Hindukush (Afghanistan, Pakistan)

La regione dell’Hindukush comprende parte dell’Afghanistan e del Pakistan, collegati l’uno all’altro dalla catena montuosa dell’Hindukush. Le priorità dell’impegno svizzero in questi due Paesi si concentrano sulla lotta durevole contro la povertà, il buongoverno, la tutela dei diritti dell’uomo e sul miglioramento delle condizioni di vita dei gruppi di popolazione svantaggiati.

Cartina della regione dell’Hindukush (Afghanistan, Pakistan)
© DFAE

La situazione politica in Afghanistan e Pakistan è instabile e le condizioni di sicurezza richiedono una particolare attenzione. Un debole Stato di diritto, la corruzione, l’impunità, le grandi disparità socio-economiche, le frequenti catastrofi naturali nonché i numerosi conflitti etnici e religiosi sono solo alcuni dei problemi che contribuiscono a incrementare l’insicurezza e gravano sulle spalle della popolazione. Si osserva inoltre un incremento della radicalizzazione religiosa.

La Svizzera s’impegna per il buongoverno, la tutela dei diritti dell’uomo e il miglioramento delle condizioni di vita dei gruppi di popolazione svantaggiati, soprattutto nelle regioni rurali. Inseriti tra le strategie per la riduzione della povertà dei Governi e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM) dell’ONU, gli sforzi della DSC sono finalizzati a ridurre in modo durevole la povertà e a garantire un contesto di sviluppo favorevole.

La DSC interviene sia collaborando direttamente con la popolazione sia attraverso vari partner d’implementazione, come le autorità a livello nazionale, regionale e locale, le organizzazioni internazionali come l’ONU e il Comitato internazionale della Croce rossa (CICR), altri Paesi donatori nonché organizzazioni non governative attive a livello internazionale e locale.

Sviluppo rurale

Consolidamento della resistenza (livelihood resilience)

La DSC mira a consolidare la capacità di resistenza della popolazione rurale, e in particolar modo delle donne, alle situazioni di stress naturali e legate ai conflitti. Nella regione dell’Hindukush la Svizzera si concentra sul miglioramento della gestione delle risorse idriche, delle attività economiche e della formazione scolastica di base.

Alcuni obiettivi concreti sono:

  • garantire l’approvvigionamento idrico e la costruzione di infrastrutture sanitarie;
  • costruire, ampliare ed effettuare la manutenzione di sistemi di irrigazione di piccole ed esigue dimensioni;
  • migliorare le possibilità di guadagno attraverso la diversificazione dell’agricoltura;
  • incrementare i raccolti e rendere più efficiente l’allevamento di bestiame; promuovere le piccole e medie imprese;
  • migliorare la formazione scolastica di base e la qualità della formazione generale.

Agricoltura e sicurezza alimentare

Buongoverno e diritti dell’uomo

Gestione degli affari statali responsabile e inclusiva

La DSC si batte per una gestione degli affari statali responsabile e inclusiva soprattutto a livello subnazionale e locale. La disponibilità e l’accesso ai servizi statali di base devono essere garantiti e i diritti dell’uomo rispettati.

Alcuni obiettivi concreti sono:

  • rafforzare le strutture statali, la società civile e le organizzazioni locali;
  • garantire lo sviluppo istituzionale a tutti i livelli;
  • tutelare i diritti dell’uomo;
  • effettuare riforme nel settore della giustizia e della sicurezza;
  • sostenere la decentralizzazione;
  • promuovere le donne;
  • prevenire e superare i conflitti.

Riforme economiche e dello Stato

Aiuto umanitario

Aiuto agli sfollati in Pakistan

Per migliorare le condizioni di vita dei rifugiati, dei profughi interni (IDP) e della popolazione che li ospita, la DSC sostiene gli interventi dell’agenzia di soccorso per rifugiati dell’ONU (ACNUR), il Programma alimentare mondiale (PAM) e il CICR con contributi finanziari e inviando esperti del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA). Diversamente dai rifugiati, i profughi interni hanno dovuto abbandonare la propria casa ma non hanno attraversato alcuna frontiera.

Sostegno alla popolazione socialmente più debole in Afghanistan

La DSC promuove con contributi finanziari gli sforzi del CICR e dell’ONU per integrare e proteggere i profughi interni e i rifugiati ritornati in patria. Inoltre la Svizzera partecipa all’approvvigionamento alimentare in regioni colpite da siccità ed esondazioni e appoggia l’applicazione di misure per limitare i rischi dovuti ai pericoli naturali.

Migrazione