News della DAE

I comunicati stampa relativi alla politica europea sono accessibili qui. L’amministrazione federale dispone di un sito Internet sul quale vengono pubblicati tutti i comunicati stampa dei rispettivi dipartimenti e Uffici.

Potete riceverli abbonandovi tramite il link sotto indicato.

Abbonamenti alle news

Ordina i risultati per
Seleziona il periodo

Tutte (37)

Oggetto 1 – 12 di 37

Svizzera e Croazia: relazioni strette e dinamiche

08.07.2019 — Comunicato stampa DEA
Lunedì 8 luglio 2019 la presidente croata Kolinda Grabar-Kitarović è giunta in Svizzera per una visita ufficiale. I circa 30 000 cittadini croati che vivono in Svizzera e i 300 000 turisti svizzeri che ogni anno visitano la Croazia sono indice dei buoni rapporti fra i due Paesi. La Croazia è inoltre il secondo più importante partner commerciale della Svizzera nell’Europa sudorientale. Lo scorso anno il volume degli scambi commerciali fra i due Paesi ha raggiunto un livello da record. La visita della presidente Grabar-Kitarović si è svolta prima che la Croazia assumesse per la prima volta il ruolo di presidenza del Consiglio dell’UE.





Il presidente della Confederazione Alain Berset in visita in Romania, prossima presidenza del Consiglio dell’UE

01.11.2018 — Comunicato stampa DEA
Giovedì 1° novembre 2018 il presidente della Confederazione Alain Berset si è recato in Romania nell’ambito dei tradizionali contatti con la futura presidenza del Consiglio dell’UE. A partire da gennaio 2019 la Romania assumerà infatti per la prima volta la presidenza semestrale del Consiglio dell’UE. Oltre a temi bilaterali, nell’incontro ufficiale con il presidente rumeno Klaus Werner Iohannis sono stati affrontati in particolare argomenti di politica europea.


Dossier europeo: il Consiglio federale porta avanti i negoziati con l’UE nell’ambito del mandato attuale

28.09.2018 — Comunicato stampa DEA
Durante la seduta del 28 settembre 2018 il Consiglio federale ha stilato un nuovo bilancio sulla politica europea e ha deciso di portare avanti i negoziati sull’accordo istituzionale con l’Unione europea nell’ambito del mandato attuale. Il Governo desidera inoltre mantenere un dialogo con i partner sociali e i Cantoni e ha adottato il messaggio concernente il secondo contributo svizzero all’Unione europea allargata nonché il messaggio concernente la revisione della legge sull’asilo, che si inserisce nel medesimo contesto.


Il consigliere federale Ignazio Cassis in Bulgaria per colloqui politici e per visitare un progetto di promozione della formazione professionale

11.09.2018 — Comunicato stampa EDA
Il consigliere federale Ignazio Cassis si è recato in visita ufficiale in Bulgaria, dove ha incontrato la vicepremier e ministra degli esteri Ekaterina Zakharieva. Al centro dei colloqui vi erano le esperienze della presidenza bulgara del Consiglio dell’Unione europea, lo stato dei negoziati istituzionali tra la Svizzera e l’UE nonché alcune questioni bilaterali. Il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha inoltre visitato a Sofia un progetto di formazione professionale sostenuto dalla Svizzera nel quadro del contributo all’allargamento.


Questioni bilaterali, minoranze linguistiche, Europa: il consigliere federale Ignazio Cassis in Romania per colloqui politici

10.09.2018 — Comunicato stampa DEA
Nel quadro di una visita ufficiale il consigliere federale Ignazio Cassis ha incontrato a Bucarest il capo del Governo Vasilica-Viorica Dăncilă e il suo omologo, il ministro degli esteri Teodor Meleșcanu, per colloqui bilaterali. Gli incontri erano incentrati sulla prossima presidenza rumena del Consiglio dell’UE, sulla politica europea e su temi bilaterali oltre che sulla cooperazione tra i due Paesi nell’ambito del contributo all’allargamento. In precedenza il consigliere federale Cassis aveva avuto uno scambio con rappresentanti della minoranza di lingua tedesca in Romania a Sibiu/Hermannstadt.


Il presidente della Confederazione Alain Berset in Lettonia per i 100 anni dell’indipendenza di questa Repubblica

14.05.2018 — Comunicato stampa DEA
Il 14 maggio 2018 il presidente della Confederazione Alain Berset è stato ricevuto in Lettonia per una visita di Stato. Quest’anno la Repubblica baltica celebra i 100 anni della sua indipendenza. La visita ha consentito di elogiare le eccellenti relazioni bilaterali e di discutere del loro approfondimento. In programma vi erano anche numerosi temi internazionali.


Avvio della procedura di consultazione su un secondo contributo della Svizzera ad alcuni Stati membri dell’UE

28.03.2018 — Comunicato stampa DEA
In occasione della sua seduta del 28 marzo 2018 il Consiglio federale ha deciso di avviare la procedura di consultazione su un secondo contributo della Svizzera ad alcuni Stati dell’Unione europea, volto a ridurre, anche in futuro, le disparità economiche e sociali nell’UE. Le priorità tematiche di questo contributo, formazione professionale e migrazione, erano già state fissate dal Consiglio federale lo scorso anno.


Visita di lavoro della consigliera federale Sommaruga in Bulgaria: firmato un accordo sulla cooperazione di polizia

26.01.2018 — Comunicato stampa DEA
La Svizzera e la Bulgaria intendono intensificare la cooperazione di polizia. Venerdì 26 gennaio 2018, la consigliera federale Simonetta Sommaruga e il ministro bulgaro degli affari interni Valentin Radev hanno firmato un accordo bilaterale sulla cooperazione di polizia. In occasione della visita di lavoro, il Capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) ha inoltre visitato due progetti di aiuto alle vittime della tratta di esseri umani realizzati nell’ambito del contributo svizzero all’allargamento dell’Unione europea (UE).


Dichiarazione della presidente della Confederazione Doris Leuthard in merito alla decisione dell’UE sull’equivalenza delle borse

21.12.2017 — Comunicato stampa DEA
Il Consiglio federale si è occupato a più riprese della questione dell’equivalenza delle borse. Negli ultimi giorni e settimane la Svizzera è intervenuta a più livelli, ribadendo la propria posizione in particolare nei confronti degli Stati membri, della Commissione e del presidente della Commissione. E la sua posizione è chiara: la Svizzera adempie le condizioni per il riconoscimento dell’equivalenza delle borse, esattamente come gli altri Paesi terzi che hanno ricevuto un riconoscimento senza limiti temporali. Pertanto riteniamo che il riconoscimento limitato nel tempo costituisca una chiara discriminazione della Svizzera. Anche il fatto di vincolare questo dossier tecnico alle questioni istituzionali risulta inopportuno e inaccettabile.

Oggetto 1 – 12 di 37

Comunicato stampa (36)

Notizia (1)