Delegazione svizzera soddisfatta delle conclusioni della sessione dell

Berna, Comunicato stampa, 16.03.2013

La 57a sessione della Commissione dell'ONU sulla condizione delle donne (Commission on the Status of Women, CSW) si è conclusa venerdì a New York. La sessione di quest'anno era incentrata sul tema prioritario dell'eliminazione e della prevenzione di ogni forma di violenza contro le donne e le ragazze. La delegazione svizzera accoglie con favore l'adozione delle conclusioni concordate che rafforzano la condizione e i diritti delle donne e delle ragazze e forniscono un quadro di riferimento per le politiche e le azioni internazionali finalizzate alla lotta contro la violenza. La Svizzera è stata eletta come membro della CSW con diritto di voto per un periodo di quattro anni a partire dalla 58a sessione nonché come membro dell'Ufficio della CSW per due anni a decorrere dal 15 marzo.

Dopo due settimane e mezza di intensi negoziati presso le Nazioni Unite a New York, gli Stati membri hanno concordato con successo un documento finale che riconosce la necessità di combattere ogni forma di violenza contro le donne e le ragazze. La Svizzera è particolarmente soddisfatta del consenso raggiunto in merito alla lotta contro la violenza domestica, la tratta delle donne e la prostituzione forzata, le mutilazioni genitali femminili, i matrimoni dei bambini nonché i matrimoni precoci e forzati, la violenza sessuale contro le donne come arma di guerra e le molestie sessuali in spazi pubblici e sul posto di lavoro. Nel documento finale sono inoltre state prese in considerazione questioni importanti come la protezione dei difensori dei diritti delle donne.

La CSW ha ribadito l'importanza dell'esistenza di strumenti internazionali, come pure le responsabilità degli Stati e il bisogno di servizi pubblici solidi e coordinati. La Commissione ha inoltre sottolineato la necessità di affrontare le questioni degli stereotipi di genere sia per le donne che per gli uomini e la promozione della responsabilizzazione economica delle donne, dell'educazione sessuale fattuale ed esaustiva e dell'accesso alla contraccezione nonché l'importanza di coinvolgere gli uomini e i ragazzi.

«Uno dei risultati più importanti ottenuti dalla CSW di quest'anno è quello di aver stabilito chiaramente che le usanze, le tradizioni o le considerazioni religiose non possono essere invocate come giustificazioni per la discriminazione e la violenza contro le donne e le ragazze», ha commentato Sylvie Durrer, direttrice dell'Ufficio federale per l'uguaglianza fra donna e uomo e capo supplente della delegazione svizzera.

La Svizzera è fortemente impegnata, sia a livello internazionale sia sul piano nazionale, a combattere ogni forma di violenza contro le donne e le ragazze. Nel 2012 sono state adottate diverse misure, compresa l'emanazione da parte del Parlamento svizzero di due disposizioni penali che puniscono esplicitamente le mutilazioni genitali e i matrimoni forzati. Nel programma di legislatura 2011-2015 è stata altresì inserita una direttiva per l’uguaglianza tra donna e uomo, che include anche la prevenzione della violenza domestica. Infine, il Parlamento ha manifestato il suo sostegno all'intenzione del Consiglio federale di inasprire le misure di lotta contro i matrimoni forzati entro il 2018.


Informazioni supplementari:

Una delegazione svizzera partecipa alla sessione dell’ONU sulla violenza contro le donne e le ragazze a New York


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
Fax: +41 58 464 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri
Dipartimento federale dell