Misurare i risultati: una priorità

La DSC imposta le sue attività sui risultati e sull'efficacia dei suoi investimenti. Ora, per valutare la cooperazione allo sviluppo, non bisogna considerare unicamente le sue attività, ma anche il suo impatto a diversi livelli. Dato il contesto dinamico, il rilevamento degli effetti rappresenta una vera sfida metodologica.

Nel mondo globalizzato, la cooperazione svizzera non è che uno dei numerosi attori che possono influenzare lo sviluppo di un Paese o di una regione. Vista la complessità delle società, la molteplicità degli attori e l'influenza della situazione politica, è spesso difficile dimostrare le relazioni dirette tra cause ed effetti.

Tali fattori rendono più delicata, ma non impossibile, l'analisi dell'efficacia dei programmi di cooperazione. Il modo in cui i progetti sono gestiti è fondamentale per poterli valutare successivamente. Sono dunque necessari una buona pianificazione e un serio controllo. Preparando i suoi progetti e programmi, la DSC definisce sempre gli obiettivi perseguiti, i criteri di valutazione e i controlli da assicurare, al fine di verificare la realizzazione degli obiettivi.

Strumenti e metodi

La complessa relazione tra causa ed effetto può essere illustrata grazie alla catena dei risultati. Essa permette, per i progetti di sviluppo o per le azioni umanitarie, di stabilire i nessi di causalità tra la pianificazione (obiettivi fissati, da raggiungere) e il controllo dei risultati (prestazioni fornite e loro conseguenze).

La valutazione dei risultati di un programma o di un progetto avviene a tre livelli:

  • risultati immediati (output);
  • effetti ottenuti (outcome);
  • impatto (del progetto o del programma)

Gli output sono i beni, l’equipaggiamento e i servizi che risultano dall'intervento. L'analisi degli outcome e dell'impatto misura gli effetti indotti da un intervento, a medio o a lungo termine, positivi o negativi, intenzionali o no, diretti o indiretti. Quando si scavano 300 pozzi, quello che conta è il miglioramento delle condizioni di vita delle popolazioni circostanti, non il numero di buchi scavati.

Al momento della pianificazione di un progetto/programma, la catena dei risultati deriva da ipotesi che non possono essere controllate al 100%. È importante controllarle al meglio per evitare gli effetti negativi inattesi o per limitarli il più rapidamente possibile se essi dovessero verificarsi. Tuttavia, considerando il contesto dinamico i numerosi attori coinvolti e la molteplicità di fattori che influenzano il progetto, non è sempre possibile affermare con certezza che un cambiamento vada ascritto al sostegno fornito.

La DSC intende perseverare nel suo impegno al fine di migliorare ancora le metodologie di controllo e di valutazione dei risultati dello sviluppo. Essa si sforza di osservare l'efficacia, la pertinenza e l'impatto degli interventi sui gruppi beneficiari.