La Svizzera aderisce alla Banca asiatica d’investimento per le infrastrutture

Berna, Comunicato stampa, 25.04.2016

La Svizzera ha depositato oggi lo strumento di ratifica dell’Accordo quadro della Banca asiatica d’investimento per le infrastrutture (AIIB), formalizzando così la sua adesione all’istituto finanziario. Il termine di referendum è scaduto inutilizzato lo scorso 11 aprile. In qualità di membro a tutti gli effetti, la Svizzera potrà d’ora in poi partecipare al Consiglio dei Governatori e sedere nel Consiglio d’amministrazione della Banca. Grazie alla rapida ratifica, il nostro Paese può inoltre partecipare fin dall’inizio al processo di costituzione dell’istituto.

La Svizzera è il 37° Paese ad aver formalizzato l’adesione all’AIIB. Fra questi figurano anche la Cina, l’India e la Russia in qualità di azionisti principali. Dei Paesi non regionali hanno finora ratificato l’adesione l’Austria, la Danimarca, la Finlandia, la Germania, l’Islanda, Israele, il Lussemburgo, Malta, la Norvegia, l’Olanda e il Regno Unito. Il capitale di partecipazione della Svizzera ammonta a 706,4 milioni di dollari, di cui 141,3 vanno effettivamente versati. La sua quota di voto raggiunge lo 0,87 per cento. Con il deposito dello strumento di ratifica, la Svizzera ha già versato la prima delle cinque rate (pari a 28,26 milioni di dollari).

Per le cariche di Governatore e sostituto Governatore della banca, il Consiglio federale ha designato rispettivamente i consiglieri federali Johann N. Schneider Ammann e Didier Burkhalter. Nel Consiglio d’amministrazione, invece, la Svizzera costituisce una circoscrizione insieme alla Danimarca, all’Islanda, alla Norvegia, alla Polonia, al Regno Unito e alla Svezia. La circoscrizione è attualmente presieduta da una direttrice britannica. A partire dalla metà di quest’anno la Svizzera potrà delegare una direttrice supplente, il che le consentirà di partecipare attivamente al processo di costituzione dell’istituto finanziario.

L’AIIB è stata istituita formalmente dal 16 al 17 gennaio 2016 in occasione di una cerimonia costitutiva tenutasi a Pechino. Dopo l’approvazione dei principali atti e l’occupazione delle funzioni dirigenziali più importanti, la banca ha cominciato a svolgere le sue attività. Il suo obiettivo è promuovere in Asia una crescita sostenibile, stabile e sociale finanziando soprattutto progetti infrastrutturali, fondamentali per lo sviluppo della regione. L’AIIB dovrebbe assurgere a una nuova attrice importante nell’ambito del finanziamento dello sviluppo in Asia. Con l’adesione all’AIIB, la Svizzera rafforza il suo impegno e la sua presenza in questo continente, contribuendo nel contempo a schiudere nuove prospettive economiche.


Indirizzo per domande:

Fabian Maienfisch, Comunicazione SECO,
Tel. 058 462 40 20

Informazioni da parte dell’UFAE, tel. 058 462 31 53


Editore

Dipartimento federale dell
Dipartimento federale degli affari esteri