Organizzazione. Al termine della conferenza, i 57 Stati partecipanti, tra cui la Svizzera, hanno confermato che Malta assumerà la presidenza il prossimo anno. A Skopje, anche il consigliere federale Ignazio Cassis si è espresso a favore della presidenza di Malta dell’OSCE nel 2024, ringraziando il proprio omologo maltese per la disponibilità a raccogliere il testimone in questi tempi difficili.

A seguito di intensi negoziati presso il Consiglio dei ministri a Skopje, è stato inoltre possibile estendere i mandati delle più importanti posizioni ai vertici dell’Organizzazione. Anche questa decisione è stata accolta con favore dal consigliere federale Ignazio Cassis. Infatti la Svizzera lavora da tempo per rafforzare la capacità di agire dell’OSCE.

Il Consiglio dei ministri dell’OSCE si è svolto in un contesto difficile. L’aggressione militare russa ha causato una grave perdita di fiducia tra gli Stati partecipanti. Gli accordi raggiunti a Skopje possono quindi essere considerati un successo.

Per la Svizzera, l’OSCE rimane una componente importante della sicurezza in Europa, nonostante le sfide attuali, poiché agevola il dialogo anche con gli Stati non allineati della regione e dispone di strumenti per prevenire i conflitti e gestire le crisi.

Il Consiglio dei ministri dell’OSCE è iniziato il 30 novembre e si è concluso oggi.


Informazioni supplementari:

Articolo: La Svizzera e l’OSCE lavorano insieme per la pace e la sicurezza in Europa
Strategia di politica estera 2020-2023
Allocuzione del Consigliere federale Ignazio Cassis




Indirizzo per domande:

Comunicazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel. Servizio stampa: +41 58 460 55 55
E-Mail: kommunikation@eda.admin.ch
Twitter: @EDA_DFAE


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri