Il diritto di ognuno a un’istruzione di base

Acquisire conoscenze e competenze di base è fondamentale per fare delle scelte, esercitare i propri diritti di cittadinanza e inserirsi nella società e nella vita professionale. La DSC si impegna affinché ogni persona possa ricevere un’istruzione di qualità e possa realizzare il proprio diritto all’istruzione.

Nella linea di mira della DSC

La DSC si impegna affinché tutti, in particolare bambini e giovani, possano realizzare il proprio diritto a un’istruzione di base. Disporre di un’istruzione di base significa saper leggere, scrivere e far di conto, ma anche capire il mondo in cui si vive. L’istruzione rafforza l’autonomia, migliora il benessere e promuove l’esercizio della cittadinanza.

La DSC sostiene il principio di un accesso equo di tutti all’istruzione, in particolare dei gruppi spesso più vulnerabili: bambini e giovani esclusi dal sistema scolastico, donne, popolazioni rurali e nomadi. Offrire uguali opportunità significa sviluppare sistemi educativi innovativi e performanti, inclusivi e adeguati alle esigenze di bambini e giovani.

In partenariato con le autorità nazionali e locali la DSC agevola l’introduzione di dispositivi educativi decentrati più vicini alle comunità. Rafforza in vari Paesi il sistema educativo e in particolare una scuola dell’obbligo di qualità. Sostiene inoltre l’elaborazione di alternative educative (scuole mobili, insegnamenti proposti nelle lingue locali) rispetto al sistema scolastico ufficiale facendo in modo che siano previste passerelle che permettano di rientrarvi in qualsiasi momento.

La DSC supporta infine l’integrazione di moduli di istruzione di base nei programmi di formazione professionale (corsi di alfabetizzazione) o nei progetti portati avanti in altri settori (salute, acqua, agricoltura, cambiamento climatico, protezione, buongoverno).

In ogni caso la qualità dell’insegnamento è essenziale, perché l’accesso a una struttura scolastica non garantisce che allieve e allievi ne usciranno avendo assimilato delle conoscenze. La DSC opera dunque con molti partner diversi per migliorare la governance e le performance dei sistemi educativi.

Su scala internazionale la DSC finanzia e orienta ampiamente le attività del Partenariato globale per l’educazione (PME), una piattaforma centrale di finanziamento e di dialogo tra donatori, Paesi partner, settore privato e società civile che sostiene i sistemi educativi di circa 60 Paesi in tutto il mondo.

Contesto

Le sfide nel settore dell’educazione sono molte. Secondo le stime, nel 2017 sono 263 milioni i bambini e gli adolescenti privi di istruzione. Molti iniziano la scuola primaria ma poi non la portano a termine, o non imparano nulla a causa della mediocre qualità dell’insegnamento. Nonostante i progressi fatti negli ultimi decenni, un giovane su quattro nei Paesi in via di sviluppo è ancora analfabeta. Una cifra che arriva a quasi uno su due nell'Africa subsahariana e a uno su tre nell’Asia del Sud.

Alla povertà si aggiungono a volte eventi devastanti che impediscono di proseguire gli studi: guerre, catastrofi naturali, esodi forzati.

Tutto ciò mostra l’importanza di rafforzare i sistemi educativi in molti Paesi in via di sviluppo o in transizione e soprattutto nei contesti cosiddetti «fragili» dove le disuguaglianze hanno la tendenza ad aggravarsi. Offrire prospettive educative e socio-economiche ai giovani può contribuire a ridurre i rischi di violenza.

Documenti

Progetti attuali

Oggetto 1177 – 1181 di 1181

Wealth Accounting and Valuation of Ecosystem Services

01.03.2013 - 31.12.2019

Human wellbeing is highly dependent on ecosystems and biodiversity, yet these critical natural resources are being degraded at alarming rates. Part of the solution lies in better informed policy making, in both public and private sectors, which take into account the full value of the benefits from ecosystems. WAVES and the Natural Capital Accounting Program help developing countries to value their natural capital and ecosystem services and how to use this information for policy making in favour of a sustainable development.


Public finance management - Subnational Strengthening Program

14.02.2013 - 31.12.2019

This program aims at providing technical assistance and training to Peruvian subnational governments in the area of public finance management (PFM). The objective is to improve public services delivery and increase cost transparency at the decentralized level. In Peru, regional governments and local governments represent more than 40% of total public spending. However, very little systematic action has been directed so far to support the strengthening and modernization of regional and local governments, thus reducing the capacity of sub-national governments to soundly deliver key public services in areas such as education, health, water and sanitation, waste management, public transport, and security.


Municipal Solid Waste Management Project - Chiclayo Limpio

01.01.2012 - 30.06.2020

Switzerland supports the Peruvian city of Chiclayo in improving the management of the generated municipal solid waste in an integrated manner. The Project has pilot character and will serve the Ministry of Environment and other Peruvian muncipalities as a model.


Partnership for Market Readiness

01.01.2011 - 31.12.2020

The Partnership for Market Readiness (PMR) is a forum for collective action and a fund to support capacity building to scale up climate change mitigation. The PMR brings together more than 30 countries, international organizations, and technical experts to facilitate country-to-country exchange and enables enhanced cooperation and innovation.


Dam Safety Monitoring and Rockfall protection

01.01.2010 - 31.12.2019

The overall objective of the Contribution is to assist the competent Albanian Institutions and the Albanian Power Corporation KESH in raising the safety of the dams at Drin and Mat River Cascades to European standards.

Oggetto 1177 – 1181 di 1181