Medio Oriente

In Medio Oriente la Svizzera adotta un approccio fondato sulla visione formulata nelle risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU: due Stati democratici, Israele e Palestina, che vivono uno accanto all’altro, in pace ed entro confini sicuri e riconosciuti.  In questo contesto, la Svizzera sostiene un dialogo inclusivo, la promozione dei diritti umani e il rispetto del diritto internazionale. 

L’aiuto umanitario che fornisce il nostro Paese, basato su principi umanitari fondamentali, mira a proteggere la vita e la salute umana. Con il suo sostegno allo sviluppo, la Svizzera incoraggia l’innovazione e la creazione di prospettive di lavoro per le giovani generazioni nel Territorio palestinese occupato. Si impegna inoltre per i diritti delle donne e per una maggiore uguaglianza tra donne e uomini.

Cartina del Territorio palestinese occupato
© DFAE

In un contesto regionale mutevole e con notevoli ostacoli che ne impediscono la risoluzione, il conflitto mediorientale rimane una questione fondamentale nel quadro dell’impegno della Svizzera. Il nostro Paese sostiene dunque un dialogo inclusivo e promuove i diritti umani e il rispetto del diritto internazionale. Fornisce aiuto umanitario fondato su principi fondamentali, teso a proteggere la vita e la salute delle persone, e un sostegno allo sviluppo globale che incentiva la creazione di prospettive e di mezzi di sostentamento dignitosi e sostenibili. 

Convinta che le opportunità economiche per le giovani generazioni contribuiranno a stabilizzare la regione, la Svizzera – forte della sua esperienza – sostiene il potenziale di innovazione nel Territorio palestinese occupato, aumentando la cooperazione con il settore privato. Si impegna inoltre per i diritti delle donne e per una maggiore uguaglianza tra donne e uomini.

Il suo programma di cooperazione è in linea con la Strategia di cooperazione internazionale 2021–2024 e con la Strategia MENA 2021–24. 

Prevenzione dei conflitti e promozione della pace

La Svizzera contribuisce a migliorare le condizioni per la ripresa di un vero dialogo tra tutte le parti in vista di una pace giusta e duratura tra Israeliani e Palestinesi. Promuove gli spazi di dialogo tra le comunità, le personalità e i responsabili delle decisioni politiche e religiose al fine di rafforzare la fiducia e modelli di convivenza giusti ed equi.

È convinta della fattibilità di una soluzione a due Stati e promuove un contesto che consenta di migliorare la riconciliazione palestinese e l’unità nazionale.

La Svizzera è uno dei pochi attori internazionali ad attuare un programma globale e inclusivo di promozione della pace che include Israele, la Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, e Gaza, fornendo anche aiuto umanitario e sostegno allo sviluppo.

Pace e diritti dell’uomo

Stato di diritto, protezione e parità di genere

La Svizzera contribuisce a proteggere e a promuovere la dignità e la sicurezza nel Territorio palestinese occupato e in Israele, in particolare per le popolazioni più vulnerabili, in un contesto di discriminazione e di espansione degli insediamenti illegali. Si adopera affinché tutte le parti promuovano e rispettino i diritti umani e il diritto internazionale umanitario. Si impegna anche per vedere riconosciuto il diritto dei Palestinesi di avere accesso a servizi sanitari, acqua e risorse naturali. Si batte per l’uguaglianza tra donna e uomo in particolare attraverso attori locali che lottano contro la violenza di genere. 

Fragilità, conflitti e diritti umani

Uguaglianza tra donne e uomini

Diritto internazionale umanitario

Sviluppo economico inclusivo, occupazione giovanile e innovazione

Per rafforzare la coesione e la stabilità sociale, la Svizzera contribuisce a salvaguardare i posti di lavoro e a creare nuove prospettive soprattutto per donne e giovani disoccupati. Si prefigge di migliorare le condizioni per uno sviluppo economico innovativo e inclusivo. Tra i settori interessati vi sono l’agricoltura e l’agroalimentare, che impiegano il 25 per cento della forza lavoro. Partenariati nuovi ed esistenti, anche con il settore privato, favoriscono lo sviluppo dell’imprenditorialità e di altre competenze necessarie per le generazioni di studenti e diplomati. Tra le attività promosse, la Svizzera sostiene iniziative e startup ad alto potenziale di occupazione e impatto sociale. Si cercano partenariati con attori svizzeri, soprattutto università, istituti per l’innovazione e il settore privato, e con gli attori regionali interessati. 

Sviluppo del settore privato e servizi finanziari

Governance locale e fornitura di servizi di base

La Svizzera cerca di rafforzare l’inclusione sociale a livello locale e di migliorare la fornitura di servizi di base di qualità per l’intera popolazione. Le attività che promuove consistono anche nel rafforzare le capacità delle province e nel favorire la partecipazione di cittadini e cittadine al processo decisionale, in particolare la rappresentanza di donne e giovani nelle amministrazioni locali. Gli attori umanitari e le Nazioni Unite completano queste attività erogando servizi nei settori dell’istruzione, della sanità e dell’acqua. Viene così assicurato un legame stretto tra lo sviluppo e l’aiuto umanitario. L’UNRWA continua a essere un’organizzazione multilaterale essenziale, perché fornisce istruzione e assistenza medica ai profughi e protezione sociale ai gruppi più vulnerabili a Gaza e in Cisgiordania. 

In collaborazione con altri enti donatori come la Banca Mondiale, la DSC dà voce alle comunità vulnerabili ed emarginate per far sì che questi programmi non lascino indietro nessuno. La Svizzera partecipa ai meccanismi di coordinamento dei donatori umanitari per garantire un sostegno efficace e coerente. 

Buongoverno

Aiuto immediato e aiuto d'urgenza

Istruzione di base e formazione professionale

Approccio e partner della Svizzera

Il DFAE si avvale di un mix complementare e flessibile di partenariati con organizzazioni internazionali (ONU, IFI, CICR, FAO), ONG internazionali, locali e svizzere, autorità nazionali e altri partner locali pubblici e privati (p. es. università, parchi tecnologici o associazioni di categoria). Nel Territorio palestinese occupato, i partenariati congiunti con Paesi che condividono gli stessi principi sono fondamentali per mitigare i rischi, migliorare il coordinamento e aumentare l’efficacia degli aiuti. Il sostegno a tutti i partner è attentamente monitorato: la selezione si basa sulla loro sintonia con i valori della politica estera svizzera e con le priorità tematiche della Svizzera nonché sulla loro professionalità, la loro efficacia e il loro impatto.

Progetti attuali

Oggetto 1 – 12 di 18

Program contribution to OHCHR for promotion and protection of human rights in the oPt

01.01.2025 - 31.12.2029

Switzerland supports the office of the UN High Commissioner for Human Rights in the occupied Palestinian territory (oPt) to contribute to the effective realization of adherence to human rights and international humanitarian law in the oPt and to influence the behaviour of the relevant duty bearers. OHCHR has an exceptional role both in the humanitarian and development spheres in the oPt’s complex context of multiple duty bearers and harsh political and humanitarian realities.


Exiting partnership with PNGO: Strengthening Advocacy, Policy and Communications Capacity on nexus

01.01.2023 - 31.12.2024

Switzerland aims to exit its partnership with the network of Palestinian NGOs (PNGO) while ensuring consolidation of PNGO’s leading role in service delivery applying nexus approach to strength coherence between humanitarian, development efforts while preserving the viability of the 2-states solution, to effectively reduce people’s needs, risks and vulnerabilities while supporting prevention efforts. The contribution continues to enhance the prospects for Palestinians to live in dignity, prosperity and peace. This support is in line with the Swiss Cooperation Programme Near East 2021 - 2024 by promoting protection of the Palestinian population by all duty-bearers.


Resilient culture & art for social change

01.12.2022 - 31.12.2026

Culture and arts play a key role to promote Palestinian identities, dialogue and freedom of expression. Switzerland contributes with this proposal to a diverse, innovative and more resilient cultural sector able to foster democratic values and voice the needs and aspirations of the civil society. The programme employs art as entry point for social dialogue and builds the entrepreneurial capacities of emerging artists in partnership with Qattan Foundation and Welfare Association.  


Support to Village Councils – Area C Infrastructure

01.02.2022 - 31.12.2024

Switzerland fosters the resilience of marginalised communities in Area C of the West Bank by enhancing planning capacities of local authorities and improving the access to basic infrastructure in partnership with UNHABITAT and the Municipal Development and Lending Fund MDLF. SDC’s contribution is part of a wider donor engagement in Area C to Leave No One Behind. A stronger accent is put in this third and final phase on active participation of women and youth in the selection and social auditing of infrastructure projects.


GVCD - Gaza Vulnerable Communities Development Programme

01.01.2022 - 31.12.2024

Through the Gaza Vulnerable Communities Development Programme, Switzerland contributes to covering basic needs and fostering social cohesion in the Gaza Strip. The successful intervention model applied in the 1st Phase is extended and scaled up under this 2nd Phase. Small infrastructure projects addressing basic needs of vulnerable communities serve as an entry point for a local dialogue on development priorities, enabled through building the capacities of both duty bearers and right holders, including youth and women.


Support to Safe Spaces for Women, Youth and Children in Gaza Strip

01.01.2022 - 31.12.2024

Switzerland promotes social cohesion and civic peace through creating safe spaces for women, youth, and persons with disabilities in the Gaza Strip. By fostering local capacities and promoting community-led initiatives Safe Spaces strengthens the resilience of vulnerable groups. This second phase puts a stronger accent on skills and economic empowerment for youth in line with the Cooperation Programme 2021-24. By advocating for inclusive societies it contributes to mitigate the spread of extremism and radicalization.


OHCHR - Promotion and Protection of Human Rights in the oPt

01.01.2022 - 31.12.2024

This support to the UN High Commissioner for Human Rights (OHCHR) in the oPt aims to contribute to promoting and protecting human rights in the oPt and enhancing prospects for Palestinians to live in dignity, prosperity and peace with the State of Israel. 


Long-term support to UNRWA’s reform

01.07.2021 - 31.12.2022

Switzerland contributes to enable UNRWA to pursue key reform areas of its Medium-Term Strategy 2016-2022, mainly by supporting (i) management initiatives and set of actions to ensure that governance, accountability, management and transparency meet international standards, and (ii) the systematic integration and attention to the needs of vulnerable groups, in particular children, persons with disabilities and women survivors of violence.


Promotion and respect of human rights, gender equality and the international humanitarian law

01.06.2021 - 31.12.2023

Switzerland aims at enhancing prospects for Palestinians to live in dignity, prosperity and peace with Israel, via the respect and promotion of human rights, including gender equality, international humanitarian law and the rule of law by all duty bearers. To this end, SDC supports ten Palestinian and Israeli human rights and humanitarian law organizations active in the oPt, which provide legal aid and protection services to the population and advocate for the respect of the international law. 


Upgrading Karm Abu Salem Crossing - Gaza

01.10.2020 - 31.12.2024

Switzerland will support improving the export/import conditions of goods to and from the Gaza Strip.

The project, implemented by UNOPS, will upgrade the poor infrastructure at the Palestinian side of

the only functioning commercial crossing between Gaza and Israel. The existing infrastructure con-

ditions are causing around 10% of damages to the transiting commodities thus incurring substantial

economic losses that are affecting the living conditions of two million people in the Gaza Strip


Program Contribution to the Independent Commission for Human Rights

01.03.2020 - 31.12.2022

The ICHR is the Palestinian national Human Rights Institute and ombudsman, dedicated to supporting Palestinian citizens’ rights. It monitors independently the performance of the government and its compliance with its legal and human rights obligations. Using mediation and dialogue, it advises the authorities to improve respect of human rights and to support victims of violations. Support to the ICHR with institutional development as well as with program funding contributes to the democratic state building agenda of Switzerland.


Generating youth employment and economic empowerment opportunities through advancing the Palestinian innovation eco-system

01.01.2020 - 31.07.2025

Switzerland aims to support the development of a nascent Palestinian tech start-up community in order to generate jobs especially for young graduates and women, among whom unemployment is particularly high. This contribution to UNDP builds on a successful pilot in Gaza. It provides targeted support and mentoring to students in selected universities to incubate promising business ideas and strengthens the linkages between academia, private sector and business incubators. 

Oggetto 1 – 12 di 18