Bangladesh

Meno povertà, più partecipazione: in Bangladesh la Svizzera si impegna a favorire un accesso più ampio della popolazione alle risorse e ai servizi nonché maggiori contatti con i decisori politici. Lo sviluppo economico nelle regioni rurali, insieme a una maggiore efficienza dei governi locali, contribuiscono a ridurre la povertà. Per una maggiore sostenibilità la Svizzera promuove inoltre una stretta collaborazione con il settore privato.

Cartina del Bangladesh
© DFAE

Il Bangladesh ha compiuto grandi progressi nella riduzione della povertà e figura oggi tra i Paesi a reddito medio. Tuttavia il Paese, che presenta una densità di popolazione molto elevata, continua ad essere segnato da marcate disuguaglianze sociali e da un’alta percentuale di indigenti, specialmente nelle aree urbane. Anche la scarsità di risorse e le ripercussioni del cambiamento climatico sono problemi all’ordine del giorno in Bangladesh. I rapporti di forza nella politica sono assai sbilanciati e l’estremismo a sfondo politico-religioso è diventato un rischio per la sicurezza difficile da arginare. La migrazione economica è l’alternativa benvenuta ad un mercato del lavoro già saturo.

La cooperazione svizzera allo sviluppo si prefigge di migliorare le condizioni di vita dei gruppi di popolazione poveri e svantaggiati. Nel quadro della strategia di cooperazione 2018-2021, la Svizzera concentra il proprio impegno sullo sviluppo economico, sull’aumento dell’efficienza dei governi locali e sul miglioramento della tutela dei migranti economici. In questo contesto, svolgono un ruolo importante alcuni aspetti relativi al buongoverno ed ai diritti umani. Inoltre, garantendo un maggiore coinvolgimento diretto dei gruppi di popolazione svantaggiati ci si prefigge di aumentare la giustizia sociale.

Crisi di profughi provenienti dal Myanmar

Il Bangladesh ospita attualmente oltre 650 000 persone sfuggite alle violenze nel vicino Myanmar per trovare rifugio nella regione frontaliera di Cox’s Bazar. Hanno abbandonato tutto e non hanno di che vivere, e numerosi bambini hanno perso i genitori. 

Alla luce dell’enormità della crisi, la Svizzera ha aumentato a 20 milioni di franchi il proprio contributo, in seguito all’inasprimento delle violenze nel 2017. L’impegno umanitario ha permesso di ridare ai profughi l’accesso all’acqua potabile, ai generi alimentari e alle infrastrutture igienico-sanitarie. È inoltre servito a costruire alloggi per ospitare l’ingente numero di persone in fuga. L’Aiuto umanitario della DSC ha fornito anche materiale per effettuare diagnosi e attrezzature per incrementare le capacità di accoglienza dei due ospedali della regione di Cox’s Bazar. Cinque esperti del Corpo svizzero di aiuto umanitario si trovano nella zona per dare manforte alle agenzie dell’ONU. Oltre agli aiuti d’emergenza, la DSC promuove le attività di sviluppo sul medio termine per sostenere le comunità di accoglienza. 

Sull’altro lato della frontiera, la DSC continua a portare avanti interventi umanitari per le persone colpite dal conflitto nello stato di Rakhine, in Myanmar, sebbene l’accesso sia limitato.

Buongoverno democratico

Una maggiore partecipazione per avvicinare le autorità ai cittadini

I progetti svizzeri nel campo del buongoverno locale promuovono la partecipazione politica della popolazione locale e sostengono le strutture amministrative locali nell’erogazione di servizi fondamentali. Il loro obiettivo è migliorare l’interazione tra cittadini, governi locali e fornitori di servizi. Inoltre, tramite progetti nell’ambito dei diritti umani, la DSC concorre a dar voce alle persone svantaggiate. Più partecipazione dei cittadini e un maggior dovere di rendere conto del proprio operato da parte delle istituzioni statali sono presupposti fondamentali per lo sviluppo economico e la stabilità sociale del Bangladesh.

Riforme economiche e dello Stato

Sviluppo economico

Migliori opportunità di mercato e più reddito

Grazie al sostegno della Svizzera gli operatori economici sono interconnessi in modo più efficace. Un accesso più agevolato al mercato incrementa il reddito di fornitori di servizi e produttori poveri, aprendo inoltre altre possibilità economiche. Con i suoi progetti, la DSC sostiene la popolazione rurale, ad esempio nei settori della trasformazione del latte, della pesca e dell’allevamento di granchi. In parallelo si adopera a favore di una più equa suddivisione dei ruoli tra uomini e donne. In stretta collaborazione con il settore privato, i programmi di formazione professionale aiutano soprattutto i giovani a trovare un impiego o a svolgere un’attività più qualificante, ad esempio nel settore tessile.

A livello nazionale la Svizzera si impegna nella promozione della responsabilità sociale delle imprese (Corporate Social Responsibility). La Segreteria di Stato dell’economia (SECO) si adopera per il miglioramento delle condizioni di lavoro, specialmente nel settore tessile, ad esempio tramite il sostegno al «Better Work Programme» dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL). Il Bangladesh inoltre beneficia delle esenzioni dai dazi doganali concesse ai Paesi in via di sviluppo.

Sviluppo del settore privato e servizi finanziari 

Migrazione economica sicura

La migrazione economica – ad esempio verso gli Stati del Golfo – rappresenta una valida possibilità per il Bangladesh di gestire la sovrappopolazione e un mercato del lavoro saturo; allo stesso tempo, le rimesse dei migranti sono un’importante fonte di reddito per il Paese. I migranti economici devono tuttavia essere meglio preparati alle sfide e ai rischi della migrazione. La DSC si impegna a livello globale, nazionale e locale a favore di una migrazione economica più sicura.

Migrazione

L'aiuto umanitario

Aiuto d’emergenza per i profughi e in caso di catastrofi naturali

Le catastrofi naturali e il cambiamento climatico rendono difficili le condizioni di vita della popolazione del Bangladesh. L’Aiuto umanitario della DSC aiuta le persone colpite dalle catastrofi naturali.

Centinaia di migliaia di profughi provenienti dal Myanmar hanno cercato protezione nel Sud-Est del Bangladesh. La maggior parte di essi vive in condizioni precarie in campi di profughi temporanei. L’Aiuto umanitario della DSC presta soccorso d’emergenza, in particolare per quanto riguarda la sicurezza alimentare, i servizi sanitari, l’accesso all’acqua potabile, l’igiene e l’allestimento di alloggi di emergenza. La Cooperazione Sud della DSC integra questo impegno con progetti di sviluppo a medio termine che vanno a beneficio dei comuni delle regioni colpite.

Aiuto umanitario

Metodo di lavoro e partner

La Svizzera lavora a stretto contatto con le autorità locali, altri Paesi donatori e organizzazioni internazionali, come le Nazioni Unite, nell’ambito di un approccio coerente e globale. Il settore privato è un partner importante per la Svizzera.

Partner importanti della Svizzera in Bangladesh:

  • Autorità locali

  • ONG svizzere: «Swisscontact», «Helvetas Swiss Intercooperation»

  • Organizzazioni della società civile autoctona: Organizzazione dei diritti umani «Ain O Salish Kendra»; «Transparency International Bangladesh»

  • Rappresentanti del settore privato «Industry Skills Councils», imprese tessili

  • Organizzazioni multilaterali: Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (PNUS), Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), Banca asiatica per lo sviluppo (ADB), Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (PAM), Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF), Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR)

Temi trasversali

Il Bangladesh è segnato dalle disparità sociali e da un alto tasso di corruzione. La Svizzera attua coerentemente, in tutti i progetti, la propria politica di genere e lavora per promuovere la parità tra uomo e donna. I programmi della DSC si concentrano in particolare sulle questioni relative alla guida politica ed economica (good governance / buongoverno) e sono continuamente sottoposti a verifiche, e se necessario adeguati, al fine di evitare eventuali dissonanze con il contesto esistente in Bangladesh.

Uguaglianza tra donne e uomini 

Progetti attuali

Oggetto 1 – 12 di 32

Una migliore assistenza sanitaria negli ospedali di Cox’s Bazar, Bangladesh

Donne, bambini e uomini in una unità chirurgica

15.05.2018 - 30.09.2019

Dall’agosto 2017 oltre 700’000 Rohingya si sono rifugiati in Bangladesh dopo la fuga dallo Stato federale birmano di Rakhine, dove sono esposti a violenza. Insieme alle persone arrivate in occasione di crisi precedenti, nel distretto di Cox’s Bazar, nel Sud del Bangladesh, vivono attualmente circa 900’000 profughi provenienti dal Myanmar. Questo enorme incremento mette a dura prova le capacità dei tre ospedali della regione. L’Aiuto umanitario della DSC sostiene gli istituti sanitari attraverso una migliore infrastruttura e formazioni nel campo delle analisi di laboratorio e della logistica.

Paese/Regione Periodo Budget
Bangladesh

15.05.2018 - 30.09.2019


CHF 200'000



Bangladesh: corsi ad hoc per aumentare le opportunità professionali dei meno abbienti nei settori tessile ed edile

Tre persone formano altrettante cucitrici sul posto di lavoro in una fabbrica tessile.

01.04.2015 - 31.03.2021

I settori tessile ed edile in Bangladesh registrano tassi di crescita elevati. Eppure a molti uomini e donne delle fasce povere della popolazione manca il know-how necessario per ottenere posti qualificati. Un progetto cofinanziato dalla Svizzera e dalla Gran Bretagna punta a migliorare le prospettive di 110’000 di loro entro il 2019 grazie alla formazione continua in azienda. I risultati finora ottenuti sono promettenti.

Paese/Regione Periodo Budget
Bangladesh

01.04.2015 - 31.03.2021


CHF 5'825'000



Ashshash: for men and women who have escaped trafficking

01.10.2022 - 28.02.2029

20,000 people (of whom 70% women) who have experienced trafficking will be economically and socially rehabilitated. Public and private institutions will provide employment or in-kind support for entrepreneurship to men and women who have escaped trafficking. The Government will better address the prevention of trafficking, protection of victims, prosecution of traffickers in the revision and enacting of policies, and create partnerships, for bringing about systemic changes.


Bangladesh Agricultural and Disaster Insurance Programme

01.11.2021 - 31.12.2028

Farmers will improve their productivity and resilience by gaining access to client-oriented and affordable agricultural insurance products. Insurance-cover will allow farmers to invest in higher-return activities, access credit and to recover faster when affected by weather, diseases and disasters. By building capacity of and facilitating coordination and linkages among key stakeholders, inclusive insurance markets will be developed to eventually cater for several million farmers.


Progetto pianificato

SHOMOSHTI - Prosperity for the poor and disadvantaged

01.04.2020 - 30.06.2027

Rural households, engaged in agriculture and cottage industries, will benefit from a better wellbeing due to more income and savings, and improved nutrition, health and levels of education. The Shomoshti project will achieve this through a combined approach of facilitating markets to work for the poor and disadvantaged, and ensuring their effective access to social services and savings systems.


Local Economic Development (LED) Project

01.02.2020 - 30.09.2029

Small and medium entrepreneurs, their employees, and citizens will benefit from inclusive economic growth and equitable employment generation. Public and private sector actors will engage in joint local economic strategizing, planning and implementation. The improved framework conditions for inclusive business will result in more jobs, economic empowerment and ultimately increased sustainable income and well-being; particularly of the poor and disadvantaged.


Progetto pianificato

Building Skills for Unemployed and Underemployed Labour (B-SkillFUL)

01.11.2019 - 31.10.2027

The Building Skills for Unemployed and Underemployed Labour project will develop the skills of poor and disadvantaged men and women at the grassroots level, to enhance their income through decent employment and move them out of poverty. The project will work with the Informal Sector Industry Skills Council to improve work conditions through partnerships with the private informal enterprises and private training providers.


Progetto pianificato

Strengthened & Informative Migration Systems (SIMS)

01.11.2019 - 31.10.2026

The project supports men and women migrant workers and their families to make informed choices related to migration. The benefits of migration are enhanced for individuals and for the society through dissemination of key information on safe migration, access to legal support and trainings as well as through strengthening the service delivery capacity of government and non-government agencies. Bangladesh is a key partner in the global dialogue on migration and its continued active role in this sphere is in Switzerland’s interest.


Progetto pianificato

Scaling Social and Impact Enterprises in Bangladesh (SSIE-B)

15.10.2019 - 14.10.2027

This collaboration with a mix of private sector partners from Bangladesh and abroad aims at helping social and other impact enterprises in Bangladesh grow and thrive, improving the lives of hundreds of thousands of poor men and women in their roles as customers, suppliers or employees. This will be achieved by improving the services available to entrepreneurs, by stimulating investments into early-stage social enterprises, and creating incentives for enterprises to become more impact oriented.


Allocation of SDC Funding to ICRC Operations in 2019

01.01.2019 - 31.12.2019

In line with the Good Humanitarian Donorship (GHD) principles, Switzerland recognizes the necessity of predictable and flexible funding to respond to changing needs in humanitarian crises. SDC funding to ICRC operations allows the International Committee of the Red Cross (ICRC) to respond proactively and to provide immediate protection and assistance for people affected by armed conflict and other situations of violence.


UNDP – Disaster Risk Management in Cox’s Bazar District

01.11.2018 - 31.12.2019

The location, climate and topography of Cox’s Bazar District makes it vulnerable to tropical cyclones and associated storm surges, flash flooding, and landslides. The influx of the Rohingya refugees have raised the population of an already poor, disaster prone-district to 3.5 million people, requiring significant upgrading of disaster risk management capacities. The project supports a comprehensive approach to developing local capacities and enables risk informed-decision making.


Inclusive Assistance to Extremely Vulnerable Communities in Cox's Bazar, Bangladesh

15.08.2018 - 30.04.2019

Cox’s Bazar District is currently hosting approx. 900’000 refugees from Myanmar. A high proportion remain in a chronic emergency situation due to long-term challenges to find durable solutions on safe return. Handicap International’s intervention aims to improve access to specific health services for both refugees and host community members by supporting a public hospital and providing assistance with a particular focus on the most vulnerable and to people with disabilities.

Oggetto 1 – 12 di 32