Prospettive per giovani disoccupati in Bosnia e Erzegovina


Consulenza di gruppo per giovani donne disoccupate in Bosnia e Erzegovina. © DSC

Obiettivo del progetto Youth Employment (Youth Employment Project, YEP) è aiutare le agenzie pubbliche di collocamento in Bosnia e Erzegovina a migliorare la propria offerta e a introdurre servizi pensati per i giovani, ad esempio consulenze individuali e di gruppo per i disoccupati tra i 18 e i 30 anni. In collaborazione con i partner locali, il progetto YEP promuove inoltre nuove possibilità di impiego ispirate ai modelli dell’imprenditoria sociale.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Bosnia e Erzegovina
Impiego & sviluppo economico
Formazione professionale
Creazione di occupazione
Supporto commerciale & inclusione economica
Formazione professionale
01.04.2016 - 31.03.2020
CHF 4'800'000

In Bosnia e Erzegovina la disoccupazione è un grande problema che concerne soprattutto i giovani: circa il 62% della popolazione tra i 15 e i 24 anni è infatti senza lavoro. Se da un lato mancano possibilità di assunzione, dall’altro l’offerta del Governo per rispondere all’elevato tasso di disoccupazione è lacunosa. Più i giovani sono esclusi dal mercato del lavoro, più perdono le speranze e la fiducia in quelle istituzioni che dovrebbero sostenerli. 

Creare prospettive professionali per i giovani

La DSC sostiene il progetto Youth Employment, volto a dare nuove prospettive ai giovani disoccupati. Il progetto promuove da un lato i servizi di consulenza statali, mostrando nuovi metodi di lavoro e sostenendo i giovani nella ricerca di un impiego, e dall’altro si propone di motivare e incentivare i giovani disoccupati ad avviare un’attività indipendente nell’ambito dell’imprenditoria sociale per crearsi un’opportunità lavorativa. Un potenziale di modelli aziendali sostenibili esiste e va sfruttato appieno. Inoltre è stata creata una rete di 25 «job club» che, insieme ai servizi di consulenza pubblici, permettono ai giovani di migliorare e incrementare le proprie competenze professionali. Un aspetto importante di questo progetto è che anche i giovani provenienti da gruppi socialmente svantaggiati possono usufruire di questi nuovi servizi. 

Fino a gennaio 2017, 6240 giovani disoccupati hanno beneficiato del sostegno dei vari job club; di questi, 2665 hanno trovato nel frattempo un lavoro. Altri 7511 nuovi disoccupati hanno intanto ricevuto una prima consulenza individuale. 

La DSC appoggia questo progetto perché l’accesso al mercato del lavoro per i giovani è un presupposto essenziale affinché possano ottenere nuove prospettive di vita e continuare così a sostenere l’economia.