ONU

Foto delle bandiere degli Stati membri delle Nazioni Unite davanti al Palazzo delle Nazioni a Ginevra nel 2014
Davanti al Palazzo delle Nazioni a Ginevra, sede delle Nazioni Unite, le 193 bandiere degli Stati membri sventolano lungo l’«Allée des drapeaux». © UN Photo/Jean-Marc Ferré

Con 193 Stati membri, l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) è l’unica organizzazione in cui è possibile discutere di una molteplicità di questioni di valenza globale coinvolgendo tutti i Paesi e gli attori interessati. L’ONU vanta un’universalità unica per il ventaglio di temi che tratta, la sua composizione, la partecipazione ai processi decisionali, l’elaborazione di norme e standard di portata internazionale come pure l’influsso planetario. Malgrado alcune lacune, l’ONU gode pertanto di una legittimità senza pari a livello mondiale.

74a Assemblea generale dell’ONU

I bandiere degli Stati membri al di fuori del quartier generale dell'ONU a New York.
Fine settembre comincia a New York la 74a Assemblea generale dell’ONU. © Keystone

Le priorità della Svizzera di quest’anno – diritti umani, riforme dell'ONU e «Science Diplomacy» – si iscrivono nei due assi strategici del suo impegno all’ONU per il 2012-2022: pace e sicurezza da un lato e riforma dell’ONU dall’altro.

Dossier

Per la Svizzera è indispensabile impegnarsi in seno all’ONU. Le sfide attuali – dalla sicurezza e dal mantenimento della pace alla lotta contro la povertà, dai diritti dell’uomo alla protezione delle risorse naturali – hanno una dimensione globale, che trova una corrispondenza ideale nell’ONU.

Dalla sua adesione nel settembre 2002, la Svizzera si è profilata come un membro attivo e innovativo. In seno all’ONU, la Svizzera ha la possibilità di contribuire alla risoluzione di problemi globali e di assumere le proprie responsabilità nell’andamento degli affari mondiali. Ma l’ONU rappresenta anche una piattaforma privilegiata per difendere i nostri interessi nazionali.

L’impegno della Svizzera in seno alle Nazioni Unite si articola su tre assi principali:

  • il lancio e la promozione di iniziative svizzere
  • il rafforzamento della presenza di svizzeri a tutti i livelli dell’organizzazione
  • il lavoro quotidiano delle Missioni permanenti della Svizzera (Ginevra, New York, Vienna) e dei delegati svizzeri presso le organizzazioni e programmi speciali dell'ONU (Roma, Parigi, Nairobi)

Assieme a New York, Ginevra, principale sede europea dell’ONU, è considerata uno dei due grandi centri della cooperazione multilaterale. La «Ginevra internazionale» assicura alla Svizzera un peso politico superiore a quanto ci si potrebbe attendere dalla sua grandezza, contribuendo così al raggiungimento dei suoi obiettivi di politica estera.

Documentazione (2301)

Oggetto 73 – 84 di 2301



Swiss Peace Supporter 3/2017

I movimenti di protesta e le rivolte del 2011 hanno avviato nei Paesi del Nord Africa processi di cambiamento lunghi e dall’esito incerto. Che cosa resta delle cosiddette «primavere arabe»? Quale politica estera deve perseguire la Svizzera nella regione? Questa edizione dello SPS offre una panoramica sulle transizioni in Nord Africa e illustra cosa fa la Svizzera per favorire cambiamenti pacifici.



Piano d'azione del DFAE per l'abolizione universale della pena di morte 2017-2019

Questo piano d’azione illustra in che modo la Svizzera, insieme ad altri partner, sia impegnata in prima linea nell’abolizione della pena di morte nel mondo. La Svizzera respinge categoricamente la pena capitale, in qualsiasi circostanza.






Strategia del DFAE Uguaglianza di genere e Diritti delle donne

Questa strategia definisce i principi di azione e gli obiettivi strategici della politica estera della Svizzera in materia di uguaglianza di genere e diritti delle donne. Inoltre, delinea i tratti fondamentali di un impegno concreto, visibile e deciso che contribuisce a costruire una società più egualitaria, inclusiva e prospera, a vantaggio di tutti.



Flyer: Agenda 2030 - La Svizzera e i Sustainable Development Goals (fuori stampa)

Il flyer illustra il contenuto dell’Agenda 2030, approvata dagli Stati membri dell’ONU nel 2015, e dei suoi 17 obiettivi di sviluppo sostenibile. Presenta inoltre una panoramica dell’attuazione dell’Agenda 2030 in Svizzera nonché della collaborazione con attori esterni alla Confederazione e dei rapporti destinati all’ONU.




Riassunto del rapporto d’efficacia 2017: La cooperazione internazionale della Svizzera nel settore dell’occupazione



Rapporto d’efficacia 2017: La cooperazione internazionale della Svizzera nel settore dell’occupazione

Il Rapporto d'efficacia 2017 presenta i risultati raggiunti dalla cooperazione internazionale della DSC et della SECO nel settore dell’occupazione dal 2005 al 2014. Esperti indipendenti hanno esaminato 72 progetti e programmi per determinare la loro efficacia. Il rapporto indica anche quali fattori hanno influenzato l’efficacia. La DSC e la SECO analizzano regolarmente i risultati raggiunti dalle loro azioni in settori tematici selezionati. I rapporti d’efficacia presentano i risultati di queste analisi.


Oggetto 73 – 84 di 2301

Video (102)

Oggetto 25 – 36 di 102

Editore DSC

Beans improve nutrition in Sub-Sahara Africa (en)

Beans are a significant source of income for rural households and play an important role in combating malnutrition. The Pan-African Bean Research Alliance's program contributes to improved nutrition and health food security in 28 countries in Sub-Saharan Africa.



Editore DSC

Realizzare il potenziale dei piccoli coltivatori

Per dare un contributo sostanziale alla sicurezza alimentare, le piccole aziende agricole devono ampliare la produzione, superando l’autosostentamento e allargandosi alla distribuzione sul mercato. Il documentario mostra l’impegno della DSC a sostegno dei piccoli agricoltori in settori come i diritti alla terra, la diffusione di informazioni o lo sviluppo dello spazio rurale.


Editore DSC

Video sul rapporto d’efficacia sul clima 2014 (en)

La DSC e la SECO analizzano periodicamente l’efficacia delle loro misure in una serie di ambititematici attraverso rapporti d’efficacia. Il video (in inglese) presenta il portafoglio di progetti e i risultatidella cooperazione allo sviluppo della DSC e della SECO nel campo del cambiamento climatico nelperiodo 2000–2012. Il breve filmato completa il rapporto, disponibile in tedesco, francese, inglese, italiano e spagnolo.




Editore DSC

La realtà odierna dei piccoli proprietari terrieri

Attraverso la vita dei Traoré, una famiglia di piccoli agricoltori dell’Africa Occidentale, il film offre uno spaccato del quotidiano dei piccoli contadini nei Paesi in via di sviluppo e mostra come le aziende familiari siano ostacolate nel dispiegamento del proprio potenziale dal cattivo funzionamento dei mercati, dalle insufficienti possibilità di formazione e informazione, dalle conseguenze del mutamento climatico e dal difficile accesso alla terra e all’acqua.


Editore DSC

«Possiamo sfamare il pianeta?»

Nei prossimi trent’anni la popolazione mondiale passerà dai sette miliardi di oggi a circa nove miliardi. Oggi più di 800 milioni di persone patiscono la fame. Tre quarti di queste vivono in campagna e si sostentano, in larga misura, con l’agricoltura. Al contempo aumentano i prezzi dei generi alimentari e i più colpiti sono coloro che vivono in povertà nei Paesi che dipendono dalle importazioni per il loro approvvigionamento alimentare. Sono necessari cambiamenti globali nella produzione e nella distribuzione degli alimenti.



Editore DSC

ICRAF – Rinverdire il paesaggio africano

In collaborazione con l'iniziativa europea di ricerca agricola per lo sviluppo (European Initiative for Agricultural Research for Development, EIARD), la DSC ha finanziato un’ analisi comprendente 20 esempi concreti sull'impatto della ricerca agraria nei Paesi in via di sviluppo, e su tre di essi ha realizzato un filmato.I tre filmati illustrano il lavoro svolto in Africa e Cambogia dagli istituti agrari di ricerca internazionali (sostenuti dalla EIARD) e dalle loro organizzazioni partner. La Svizzera è un membro della EIARD.


Editore DSC

Renforcer la résilience des populations et garantir des terres plus vertes (en)

Il est fondamental de renforcer la résilience des populations face aux sécheresses et aux catastrophes naturelles grâce à la gestion durable des terres.La présentation montre les expériences réalisées en matière de gestion des terres dans une optique de résistance aux risques ainsi que l’importance de mettre celles-ci à profit. Il serait possible de renforcer la résilience face au changement climatique, aux sécheresses et aux catastrophes si les agriculteurs de la planète pratiquaient une gestion des terres durable et partageaient leurs expériences positives. Une question reste cependant en suspens : comment faire pour réunir ces expériences et les intégrer dans les politiques nationales de lutte contre la sécheresse ?


Editore DSC

Film sul progetto Cash per rifugiati siriani (de)

Les vidéos produites à l'occasion de la Journée annuelle montrent les activités de l'Aide humanitaire. Dans la vidéo sur le Liban, une collaboratrice de la DDCrend visite à des familles de réfugiés syriens hébergés par des Libanaisqui ont reçu un soutien de la DDC.

Oggetto 25 – 36 di 102