Giornata mondiale dell’aiuto umanitario «Una vocazione più che una scelta»

Articolo, 16.08.2019

Ogni anno, il 19 agosto si celebra la Giornata mondiale dell’aiuto umanitario. In questa occasione si rende omaggio al lavoro svolto da donne e uomini che accorrono in aiuto delle persone bisognose. Giuseppe Rullanti è uno di loro. Da oltre vent'anni, questo specialista del Corpo svizzero di aiuto umanitario svolge mission per conto della DSC e di altre organizzazioni. La testimonianza. 

Giuseppe Rullanti posa al centro di un gruppo di abitanti del villaggio.
Giuseppe Rullanti (in ginocchio al centro) durante la visita di un progetto nella regione rurale di Tambo, nel sud della Colombia. © DSC

Giuseppe Rullanti è tra coloro che hanno scelto di servire la causa umanitaria. Originario di Ginevra, ha iniziato la sua carriera nel 1997 con una missione in Mauritania per conto dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR). Per diversi anni ha svolto ulteriori missioni in Africa per conto dell’ACNUR. In seguito è entrato a far parte del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA) e il suo primo incarico lo ha portato in Sudan. Come per altri membri del CSA, in seguito le sue competenze sono state messe a disposizione delle agenzie delle Nazioni Unite e del Movimento internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa. Tali organizzazioni hanno potuto così beneficiare della sua esperienza nel campo dei programmi di trasferimenti di denaro contante in una ventina di paesi. Giuseppe, papà di un bimbo, è attualmente in viaggio in America Latina per conto dell’ACNUR. La storia di un uomo determinato a porre rimedio alle sofferenze di cui è stato testimone in ogni fase della sua lunga carriera.

1. Giuseppe Rullanti, perché hai scelto una carriera nel campo umanitario?

Più che una scelta si tratta di una vocazione la cui traiettoria assume un senso quando si è in grado di analizzare la propria vita con lucidità. Così facendo è possibile bilanciare le nostre relazioni con le persone in situazioni di vulnerabilità e applicare efficacemente il principio di solidarietà. A mio parere, questo principio dovrebbe essere l'unica ragion d’essere del nostro impegno. Il mio orientamento professionale deriva dalla mia storia di vita, dal mio interesse per la ricchezza delle differenze e dalle mie convinzioni sulla solidarietà che sono state costruite e rafforzate nel tempo.

2. Sei uno specialista in programmi di trasferimento di denaro contante. Di cosa si tratta esattamente?

È un modo di assistere le popolazioni in situazioni di disagio. Invece di fornire assistenza sotto forma di materiale, eroghiamo loro una somma di denaro che corrisponde al valore d'acquisto dei prodotti locali destinati a soddisfare i loro bisogni (alimentari o altro). Questo tipo di aiuto offre quindi più scelta e dignità alle persone vulnerabili. Inoltre, iniettare denaro in un'economia locale contribuisce a renderla più dinamica favorendo così lo sviluppo economico endogeno.

3. Cosa è cambiato tra l'inizio della tua carriera e oggi?

In generale le pressioni politiche, economiche e burocratiche stanno alienando il mandato dell'aiuto umanitario. Il principio di solidarietà è spesso tergiversato e quindi è necessario sottolineare nuovamente il carattere umanitario di questa professione. Un altro cambiamento riguarda l'approccio dei risultati che vede spesso il fattore quantitativo prendere il sopravvento sul qualitativo. Si dovrebbe ritrovare il giusto equilibrio e prendersi il tempo necessario per costruire un rapporto di fiducia con le popolazioni con cui (e non per cui) lavoriamo.

4. Cosa rende la professione umanitaria così speciale?

Il suo mosaico multidisciplinare. Al di là delle dimensioni tecniche specifiche di ogni settore d'attività dell'assistenza umanitaria (alimentazione, alloggio, istruzione, mezzi di sussistenza, salute, ecc.), le relazioni interculturali offrono costantemente un rinnovamento nella nostra percezione del mondo, che spesso delimitiamo al nostro etnocentrismo. In altre parole, ogni cultura di cui si fa conoscenza equivale ad aggiungere una nuova finestra nella dimora della nostra personalità. 

5. Un evento significativo nella tua carriera?

È difficile limitarsi a un solo evento poiché ci sono tante esperienze da condividere dal punto di vista umano. Voglio menzionare l'emancipazione dei popoli tramite l'attuazione di progetti che li incoraggiano a spezzare il circolo vizioso della povertà. Poiché il trasferimento di conoscenze porta a un trasferimento di potere, queste popolazioni si trovano in una posizione migliore dalla quale assumere il controllo del loro futuro. Poter essere testimone di queste trasformazioni è qualcosa di molto speciale.