Commercio dei diritti di emissione

Due camini che emettono fumo
I negoziati tra la Svizzera e l'UE per il collegamento dei rispettivi sistemi per lo scambio di quote di emissioni di CO2 sono conclusi. ©Fotolia

Con l’accordo sullo scambio delle emissioni, la Svizzera e l’Unione europea (UE) collegano i rispettivi sistemi di scambio dei diritti (quote) di emissione di CO2. L’obiettivo dello scambio di quote di emissioni è ridurre i gas serra laddove ciò risulti economicamente più vantaggioso.

L’UE mira a instaurare un collegamento con altri sistemi di scambio di quote di emissioni per creare, su tale base, un mercato mondiale. Il suo «Emission Trading Scheme» (ETS) è il più grande mercato al mondo per lo scambio dei diritti di emissione e rappresenta un importante strumento per la lotta contro i cambiamenti climatici.

Cronologia

  • 23.11.2017: firma dell'accordo
  • 13.1.2016: parafatura dell’accordo dall’Unione europea
  • 21.12.2015: parafatura dell’accordo dalla Svizzera
  • 8.3.2011 avvio dei negoziati

Stato del dossier: Agosto 2018

Informazioni supplementari