Borse d’eccellenza della Confederazione: il Governo crea le basi legali per digitalizzare le procedure

Comunicato stampa, 16.10.2019

Con una modifica di ordinanza, decisa il 16 ottobre 2019, il Consiglio federale crea le basi legali necessarie per digitalizzare le procedure di presentazione ed elaborazione delle domande concernenti le borse d’eccellenza della Confederazione.

La Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) sta ampliando con nuove funzionalità il proprio software di gestione delle borse d’eccellenza della Confederazione. L’obiettivo è introdurre un nuovo strumento per l’iscrizione online nonché per la valutazione e il disbrigo digitale delle domande. La modifica dell’ordinanza concernente i sistemi d’informazione nella formazione professionale e nel settore universitario (O-SIFPU), necessaria a tal fine, entrerà in vigore il 1° gennaio 2020. La SEFRI intende svolgere una prima fase pilota nell’anno scolastico 2020/2021. Secondo le previsioni, il sistema sarà operativo a partire dal 2022.

La Confederazione assegna ogni anno circa 200 nuove borse di studio a ricercatori e artisti stranieri in Svizzera. L’offerta è accessibile a giovani talenti di oltre 180 Paesi. Le borse d’eccellenza sono rese note e messe a concorso dalla SEFRI in stretta collaborazione con la rete delle rappresentanze svizzere all’estero del DFAE e la rete swissnex. Circa 1000 ricercatori in erba concorrono ogni anno per aggiudicarsi una di queste borse nell’ambito di una procedura di concorso. La selezione compete alla Commissione federale delle borse per studenti stranieri (CFBS).


Indirizzo per domande:

Walter Grossenbacher-Mansuy,
capounità Borse di studio internazionali
+41 58 463 26 75, walter.grossenbacher@sbfi.admin.ch
www.sbfi.admin.ch/scholarships_it


Editore

Il Consiglio federale
Dipartimento federale dell