Stato d’avanzamento

Neue Endstation der Tramlinie in der Tschechische Republik.
Un nuovo tram per la città ceca di Olomuc: un progetto realizzato nell’ambito del contributo all’allargamento. © SECO

L’attuazione del contributo svizzero all’UE allargata procede nella giusta direzione: A metà giugno 2017 i progetti nei Paesi dell’UE-10 sono stati conclusi con successo dopo la fase di pianificazione e di attuazione durata 10 anni. In Romania e Bulgaria la fase di attuazione dura ancora fino a dicembre 2019, in Croazia fino alla fine del 2024.

Dal 2008 la Svizzera partecipa a diversi progetti volti a ridurre le disparità economiche e sociali negli Stati che sono entrati nell’UE a partire dal 2004. La durata dei progetti dipende dall’anno di adesione all’UE:

  • la Svizzera ha finanziato progetti intesi a eliminare le disparità economiche e sociali in Polonia, Ungheria, Repubblica ceca, Lituania, Slovacchia, Lettonia, Estonia, Slovenia, Cipro e Malta con un contributo di un miliardo di franchi. La Svizzera ha realizzato complessivamente 210 progetti. In linea di massima, gli obiettivi definiti originariamente non solo sono stati raggiunti, ma in molti progetti addirittura superati;

     

  • in Bulgaria e Romania la Svizzera finanzia 13 fondi tematici e 28 progetti con un contributo di 257 milioni di franchi. I progetti saranno realizzati entro la fine del 2019;

     

  • dal 1° luglio 2013 la Croazia è il 28° Stato membro dell’UE e ha ricevuto 45 milioni di franchi dalla Svizzera a titolo di sostegno. Il periodo d’impegno è terminato il 31 maggio 2017 e i 12 progetti che sono scaturiti dal credito saranno realizzati entro il 2024.