Contributo svizzero (contributo all'allargamento) ad alcuni Stati membri dell'UE

Impianto di depurazione delle acque
©SECO

Dal 2007, con il contributo all’allargamento, la Svizzera concorre a ridurre le disparità economiche e sociali nell’Unione europea (UE).

Gli Stati partner del contributo all’allargamento sono i tredici Stati che hanno aderito all’UE dal 2004 (UE-13). A tutt’oggi il divario economico all’interno dell’UE è relativamente elevato e l’impegno della Confederazione è un investimento per potenziare la sicurezza, la stabilità e la prosperità in Europa. Nel contempo, la Svizzera getta importanti fondamenta per una salda relazione economica e politica con l’UE e con i Paesi partner. Dopo una consultazione dalla quale sono scaturiti pareri ampiamente positivi, nella seduta del 28 settembre 2018 il Consiglio federale ha adottato il messaggio concernente il secondo contributo svizzero ad alcuni Stati membri dell’Unione europea.

Carta Contributo svizzero all'allargamento dell'UE
© DAE

Cronologia

  • 28.09.2018: adozione da parte del Consiglio federale del messaggio concernente il secondo contributo svizzero
  • 31.12.2017: conclusione dell’attuazione del progetto UE-10
  • 01.06.2017: entrata in vigore della nuova legge federale sulla cooperazione con gli Stati dell’Europa dell’Est, limitata al 31 dicembre 2024
  • 31.05.2017: conclusione del periodo d’impegno con la Croazia
  • 30.09.2016: approvazione da parte del Parlamento della nuova legge federale sulla cooperazione con gli Stati dell’Europa dell’Est
  • 17.02.2016: adozione del messaggio concernente il rinnovo della legge federale sulla cooperazione con gli Stati dell’Europa dell’Est da parte del Consiglio federale
  • 30.06.2015: sottoscrizione dell’accordo quadro bilaterale con la Croazia
  • 11.12.2014: approvazione da parte del Parlamento del credito quadro per la Croazia (45 mio. CHF)
  • 07.12.2014: conclusione del periodo d’impegno con Bulgaria e Romania
  • 01.07.2013: adesione della Croazia all’UE
  • 14.06.2012: conclusione del periodo d’impegno con i Paesi dell’UE-10
  • 07.09.2010: firma degli accordi quadro bilaterali con Bulgaria e Romania
  • 07.12.2009: approvazione da parte del Parlamento del credito quadro per la Bulgaria e la Romania (257 mio. CHF)
  • 20.12.2007: firma degli accordi quadro bilaterali con l’UE-10
  • 01.01.2007: ingresso nell’UE di Romania e Bulgaria
  • 14.06.2007: approvazione da parte del Parlamento del credito quadro per l’UE-10 (1 mia. CHF)
  • 26.11.2006: approvazione delle basi legali (legge federale sulla cooperazione con gli Stati dell’Europa dell’Est) da parte del Popolo svizzero (53,4% di voti favorevoli); entrata in vigore: 1° giugno 2007, limitata a 10 anni
  • 01.05.2004: ingresso nell’UE dei Paesi dell’UE-10 (Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia,   Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Ungheria)

Stato del dossier: Aprile 2019

Informazioni supplementari