Scienza e ricerca in Svizzera: fatti e cifre

La Svizzera svolge un ruolo internazionale di primo piano nella ricerca ed è uno dei Paesi più competitivi al mondo.

Rolex Learning Center al Politecnico federale di Losanna
Il Rolex Learning Center del Politecnico federale di Losanna è stato inaugurato nel 2010. Possiede una delle più importanti collezioni di opere scientifiche in Europa. © PFL

  • La Svizzera è tra i Paesi più dinamici al mondo nel settore della ricerca e dello sviluppo (R&S) a cui destina quasi il 3.4% del PIL. Nel confronto internazionale è uno dei Paesi che investe nel settore R&D il maggior numero di risorse in rapporto al PIL (è all’quarto posto tra i Paesi dell’OCSE).
  • La Svizzera destina 22 miliardi CHF al settore della ricerca e dello sviluppo. La parte più consistente è finanziata (86%) e svolta (71%) dalle aziende private.
  • In termini di volume di pubblicazioni la Svizzera è al 17° posto nel mondo con una quota dell’1,2% delle pubblicazioni mondiali. In rapporto alla sua popolazione, la Svizzera è il Paese più produttivo, con 3,9 pubblicazioni ogni 1000 abitanti. Si tratta di pubblicazioni che godono di un grande riconoscimento internazionale: il loro impatto supera del 17% la media mondiale (terzo posto dopo gli Stati Uniti e i Paesi Bassi)
  • Nel 2013 in Svizzera sono state depositate 269 domande di brevetto per milione di abitanti: dopo il Giappone, la Svizzera è il secondo Paese al mondo per numero di brevetti depositati per abitante.
  • Nel Rapporto sulla competitività mondiale del World Economic Forum 2016-2017 la Svizzera è risultata al primo posto della classifica per l’ottavo anno consecutivo.
  • L’indice mondiale dell’innovazione 2017, pubblicato dalla Cornell University, dall’Insead e dall’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (OMPI), pone la Svizzera al primo posto tra i Paesi più innovativi del pianeta.
  • Dalla sua fondazione nel 1952, il Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (FNS) ha esaminato oltre 70’000 richieste di promozione per progetti di ricerca e ha permesso a oltre 20’000 giovani scienziati di trascorrere un periodo di ricerca all’estero.
  • La Commissione per la tecnologia e l’innovazione (CTI) sostiene la ricerca applicata e promuove la creazione e lo sviluppo di startup, come pure il trasferimento del sapere e delle tecnologie. Nel 2016 ha sostenuto 539 progetti con fondi federali pari a 184,6 milioni CHF.
  • Grazie ai risultati ottenuti nel campo delle scienze naturali, i due Politecnici federali di Zurigo e Losanna hanno acquisito fama mondiale. L’impegno di ricercatori e docenti stranieri vanta una lunga tradizione nei due istituti: in entrambi il corpo docenti è formato per oltre il 50% da persone provenienti dall’estero.
  • Il Politecnico federale di Zurigo è l’ottava migliore università al mondo secondo la classifica di QS del 2016.