Istruzione di base e formazione professionale

Des jeunes filles africaines lèvent la main.
Nella visione della DSC l’istruzione di base e la formazione professionale sono due aspetti interconnessi e complementari. © UN Photo / Marco Dormino

Una buona educazione è alla base dello sviluppo personale di ogni individuo e dello sviluppo economico e sociale di ogni società. L’istruzione contribuisce a ridurre la povertà e le disuguaglianze e stimola la crescita economica. La DSC persegue l’obiettivo di un’istruzione di qualità e accessibile a tutti in qualsiasi momento della vita adoperandosi in due settori prioritari: l’istruzione di base e la formazione professionale.

L’istruzione è essenziale per uno sviluppo sostenibile, che si fonda sulla coesione sociale e la pace in ogni società. L’obiettivo di un sistema educativo di qualità e accessibile, senza discriminazioni, in qualsiasi momento della vita è il quarto nell’elenco degli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) dell’Agenda 2030. Insieme a quello di un lavoro dignitoso per tutti nell’ambito di una crescita economica duratura e all’obiettivo che punta a eliminare la povertà è al centro dell’impegno della DSC.

In quanto stimola una maggiore consapevolezza su vari piani, l’istruzione può anche contribuire a migliorare le pratiche sanitarie, a difendere l’idea di una produzione agricola responsabile o a sensibilizzare le popolazioni in merito agli effetti del cambiamento climatico.

È assolutamente necessario rafforzare i sistemi educativi in molti Paesi in via di sviluppo o in transizione. Garantire l’accesso all’istruzione è indispensabile inoltre nei contesti cosiddetti «fragili» in cui le disuguaglianze hanno la tendenza ad aggravarsi.

La DSC si impegna nello sviluppo di offerte di qualità nel campo dell’istruzione di base e della formazione professionale. Agli occhi della DSC queste due componenti sono interconnesse e complementari. E non soltanto in una prospettiva lineare di apprendimento. A seconda delle esigenze e dei contesti, può essere interessante proporre insieme moduli di istruzione di base e moduli di formazione professionale: si offrono così più opportunità di integrazione nel mondo del lavoro ai giovani, che possono dimostrare di avere all’attivo una serie di competenze di base.

Il rafforzamento delle offerte educative nei Paesi in via di sviluppo e in transizione è una delle priorità della cooperazione internazionale della Svizzera nei prossimi anni. In virtù del messaggio concernente la cooperazione internazionale 2017-2020 approvato dal Parlamento, i fondi destinati a questo settore aumenteranno del 50% rispetto a quelli previsti per il periodo 2013-2016.

Istruzione di base

La DSC promuove un’istruzione di base adeguata alle esigenze delle popolazioni, di elevata qualità e accessibile a tutti. A questo scopo affianca numerosi Paesi nel processo di riforma dei loro sistemi educativi.

Formazione professionale

Lavorare con le autorità pubbliche e il settore privato permette di sviluppare offerte formative adeguate alle esigenze del mercato. Più giovani possono dunque trovare un lavoro dignitoso e contribuire allo sviluppo del loro Paese.

Progetti attuali

Oggetto 85 – 88 di 88

Skills Development Programme (SDP)

01.05.2014 - 30.06.2020

Skills development is a key driver for inclusive growth in Cambodia, but delivery is poor. Through the Skills Development Program (SDP), SDC supports the rural poor and disadvantaged youth in northern provinces to have better access to more gainful and decent employment and contributes to strengthening the TVET national regulatory framework for better inclusion, more effective deliv­ery and higher relevance of vocational skills to labour market needs. 


Contribution au Programme d’Education du LARES

01.04.2014 - 31.12.2019

La contribution au Programme d’Education du LARES (ex-RECADEL) est un outil d’amélioration de la réussite éducative des filles et des jeunes femmes qui favorise leur insertion socio-professionnelle. Il vise à influencer les politiques et pratiques éducatives au Bénin. En effet, l’équité dans l’accès à l’éducation de base et à la formation professionnelle des jeunes femmes et leur maintien dans le système, notamment dans le département du Borgou, ne sont pas toujours assurés par l’Etat. 


Programme d’éducation alternative des jeunes (PEAJ) - Phase I

01.09.2012 - 31.12.2019

Au Niger, plus de 2 millions d’enfants et de jeunes, déscolarisés ou non scolarisés, soit deux tiers de la population de 9 à14 ans, n’accèdent pas à l’éducation. Ce programme mettra en place 200 centres d’éducation alternative au bénéfice de 12’000 jeunes dans les régions de Dosso et Maradi afin de produire des résultats pouvant constituer un effet levier sur l’ensemble du pays. Les jeunes issus de ces centres pourront intégrer le cursus scolaire, la vie active ou une formation professionnelle.


Polish-Swiss Research Programme (PSRP)

01.10.2009 - 30.06.2017

Under the Polish Swiss Research Programme, Switzerland contributes to enhancing Polish economic competitiveness by strengthening capacity in research. Swiss and Polish research institutions develop and implement joint research activities in the field of health, environment, ICT, renewable energy sources and nanotechnology.

Oggetto 85 – 88 di 88