Rilancio delle communità locali, voce di tutti i cittadini


Cerimonia di consegna dei certificati per la comunità locale e rappresentanti dell’amministrazione comunale
Cerimonia di consegna dei certificati per la comunità locale (MZ) e rappresentanti dell’amministrazione comunale. © DSC

A causa del complesso e difficile contesto politico e amministrativo, i Comuni della Bosnia e Erzegovina si trovano ad affrontare sfide importanti per poter offrire servizi adeguati ai cittadini, che a loro volta si sentono ignorati dalla politica. I livelli amministrativi locali sono considerati i più dinamici e ricettivi per dare voce alle esigenze dei cittadini, motivo per cui il progetto «Strengthening the Role of Local Communities» mira a potenziare le comunità locali (le cosiddette «mjesne zajednice», o semplicemente MZ) al fine di sensibilizzare la popolazione e promuoverne la partecipazione e l’inclusione sociale nei processi di sviluppo a livello locale.

Paese/Regione Periodo Budget
Bosnia e Erzegovina
01.11.2013 - 31.10.2019
CHF 4'774'568

La Bosnia e Erzegovina sta attraversando la più grave crisi socioeconomica dalla guerra del 1992-1995. Gli stalli della politica e la complessa struttura istituzionale del Paese – composto di due entità costituzionali, ossia la Federazione di Bosnia e Erzegovina e la Repubblica serba di Bosnia e Erzegovina – hanno portato a riforme lente, scarsi investimenti, disoccupazione e crescenti disparità sociali. Per far fronte a queste sfide che ostacolano l’integrazione del Paese nell’Unione europea sono necessarie istituzioni efficienti ed efficaci in grado di rispondere alle esigenze dei cittadini. In tale contesto, le comunità locali («mjesne zajednice » o MZ) rappresentano il livello più ricettivo e dinamico. Si tratta di unità di governance comunitaria a livello di villaggio o vicinato e risalgono al periodo jugoslavo. Considerate il miglior strumento per dare voce alle esigenze dei cittadini e promuovere la loro partecipazione ai processi decisionali a livello comunale, le MZ hanno subito un deterioramento dagli anni 1990 a oggi e operano ormai senza funzioni, incarichi e budget ben definiti. Inoltre, gli stessi cittadini sono scoraggiati e in balia di un’apatia dovuta alle precarie condizioni socioeconomiche, agli scarsi progressi delle riforme e ai processi poco partecipativi sul piano locale. Per questo è molto importante rilanciare il lavoro delle comunità locali e incrementare le iniziative comunitarie per migliorare i servizi in funzione delle esigenze dei cittadini, soprattutto dei gruppi emarginati e vulnerabili.

Nuova visione delle communità locali in Bosnia e Erzegovina

Il progetto mira a creare e ad attuare una nuova visione delle MZ in Bosnia e Erzegovina: una visione che permetta di rafforzare il ruolo e l’inclusione delle donne, dei giovani e di altri gruppi emarginati al fine di garantirne la partecipazione alla vita economica, sociale e politica. Il processo di definizione di questa nuova visione include tutti i livelli governativi, a partire dalle MZ. L’obiettivo primario del progetto è potenziare le capacità di alcune MZ per facilitare la formazione di forum di cittadini che possano individuare le esigenze locali e le capacità esistenti. In secondo luogo, il progetto mira a collegare le MZ con le organizzazioni della società civile al fine di lanciare iniziative comunitarie congiunte e occuparsi in particolare delle esigenze dei gruppi emarginati. In tal modo i cittadini potranno far sentire in misura sempre maggiore la loro voce manifestando direttamente le loro esigenze, nonché partecipare ai processi decisionali locali e contribuire alla definizione di piani e budget comunali. Questa partecipazione attiva dei cittadini grazie alle MZ migliorerà l’accesso ai servizi pubblici, la loro qualità e, di conseguenza, la qualità di vita delle comunità locali. Il progetto riguarderà complessivamente 120 MZ appartenenti a 20 Comuni.

Risultati promettenti e impegno delle MZ

Dal 2001 al 2012 la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) è stata impegnata in diversi progetti volti a promuovere uno sviluppo sostenibile dei Comuni e a incrementare la partecipazione comunitaria. Il sostegno offerto alle MZ ha prodotto risultati visibili, sensibilizzando maggiormente gli attori coinvolti ai loro diritti democratici, migliorando la capacità di impegnarsi nei processi decisionali e incrementando in modo significativo la comunicazione tra le MZ e le autorità comunali. Il progetto «Strengthening the Role of Local Communities» rappresenterà la prosecuzione del buon lavoro svolto finora in questo contesto e dei precedenti interventi della DSC.

Ultimi sviluppi

Nel 2016 sono stati compiuti i primi passi per preparare la base del progetto: in particolare, sono stati condotti vari studi e sondaggi per avere un quadro più chiaro del funzionamento delle comunità e individuare le possibilità giuridiche esistenti. Un’analisi comparativa su cinque Paesi ha permesso di elaborare alcune raccomandazioni per la futura governance delle comunità nel contesto bosniaco. Una volta conclusa la procedura di selezione delle MZ, si sono svolte sessioni di formazione per facilitatori da impiegare nelle riunioni delle comunità locali. Particolarmente importanti nel 2016 sono stati i 156 forum organizzati in 77 MZ tra aprile e giugno, a cui hanno partecipato 4500 persone per affrontare le sfide e definire le priorità per le rispettive comunità. Alle MZ sono anche stati forniti gli strumenti necessari per poter organizzare questi forum a intervalli regolari, rendendoli così una forma standard di partecipazione dei cittadini ai processi di governance locale al fine di garantire servizi migliori.