Punto di vista di esperti

Henri Stalder nei pressi dei rottami di un’autovettura crivellata di colpi di arma da fuoco.
Henri Stalder è uno degli esperti svizzeri che lavorano per conto delle Nazioni Unite in Siria. © DSC

Una parte dell’aiuto umanitario fornito dalla Svizzera alle persone colpite dal conflitto siriano consiste nell’invio in Siria o nei Paesi limitrofi di numerosi esperti del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA).

Al fine di sostenere le operazioni di alcune agenzie delle Nazioni Unite, come l’ACNUR e l’UNICEF, la Svizzera mette a disposizione specialisti in materia di acqua e reti idrico-fognarie, ingegneri o personale esperto nei programmi di trasferimento di denaro in contante alla popolazione. In altri casi, gli esperti del CSA lavorano nell’ambito di progetti realizzati direttamente dalla DSC. Ad ogni modo lasciano temporaneamente il proprio posto di lavoro e il loro luogo di domicilio in Svizzera per operare sul campo, mettendo per svariati mesi il proprio know-how al servizio delle popolazioni bisognose.