Caucaso meridionale (Georgia, Armenia, Azerbaigian)

Il sostegno svizzero alla transizione nel Caucaso meridionale si orienta sulle esigenze e le priorità dei tre Paesi partner di questa regione ed è incentrato su uno sviluppo economico inclusivo e sostenibile, da un lato, e su istituzioni democratiche efficaci e sulla sicurezza umana, dall’altro.

Mappa della regione del Caucaso meridionale

Il Caucaso meridionale è tormentato da una serie di conflitti irrisolti, come quelli che coinvolgono l’Abcasia e l’Ossezia del Sud in Georgia e quello che contrappone l’Armenia e l’Azerbaigian nella regione del Nagorno-Karabakh. Se l’area riveste un importante ruolo geostrategico per il trasporto di energia verso l’Europa, questi conflitti pregiudicano la sicurezza degli abitanti e sono un ostacolo allo sviluppo economico e sociale dei vari Paesi. Grazie alla sua lunga esperienza nella regione, la Svizzera è considerata come un partner affidabile nell’accompagnare la transizione politica ed economica di queste ex repubbliche sovietiche. Essa promuove il rafforzamento della collaborazione tra i Paesi della regione su interessi comuni, politicamente poco sensibili, come lo scambio commerciale di prodotti agricoli o l’adattamento ai cambiamenti climatici.

Sviluppo economico inclusivo e sostenibile

Nella regione, lo sviluppo economico del settore agricolo è una delle priorità da realizzare per stabilizzare i redditi della popolazione rurale. A tal fine le piccole unità di produzione fondate su un’agricoltura di sussistenza sono integrate in catene di valore aggiunto che consentono agli agricoltori e a piccole e medie imprese di accedere a mercati nazionali e regionali per vendere i propri prodotti. In questo modo possono anche avere accesso a servizi finanziari per ottenere prestiti o a formazioni professionali per aggiornare le proprie conoscenze e ricevere consulenza personalizzata.

Agricoltura e sicurezza alimentare
Istruzione di base e formazione professionale

Sviluppo del settore privato e servizi finanziari

Istituzioni democratiche efficaci e sicurezza umana

Uno sviluppo economico inclusivo e sostenibile è indispensabilmente legato alla presenza di istituzioni democratiche funzionanti, al rispetto dei diritti umani e a un contesto ambientale sicuro. La Svizzera si adopera dunque per incrementare l’efficacia delle istituzioni governative, soprattutto potenziando le capacità dei governi locali nella prestazione di servizi di qualità alla popolazione e quelle dei Governi nazionali nella corretta gestione delle finanze pubbliche. È inoltre attiva nel processo di risoluzione dei conflitti mediante la promozione del dialogo tra le parti e opera infine nella riduzione del rischio di catastrofi naturali e nell’adattamento ai cambiamenti climatici, concentrandosi in particolare sullo sviluppo sostenibile delle aree rurali e montane.

Inoltre, con il suo impegno a favore dell’arte e della cultura la Svizzera promuove la creazione di opportunità, per artisti dei tre Paesi, di confrontarsi e di alimentare il dibattito sull’avvenire della regione.

Riforme economiche e dello Stato
Avvocatura e buon governo
         
Fragilità e violenza: ostacoli per la lotta contro la povertà
Prevenzione delle catastrofi, aiuto d’emergenza, ricostruzione e protezione

Approccio e partner

L’impegno della Svizzera nel Caucaso meridionale inizia con l’aiuto umanitario fornito dopo lo spaventoso sisma del 1988 nel Nord dell’Armenia. Nel 1999 la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) e la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) aprono un ufficio di cooperazione regionale a Tbilisi, capitale della Georgia. Nel 2016 l’Aiuto umanitario della DSC conclude il suo lavoro nell’area, mentre proseguono invece le attività di cooperazione e promozione della pace. La strategia di cooperazione 2017-2020 è attuata congiuntamente dalla Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), dalla Divisione Sicurezza umana (DSU) del DFAE.e dalla Segreteria di Stato dell’economia (SECO).

Partner primari della Svizzera nel Caucaso meridionale: 

  • Partner di sviluppo (GIZ, ADA)
  • Organizzazioni non governative locali e internazionali
  • Organizzazioni multilaterali, per esempio il PNUS, la Banca europea per gli investimenti (BEI), le istituzioni di Bretton Woods
  • Organizzazioni della società civile
  • Settore privato 

Progetti attuali

Oggetto 1 – 12 di 13

Reddito più elevato nel Caucaso meridionale grazie a prodotti agricoli più concorrenziali

Un uomo, in un vestito protettivo, tiene un favo pieno di api sul tetto di un palazzo.

01.04.2017 - 31.03.2021

L’allevamento di bestiame è una fonte di reddito importante per la maggior parte della popolazione rurale in Georgia, Armenia e Azerbaigian. Tuttavia, molti contadini conducono un’economia di sussistenza e, di conseguenza, riescono a malapena a coprire il proprio fabbisogno. Il progetto persegue l’obiettivo di rafforzare le piccole aziende agricole e di creare l’accesso ai mercati, per far sì che possano vendere miele, carne, formaggio e lana e aumentare in modo sostenibile il loro reddito.

Paese/Regione Periodo Budget
Caucaso meridionale

01.04.2017 - 31.03.2021


CHF 5'100'000



Sostenere la tracciabilità degli animali nella regione del Caucaso meridionale

L’immagine mostra in primo piano un vitello con un marchio d’identificazione all’orecchio destro.

15.06.2016 - 30.11.2020

Nell’agricoltura moderna è indispensabile conoscere la provenienza degli animali e raccogliere informazioni sulla loro salute per evitare la propagazione di malattie e impedire la commercializzazione di prodotti derivanti da animali malati. Un sistema di tracciabilità contribuirà ad aumentare i redditi degli agricoltori del Caucaso meridionale grazie all’effetto combinato di una migliore produttività degli allevamenti e di un migliore accesso ai mercati per i prodotti.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Caucaso meridionale
Agricoltura e sicurezza alimentare
Sviluppo della catena di valore agricola
MULTISETTORALE
Sviluppo rurale

15.06.2016 - 30.11.2020


CHF 5'935'000



Mercati funzionanti per gli allevatori armeni

Un contadino armeno con il suo vitello

01.09.2014 - 31.08.2020

Nelle regioni di Syunik e Vayots Dzor, nell’Armenia del Sud, la maggior parte degli agricoltori pratica un’agricoltura di sussistenza e riesce appena a provvedere ai bisogni della propria famiglia. Questo progetto intende aiutare gli agricoltori ad aumentare la produzione di carne e di latte, e di conseguenza anche i redditi. A tal fine, le attività puntano a migliorare la salute del bestiame sostenendo i servizi veterinari locali, a facilitare l’accesso ai mercati della carne e del latte e a promuovere lo scambio di conoscenze tra gli agricoltori.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Armenia
Economia e impiego
Sviluppo della catena di valore agricola
Sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI)
Produzione agricola (gestione delle risorse naturali inclusa)
MULTISETTORALE
INDUSTRIA
AGRICOLTURA
Sviluppo rurale
Sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI)
Sviluppo agricolo

01.09.2014 - 31.08.2020


CHF 10'000'000



Armenia: migliore gestione dei comuni e rafforzamento della partecipazione delle cittadine

In primo piano, Srbuhy Grigoryan, giornalista armena e candidata sindaca della sua città.

19.05.2014 - 30.06.2019

La Svizzera accompagna il Governo armeno nei suoi progetti di riforma territoriale e amministrativa, e più precisamente per la fusione dei comuni, un processo che spesso suscita timori nella popolazione. Tra gli altri temi di riforma nel Paese troviamo gli sportelli unici, un sistema di gestione elettronica e il rafforzamento della partecipazione delle donne alla vita politica.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Armenia
Stato di diritto - democrazia - diritti dell'uomo
Decentralizzazione - governance locale - democratizzazione ( incl. obbligo di responsabilità)
GOVERNO E SOCIETÀ CIVILE
Decentralizzazione / governance locale / democratizzazione (obbligo di responsabilità incluso)

19.05.2014 - 30.06.2019


CHF 8'025'000



Formazioni professionali più moderne nel settore agricolo in Georgia

La foto mostra Medea e il suo professore mentre esaminano le verdure coltivate in una serra della scuola media di Senaki.

01.01.2013 - 31.12.2018

In Georgia il sistema di formazione professionale non risponde alle esigenze della transizione verso l’economia di mercato che il Paese cerca di realizzare da quando ha ottenuto l’indipendenza. La DSC aiuta il Governo georgiano a sviluppare un sistema più moderno che unisca teoria e pratica e permetta, a lungo termine, di aumentare la produttività delle aziende agricole e i redditi della popolazione rurale.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Georgia
Economia e impiego
Istruzione
Agricoltura e sicurezza alimentare
Produzione agricola (gestione delle risorse naturali inclusa)
Formazione professionale e sviluppo delle competenze
Sviluppo della catena di valore agricola
Sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI)
ISTRUZIONE
AGRICOLTURA
INDUSTRIA
MULTISETTORALE
Formazione professionale / sviluppo delle competenze
Sviluppo agricolo
Sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI)
Sviluppo rurale

01.01.2013 - 31.12.2018


CHF 6'547'000



Mercati che funzionano per i frutticoltori

L’immagine mostra un frutticoltore armeno di fianco a uno dei suoi alberi da frutta.

17.12.2012 - 30.06.2018

Dalla caduta dell'Unione Sovietica e dallo smantellamento delle grandi aziende agrarie collettive, il settore della frutticoltura in Armenia è composto per la maggior parte di piccole aziende che praticano un'agricoltura di sussistenza. Mediante il presente progetto, la DSC aiuta i frutticoltori della regione di Meghri, situata nel sud del Paese, a risanare e sviluppare le loro colture e a trovare uno sbocco sul mercato per la loro produzione.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Armenia
Sviluppo della catena di valore agricola
Produzione agricola (gestione delle risorse naturali inclusa)
MULTISETTORALE
AGRICOLTURA
Sviluppo rurale
Sviluppo agricolo

17.12.2012 - 30.06.2018


CHF 3'580'000



Regional Arts and Culture Project in the South Caucasus

Dancers on a stage in colorful dresses throw clothes in the air.

01.10.2017 - 30.09.2021

By providing a platform for the development of contemporary art, the Regional Arts and Culture Project promotes intercultural dialogues and exchanges in the South Caucasus. Implemented in collaboration with partners based in Georgia and networks in Armenia and Azerbaijan, the project aims at supporting visual arts (documentary film and photography), building up professional capacities, engaging civil society, and boosting local art scenes with a small grants’ fund.


Market Opportunities for Livelihood Improvement in Kakheti, Georgia

01.12.2015 - 30.11.2018

Livestock farming is the main economic activity for the majority of poor households in the Kakheti region of Georgia. Through better access to markets, services and inputs for the dairy and meat value chains, target farmers will substantially improve their income. By the end of the project phase 27’000 households will have benefitted directly from improved access to markets, services, inputs, a more conducive operating environment and better protection from natural disasters. 


Regional and Municipal Infrastructure Development in Georgia

10.04.2014 - 31.05.2019

The project will increase human and institutional capacities of all municipalities in Georgia (except the capital city Tbilisi). lt will enable them to perform independently the core three functions for decentralised delivery of basic infrastructure services, i. e. Project Cycle Management, Financial Management and Asset Management. Such a decentralized System will enable the Government to better respond to population needs at local level.



Fostering Regional and Local Development in Georgia

15.12.2012 - 31.10.2017

The strengthening of local and regional governance Systems through capacity building, mobilization of local human resources and better coordination of public Investments is expected to improve inclusive development of rural regions of Georgia. This will contribute to the transition from the inherited highly centralized Soviet administration to a decentralized System and to reduce the significant economic divide between the urban and rural population.


Regional Art and Culture Programme in the South Caucasus

01.10.2012 - 31.10.2017

The present project promotes contemporary arts as an open and interactive platform that can display new perspectives and social mechanisms to the audience, and that can support and stimulate South Caucasian artists. It will be implemented by Georgian and international organizations and focuses on contemporary dance and experimental arts; small grants; arts for marginalised communities; and capacity building of arts and culture institutions.

Oggetto 1 – 12 di 13