La Svizzera lancia un piano d’azione di politica estera per prevenire l’estremismo violento

Berna, Comunicato stampa, 08.04.2016

In occasione della conferenza sulla prevenzione dell’estremismo violento organizzata dall’ONU e dalla Svizzera a Ginevra il 7 e l’8 aprile 2016, il consigliere federale Didier Burkhalter, capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), ha presentato il Piano d’azione di politica estera della Svizzera per prevenire l’estremismo violento. Con questo piano d’azione, la Svizzera intende contribuire alla lotta contro il terrorismo mediante la prevenzione, rafforzando la capacità di resistenza degli individui e delle comunità. Il Piano d’azione dell’ONU per la prevenzione dell’estremismo violento, presentato nel dicembre del 2015, è stato sostenuto dai rappresentanti di alto livello degli Stati presenti alla conferenza, che hanno sottolineato il ruolo centrale delle Nazioni Unite in questo ambito. In questo contesto, il ruolo dei giovani come attori di cambiamenti positivi è stato messo in evidenza.

Il capo del DFAE Didier Burkhalter e il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon alla conferenza sulla prevenzione dell’estremismo violento a Ginevra.
Il capo del DFAE Didier Burkhalter e il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon alla conferenza sulla prevenzione dell’estremismo violento a Ginevra. EDA

La prevenzione dell’estremismo violento (Preventing Violent Extremism, PVE) richiede interventi a vari livelli. Localmente, comincia dalle strutture sociali, familiari ed educative, e coinvolge le comunità interessate. In Svizzera, i Cantoni e i Comuni, grazie al buon funzionamento delle loro strutture, svolgono un ruolo fondamentale in questo ambito. Si tratta quindi di sensibilizzare le strutture esistenti al fenomeno della radicalizzazioni jihadista, intensificare lo scambio di esperienze e conoscenze, e sfruttare le sinergie. La prevenzione è un importante pilastro della Strategia della Svizzera per la lotta al terrorismo approvata dal Consiglio federale nel settembre del 2015. Oltre a un rafforzamento del dispositivo di lotta al terrorismo (segnatamente la collaborazione interdipartimentale), sono stati creati 86 nuovi posti di lavoro.

Piano d’azione di politica estera della Svizzera

Il Piano d’azione di politica estera per prevenire l’estremismo violento lanciato dal consigliere federale Didier Burkhalter alla conferenza di Ginevra è volto a sostenere gli Stati e le comunità affinché agiscano sul piano sociale in modo da evitare che le persone si lascino convincere dalla propaganda violenta, di matrice politica o ideologica, o reclutare da estremisti violenti. Più concretamente, si tratta di far sì che l’estremismo non trovi un terreno fertile. Per agire sulle sue cause immediate e strutturali, è necessario un impegno a lungo termine nei contesti fragili segnati da conflitti e fenomeni di transizione.

Ci sono vari esempi di come la Svizzera si impegni su questo fronte.

- La Svizzera sostiene un progetto in un quartiere periferico di Tunisi allo scopo di migliorare l’integrazione sociale e politica dei giovani, consentendo loro di partecipare alla gestione politica locale. In tal modo, si creano prospettive e quindi alternative alla violenza estremista.

- Dal 2012, oltre 300 000 persone, soprattutto giovani, in 20 Paesi prioritari della Svizzera hanno seguito una formazione professionale. Secondo il messaggio del Consiglio federale sulla cooperazione internazionale 2017-2020, i mezzi finanziari impiegati a tale scopo dovranno essere aumentati del 50 per cento rispetto al livello attuale. Un esempio è quello della partecipazione della DSC a un progetto di formazione professionale in Honduras, che mira a migliorare l’integrazione nel mercato del lavoro dei giovani di quartieri segnati dalla violenza. Si propone loro così un’alternativa alle bande e alle reti della criminalità organizzata e un modo per uscire dal circolo vizioso della violenza e della povertà.

- Nell’ambito del Forum globale dell’antiterrorismo (GCTF), la Svizzera ha lanciato un processo che ambisce a elaborare standard e raccomandazioni internazionali in materia di giustizia penale minorile nella lotta al terrorismo. Il processo dovrebbe concludersi quest’anno con l’approvazione di un memorandum, al quale seguiranno programmi di cooperazione internazionale.

Nel quadro dell’attuazione del piano d’azione di politica estera, è prevista l’elaborazione di programmi e progetti concreti. Il settore privato ha un ruolo chiave da svolgere nello sviluppo di competenze e nella creazione di opportunità di lavoro. La Svizzera intende quindi collaborare più attivamente con le imprese e si impegna a potenziare il contributo dell’economia privata alle attività del Global Community Engagement and Resilience Fund (GCERF), istituito a Ginevra e sostenuto dal nostro Paese per i primi quattro anni con un importo di quattro milioni di franchi.

Conferenza internazionale sulla prevenzione dell’estremismo violento (piano d’azione dell’ONU)

Alla conferenza di Ginevra, presieduta dal consigliere federale Didier Burkhalter e dal segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, i ministri e capi di organizzazioni regionali e internazionali presenti hanno esposto possibili soluzioni concrete per prevenire l’estremismo violento. Le discussioni hanno toccato anche le cause del fenomeno e le priorità dei piani d’azione nazionali e regionali, in cui avrà particolare peso la promozione e la protezione dei diritti umani. La società civile andrà inoltre considerata come partner importante e sostenuta. Non da ultimo, si è discusso del finanziamento di attività e progetti miranti alla prevenzione dell’estremismo violento. Il contenuto delle discussioni è riportato nelle conclusioni redatte dai presidenti della conferenza (Joint Co-Chairs Summary Conclusions).

Hanno partecipato alla Conferenza circa 700 rappresentanti di governi, di organizzazioni internazionali e regionali, della società civile e del settore privato.


Informazioni supplementari:

Comunicato stampa del DFAE: conferenza di Ginevra sulla prevenzione dell’estremismo violento
Piano d’azione dell’ONU per la prevenzione dell’estremismo violento (fr, en)
GCERF (en)
Comunicato stampa del Consiglio federale: il DFAE sostiene il GCERF
Progetto di integrazione dei giovani nella gestione politica locale a Tunisi (en)
DSC: formazione professionale in Honduras
Allocuzione del consigliere federale Didier Didier Burkhalter


Piano d’azione di politica estera della Svizzera sulla prevenzione dell’estremismo violento(pdf, 328kb)


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
Fax: +41 58 464 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri