Amministrazione federale admin.ch
Dipartimento federale degli affari esteri

Navigazione

Navigazione principale

Sottonavigazione

Ulteriori informazioni

Ricerca rapida

https://www.facebook.com/ambasciatadisvizzera?ref=hl  https://twitter.com/  

Passaporto e/o carta d'identità Svizzero
Visti
12.12.2008 - La Svizzera aderisce allo spazio Schengen
Svizzera - UE
Rappresentanza Svizzera a Malta

 http://www.eda.admin.ch/eda/it/home/reps/eur/vmlt/afomal.html Rappresentanza Svizzera a Malta           

Condizioni lavorative e salariali in Svizzera
ASO-Organizzazione Svizzeri all'estero
Riviste online

Lei si trova qui:

Roma: Ambasciata di Svizzera in Italia, Malta e San Marino

Veduta della sede dell'Ambasciata a Roma

 (800 x 600)
Ambasciata Roma © DFAE

Circoscrizione consolare
Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, e Umbria nonché la Repubblica di Malta e di San Marino



http://www.eda.admin.ch/eda/it/home/dfa/orgcha/sectio/condir/sercit/hlplne.html Helpline DFAE
Tel: +41 800 24 73 65

Ambasciata di Svizzera
Via Barnaba Oriani 61
00197 Roma  

Tel:      
+39 06 809 571 
Fax:      +39 06 808 85 10
E-mail:  Interner Link rom.vertretung@eda.admin.ch

Come arrivare in Ambasciata
http://www.atac.roma.it/ ATAC
http://maps.google.ch/maps?q=Via+Barnaba+Oriani,+61,+I-00197+Roma&hl=de&cd=1&ei=SiGXTKKiFtC9sAbRuOj9AQ&vps=2&jsv=277b&sll=41.926816,12.485074&sspn=0.006295,0.006295&ie=UTF8&view=map&cid=1771301294882581700&iwloc=A&ved=0CHAQpQY&sa=X Google map


Consolato
Largo Elvezia 15
00197 Roma

Tel:  +39 06 809 571
Fax: +39 06 808 08 71
E-mail: Interner Link rom.vertretung@eda.admin.ch

Orario di apertura degli sportelli:
Lunedì–Venerdì: 09.00–12.00
Sabato e domenica chiuso

Per informazioni telefoniche:
dal lunedì al giovedì dalle 14.00 alle 17.30
il venerdì dalle 09.00 alle 13.00

Come arrivare al Consolato
http://www.atac.roma.it/ ATAC
https://maps.google.it/maps?q=Largo+Elvezia,+15,+Roma,+Rome&hl=fr&ll=41.926267,12.48495&spn=0.000032,0.014012&sll=41.926243,12.484943&sspn=0.002625,0.003503&oq=Largo+Elvezia+15,+Roma&t=h&hnear=Largo+Elvezia,+Roma,+Lazio&z=16&layer=c&cbll=41.926267,12.48495&panoid=0h4BtfhxHJBAgHbzOUX7IA&cbp=12,24.89,,0,6.2 Google map

 (526 x 50)

Premio del cinema svizzero 2014: trionfa «Der Goalie bin ig»
Berna, 21.03.2014 - Alla presenza del consigliere federale Alain Berset sono state premiate questa sera le eccellenze della creazione cinematografica svizzera del 2014. La 17a edizione del Premio del cinema svizzero si è svolta allo Schiffbau di Zurigo. Lo show serale è stato trasmesso in live streaming su srf.ch per il grande pubblico. Trionfatore della serata è «Der Goalie bin ig», che ha ricevuto ben quattro premi nelle categorie «Miglior film», «Migliore sceneggiatura», «Miglior interprete maschile» e «Migliore musica da film». «Left Foot Right Foot» è stato premiato con due «Quartz»: per la «Migliore interpretazione da non protagonista» e per la «Migliore fotografia». Tra i migliori interpreti del 2014 si annoverano Ursina Lardi, Marcus Signer e Dimitri Stapfer.
Padiglione della Svizzera alla 14. Mostra Internazionale di architettura - Lucius Burckhardt and Cedric Price
Lucius Burckhardt and Cedric Price — A stroll through a fun palace è un progetto poliedrico a cura di Hans Ulrich Obrist, che sarà presentato al Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia e nel Padiglione della Svizzera ai Giardini della Biennale dal 7 Giugno al 23 Novembre 2014.
Partecipazione ai programmi dell'UE Erasmus+, Orizzonte 2020 e MEDIA
Berna, 07.03.2014 - Il Consiglio federale ha preso atto della decisione della Commissione europea di sospendere la partecipazione elvetica ai programmi Erasmus+, Orizzonte 2020 e MEDIA e di considerare la Svizzera un Paese terzo. Ha dunque incaricato la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) e l’Ufficio federale della cultura (UFC) di elaborare apposite soluzioni transitorie.
Restituiti all’Italia gli ultimi beni culturali

Berna, 06.03.2014 - Martedì scorso il Ministero pubblico di Basilea Città ha consegnato ai Carabinieri del comando Tutela Patrimonio Culturale ciò che restava di 4536 tra opere d’arte e reperti archeologici. Grazie alla buona e stretta collaborazione con le autorità italiane, si è così conclusa con successo una procedura di assistenza giudiziaria durata diversi anni. In tal modo la Svizzera ribadisce di non voler essere sfruttata come rifugio e piazza di scambio del commercio illegale di opere d’arte.

https://www.news.admin.ch/message/index.html?lang=it&msg-id=52210 Comunicato stampa