69a Assemblea generale dell’ONU a New York

martedì, 23.09.2014 – venerdì, 26.09.2014

Conferenza Assemblea

New York, 23.–26.9.2014 – In occasione dell’apertura del dibattito generale della 69a Assemblea generale delle Nazioni Unite, il presidente della Confederazione Didier Burkhalter illustra le priorità della politica estera attuata dalla Svizzera nell’ambito dell’ONU.

A metà settembre inizia la 69a Assemblea generale dell’ONU. Il presidente della Confederazione Didier Burkhalter è a New York dal 23.–26.9. e partecipa all’apertura del dibattito generale (24.9) e a tre eventi coorganizzati dalla Svizzera. In programma vi sono, oltre alla partecipazione a ulteriori manifestazioni su temi di attualità, anche colloqui bilaterali.

Comunicato stampa, 12.9.2014
Assemblea generale dell’ONU (en)

Delegato svizzero alla gioventù

Il presidente della Confederazione Didier Burkhalter e il delegato svizzero alla gioventù presso l‘ONU Damian Vogt durante una conferenza stampa nel corso della settimana di alto livello dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.
©

In qualità di Delegato svizzero alla gioventù presso l’ONU (Youth Representative/Youth Rep) e membro della delegazione, Damian Vogt rappresenta i giovani svizzeri in occasione dell’Assemblea generale dell’ONU 2014. Parteciperà alla Conferenza internazionale sull’evoluzione della popolazione (22.9.2014), al dibattito generale e a vari eventi a margine della High Level Week (settimana ad alto livello).

Complessivamente vi sono tre Youth Representatives, che si occupano di fornire ai giovani svizzeri informazioni sulla politica dell’ONU.

Blog ufficiale dell’Youth Representatives (de)
Progetto «Youth Rep»

In primo piano

Evento collaterale della Svizzera: Ucraina, OSCE e sicurezza europea

26.9.2014 – In occasione della presidenza dell’OSCE, la Svizzera organizza l’evento collaterale dal titolo «La crisi in Ucraina, l’OSCE e il futuro della sicurezza europea» («The Ukraine Crisis, the OSCE and the Future of European Security»).

Il presidente della Confederazione Burkhalter presiede il dibattito tra gli Stati partecipanti dell’OSCE in merito alle possibili soluzioni per garantire all’organizzazione una maggiore capacità d’azione. Si è discusso anche della sicurezza europea come progetto comune dei Paesi dell’OSCE.

Dichiarazione del presidente della Confederazione svizzera Didier Burkhalter, 26.9.2014 (“The OSCE in Ukraine: inclusive dialogue and capability to act”, en)
La Svizzera assume la presidenza dell'OSCE nel 2014

Evento ad alto livello dell’OHCHR sull’abolizione della pena di morte

25.9.2014 – Nella sua dichiarazione, il presidente della Confederazione Didier Burkhalter sottolinea come la pena di morte rappresenti una violazione del diritto alla vita e sia quindi incompatibile con i diritti dell’uomo e con i sistemi giudiziari moderni, i quali non sono orientati soltanto a una pena intesa come retribuzione, ma anche e soprattutto alla riabilitazione e alla reintegrazione.

Burkhalter annuncia inoltre che il 10 ottobre 2014, in occasione della Giornata mondiale contro la pena di morte, lancerà insieme ad altri ministri degli affari esteri di tutto il mondo un appello per l’abolizione delle esecuzioni capitali. Da tempo, la Svizzera si impegna con forza a favore di un mondo in cui la dignità umana venga rispettata e non esista più la pena di morte.

Dichiarazione del presidente della Confederazione Didier Burkhalter (««Leadership and Moving Away from the Death Penalty», fr)

Comunicato stampa, 25.9.2014

DFAE: Impegno per l’abolizione della pena di morte

Evento collaterale di UNAIDS: Gearing up to End the AIDS Epidemic

25.9.2014 – Durante la tavola rotonda in occasione dell’evento organizzato da UNAIDS, il presidente della Confederazione Burkhalter ha sottolineato come la prevenzione, il trattamento, le cure e l’assistenza siano fattori decisivi per ridurre il numero di nuovi casi d’infezione da HIV, evidenziando anche la necessità di garantire a tutti l’accesso ai relativi farmaci. Nel corso dell’evento, la questione della lotta all’AIDS per debellare la malattia entro il 2030 è stata discussa anche in relazione all’agenda post-2015.

La salute è un tema prioritario per la Svizzera sia in materia di cooperazione allo sviluppo sia nel quadro del processo post-2015. Grazie alla presenza dei principali attori dell’ONU nel campo della sanità (tra cui anche UNAIDS), Ginevra svolge un ruolo centrale nella lotta contro l’AIDS.

Discorso del presidente della Confederazione svizzera Didier Burkhalter, 25.9.2014 («Un objectif et un devoir: éradiquer le sida d’ici à 2030», fr)

Evento collaterale sulla limitazione del diritto di veto

25.9.2014 – Con una dichiarazione in occasione dell’evento collaterale franco-messicano sulla limitazione del diritto di veto in seno al Consiglio di sicurezza dell’ONU in caso di gravi violazioni dei diritti dell’uomo e del diritto internazionale umanitario, la Svizzera si pronuncia a favore della rinuncia volontaria al diritto di veto in caso di gravi crimini.

Evento collaterale dedicato all’acqua e alla prevenzione delle catastrofi naturali

25.9.2014 – In occasione di questo evento co-organizzato dalla Svizzera, il presidente della Confederazione Burkhalter sottolinea la rilevanza dell’acqua e della prevenzione delle catastrofi naturali ai fini di uno sviluppo sostenibile. A questi due temi, che figurano tra gli obiettivi prioritari della politica di sviluppo e dell’impegno umanitario, la Svizzera attribuisce grande importanza anche nel quadro del processo post-2015.

Discorso del presidente della Confederazione davanti all’Assemblea generale dell’ONU

24.9.2014 – Partendo dal desiderio dei giovani di vivere in un mondo libero e caratterizzato dal rispetto reciproco, in cui i problemi possano essere risolti senza il ricorso alla violenza e sia possibile un’esistenza felice, nel suo discorso davanti all’Assemblea generale dell’ONU il presidente della Confederazione esorta gli Stati a lavorare insieme per la sicurezza internazionale.

Ricevimento offerto dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama ai capi di Stato e di Governo

23.9.2014 – Il presidente della Confederazione Didier Burkhalter partecipa al tradizionale ricevimento offerto dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama,

quale rappresentante dello Stato ospite, ai capi di Stato e di Governo alla vigilia del dibattito generale.

Colloquio bilaterale con il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon

Confederazione Burkhalter discute di temi bilaterali e della situazione in Ucraina con il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon.

Il colloquio si svolge nella sala che la Svizzera ha fatto rinnovare come dono per la sua adesione alle Nazioni Unite nel 2002. Dopo il ritocco dello scorso anno, la sala per l’Assemblea generale dell’ONU brilla ora di una nuova luce.

Riunione ministeriale del Forum globale dell’antiterrorismo

23.9.2014 – In occasione della riunione ministeriale del Forum globale dell’antiterrorismo (Global Counter Terrorism Forum, GCTF), il presidente della Confederazione Burkhalter presenta la creazione del Fondo contro l’estremismo violento (Global Community Engagement and Resilience Fund, GCERF) a Ginevra. Il GCERF è un’istituzione innovativa che mira a sostenere iniziative locali contro ogni forma di estremismo violento, contribuendo in tal modo agli sforzi della comunità internazionale per attuare la strategia globale dell’ONU contro il terrorismo.

«Le misure di sicurezza, da sole, non bastano per contrastare il terrorismo. Se vogliamo ottenere effetti duraturi, dobbiamo anche intensificare i nostri sforzi per prevenire la radicalizzazione dei giovani, sia uomini che donne, e dissuaderli dall’aderire a gruppi terroristici», afferma il presidente della Confederazione Burkhalter spiegando le ragioni del sostegno della Svizzera al GCERF. Burkhalter annuncia inoltre che la Svizzera metterà a disposizione un contributo programmatico di 5 milioni di USD per i primi 4 anni a favore del GCERF.

Dichiarazione del presidente della Confederazione Didier Burkhalter alla quinta riunione ministeriale del GCTF

La consigliera federale Doris Leuthard al vertice sul clima

23.9.2014 – La consigliera federale Doris Leuthard partecipa al vertice ONU sul clima che si tiene a New York. Il capo del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) presenta non solo le posizioni della Svizzera per quanto concerne il futuro regime climatico internazionale, ma anche le misure volte a ridurre le emissioni di gas serra.

Sessione speciale su popolazione e sviluppo

22.9.2014 – In occasione della sessione speciale su popolazione e sviluppo, il direttore della DSC Martin Dahinden prende posizione a nome della Svizzera in merito al rinnovo del programma d’azione della Conferenza internazionale sulla popolazione e lo sviluppo.

L’obiettivo della sessione speciale è rinnovare e garantire, per il periodo successivo al 2014, il sostegno politico al programma d’azione concordato nel 1994 alla Conferenza internazionale del Cairo su popolazione e sviluppo.

In tal modo si mira a far sì che i capisaldi della Conferenza internazionale sulla popolazione e lo sviluppo (International Conference on Population and Development, ICPD) e i progressi compiuti negli ultimi 20 anni mantengano la loro rilevanza anche in futuro e ricevano il necessario supporto da parte degli Stati membri soprattutto nell’ambito del processo post-2015, che riveste un’importanza cruciale.

Discorso di Martin Dahinden (pdf, 104 Kb) (PDF, Страницы 4, 107.2 kB)
Discorso di Martin Dahinden (versione breve) (pdf, 88 Kb) (PDF, Страницы 3, 90.6 kB)
ICPD beyond 2014 (en)

Evento collaterale: The Equal Futures Partnership

22.9.2014 – Due anni fa gli Stati uniti hanno lanciato questa iniziativa volta a promuovere i diritti delle donne e le pari opportunità in tutto il mondo. Finora hanno aderito oltre 20 Stati da ogni angolo del pianeta.

La Svizzera, rappresentata dal direttore della DSC Martin Dahinden, si unirà all’iniziativa in occasione di questo incontro a margine dell’Assemblea generale dell’ONU.

The equal Futures Partnership (en)