Mozambico

In Mozambico la cooperazione svizzera allo sviluppo si concentra su tre assi: sviluppo economico, salute e governance locale. La Svizzera sostiene progetti locali, in particolare nelle tre province settentrionali di Cabo Delgado, Niassa e Nampula. A livello nazionale si impegna attivamente nel dialogo politico per lottare contro la povertà e promuovere la transizione politica ed economica.

Cartina del Mozambico
© DFAE

Il Mozambico è uno dei Paesi più poveri al mondo. Ancora oggi oltre la metà della popolazione vive sotto la soglia di povertà e il budget nazionale è condizionato in larga parte dall’aiuto proveniente dall’estero. Oltre l’80% degli abitanti dipende da un’agricoltura contadina particolarmente esposta alle catastrofi naturali. L’epidemia di AIDS continua a rappresentare una minaccia per lo sviluppo. Il Mozambico dovrebbe tuttavia conoscere uno sviluppo importante nel settore delle materie prime. La crescita economica sostenuta di questi ultimi anni, che ha superato l’8%, ha fatto registrare un forte rallentamento nel 2016 in seguito alla crisi del debito (3,7%). A lungo termine, però, il Mozambico sarà una delle economie africane più fiorenti.

La Svizzera è attiva in Mozambico dal 1979. L’obiettivo principale della cooperazione svizzera allo sviluppo è sostenere questo Paese nel ridurre la povertà e nella transizione verso una società politicamente ed economicamente inclusiva. Su scala nazionale la Svizzera si impegna attivamente nel dialogo politico e sostiene il Governo nelle riforme istituzionali che porta avanti in vari settori.

A livello decentrato lavora con la popolazione locale. La nuova strategia di cooperazione 2017-2020 prevede una concentrazione dell’aiuto in tre province settentrionali e nei campi del buongoverno, della salute e dello sviluppo economico.

Salute

Rafforzamento del sistema sanitario e prevenzione delle malattie

A livello nazionale la Svizzera sostiene l’approccio settoriale del Governo con una consulenza tecnica e finanziaria per l’attuazione di una riforma unica e globale nel settore della salute. A livello decentrato si mobilita per un miglioramento dei servizi sanitari e dell’approvvigionamento idrico. Incoraggia inoltre la popolazione a dialogare con le autorità e a chiedere che queste ultime siano trasparenti e forniscano informazioni sulle spese pubbliche in ambito sanitario. Nella provincia Cabo Delgado la Svizzera ha contribuito ad aumentare dal 66 (2010) all’81,5% (2015) il numero delle nascite portate a termine in strutture sanitarie. Grazie al sostegno della DSC, la parte della popolazione che dispone ormai di acqua potabile in quattro distretti di Cabo Delgado è passata dal 35% (2011) al 55% (2015).

Salute

Sviluppo economico

Riduzione della povertà e crescita economica per tutti

Nel corridoio di Nacala la Svizzera collabora con microimprenditori, per lo più contadini, rafforzando le catene di creazione di valore e impegnandosi nel campo della microfinanza per migliorare l’accesso ai servizi finanziari. Grazie al miglioramento duraturo delle catene di creazione di valore nel settore agricolo, i redditi di oltre 18’000 piccoli agricoltori sono aumentati in media del 70% all’anno nel corso di quattro anni.

La SECO integra l’impegno della DSC attraverso consulenze tecniche volte a incentivare l’economia globale.

Sviluppo del settore privato e servizi finanziari

Governance locale

Decentralizzazione e rafforzamento delle capacità

La Svizzera sostiene gli investimenti nelle infrastrutture e nel rafforzamento delle capacità in materia di urbanistica e acquisti pubblici in 26 Comuni. L’appoggio simultaneo ai processi partecipativi di pianificazione e di allestimento del budget ha permesso di attuare le priorità urbanistiche in modo più sociale e di diminuire la corruzione. In collaborazione con i propri partner, la DSC rafforza la società civile su scala locale e nazionale dandole i mezzi di chiedere informazioni e una maggiore trasparenza. A livello nazionale la società civile può così contribuire al miglioramento della trasparenza sul budget dello Stato e ai dibattiti in materia di decentralizzazione, permettendo di gettare le basi per uno sviluppo economico sano, per la lotta contro la corruzione e per il processo di pace.  

Avvocatura e buon governo

Storia della cooperazione

Sostegno della Svizzera in tempo di pace e di guerra

L’impegno della Svizzera a favore del Mozambico risale al 1880, quando i missionari svizzeri furono i primi a garantire ai mozambicani l’accesso all’istruzione primaria. La cooperazione allo sviluppo prese il via nel 1979, poco dopo l’indipendenza del Mozambico e agli inizi di quella che sarebbe stata una devastante guerra civile lunga 16 anni.

I primi progetti della DSC riguardarono lo sviluppo del sistema idrico, sanitario e rurale. Durante il processo di pace, la Svizzera apportò un contributo determinante alla smobilitazione e alla riabilitazione del Paese devastato dalla guerra. Dall’accordo di pace siglato nel 1992, la Svizzera ha incrementato il sostegno al Mozambico concentrandolo in particolare sullo sviluppo economico, sulla salute, sull’approvvigionamento idrico e sanitario, sulla governance e sul rafforzamento della società civile.

Cooperazione multilaterale

La Svizzera coopera, per esempio, con l’UNICEF nel settore dell’acqua e dei servizi igienico-sanitari, con la Banca mondiale, l’OMS, l’UNFPA e l’UNICEF nel settore della salute e con il PNUS per promuovere la decentralizzazione.

Temi trasversali

Uguaglianza di genere e HIV/AIDS

In tutti i progetti la Svizzera si impegna a favore dell’uguaglianza di genere, applicando una politica coerente in materia. Con il suo lavoro di sensibilizzazione incoraggia inoltre la prevenzione e la protezione contro l’HIV/AIDS.

Partner

  • ONG svizzere: Helvetas Swiss Intercooperation, Swisscontact
  • Ministeri, autorità provinciali e distrettuali
  • Organizzazioni non governative e della società civile del Mozambico, per esempio Centro de Integridade Publica, Instituto de Estudios
  • ONG internazionali: per esempio Netherlands Development Organisation, Concern Universal
  • Comunità di donatori (G19)

Progetti attuali

Oggetto 1 – 12 di 31

Mobilitazione contro l’HIV/AIDS nelle prigioni dell’Africa australe

01.08.2015 - 30.09.2018

Alla luce delle cifre allarmanti della presenza dell’HIV/AIDS nelle prigioni dell’Africa australe, la DSC s’impegna a riformare il sistema delle cure in ambito penitenziario in Malawi, Swaziland, Zambia e Zimbabwe. Le autorità interessate sono accompagnate nell’attuazione di standard di cura predefiniti. Il personale delle carceri segue corsi di formazione. Inoltre vengono finanziate nuove infrastrutture destinate in particolare alle donne e ai detenuti giovani.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale (SADC)
Sanità
Malattie sessualmente trasmissibili, HIV/AIDS inclusi
Salute sessuale e riproduttiva (salute madre e bambino e pianificazione familiare incluse)
Malattie trasmissibili
POPULATION POLICIES PROGRAMMES AND REPRODUCTIVE HEALTH
POPULATION POLICIES PROGRAMMES AND REPRODUCTIVE HEALTH
SALUTE
Controllo delle MST, incluso HIV/AIDS
Sanità riproduttiva
Controllo delle malattie infettive

01.08.2015 - 30.09.2018


CHF 3'734'300



Contadine e contadini a contatto con il settore privato

01.01.2014 - 31.12.2017

Nel Nord del Mozambico la DSC mette in contatto i contadini e diverse imprese del settore privato per stimolare la produzione agricola e lottare contro la povertà. È essenziale approvvigionare gli agricoltori con semenze di qualità.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Mozambico
Economia e impiego
Produzione agricola (gestione delle risorse naturali inclusa)
Sviluppo della catena di valore agricola
Sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI)
AGRICOLTURA
MULTISETTORALE
INDUSTRIA
Sviluppo agricolo
Sviluppo rurale
Sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI)

01.01.2014 - 31.12.2017


CHF 7'930'000



Sexual and Reproductive Health and Rights and HIV in prisons

01.10.2018 - 31.07.2024

Prisoners are a high-risk group when it comes to HIV and other communicable diseases. Nonetheless, little attention has been paid so far to address the need for HIV and AIDS and other health services in prisons. The project will improve HIV and health services for prisoners, including young women and men in seven countries of Southern Africa. At regional level, it will address policy issues that are adversely affecting the prison conditions and the rights of prisoners in the context of health and nutrition.


Regional Vulnerability Assessment and Analysis (RVAA)

01.08.2017 - 31.07.2021

The project supports the Southern African Development Community (SADC) and its Member States in reducing vulnerability of households to disaster risks by increasing their preparedness for response and recovery and in strengthening their resilience. This will be achieved through institutionalising and sustaining vulnerability assessments and analyses systems that enhance emergency and developmental responses at national and regional levels.


Rural Resilience in Southern Africa / R4 Initiative

01.07.2017 - 30.06.2021

The project builds resilience of smallholder farmer households in three countries in Southern Africa (Malawi, Zambia and Zimbabwe) by enabling their adaptation to climate risk through a community oriented and market based risk management comprehensive approach. The initiative combines improved resource management (risk reduction), insurance (risk transfer), livelihoods diversification and microcredit (prudent risk taking) and savings (risk reserves). The combined interventions are carefully adapted to each country context.


Health Promotion Cabo Delgado

01.04.2017 - 31.12.2020

Switzerland contributed to health promotion in Cabo Delgado Province in Northern Mozambique by supporting the retention of health promotion workers, strengthening community involvement and the public finance management. Phase 2 of the project builds up on this and newly address Water, Sanitation and Hygiene (WASH) in order to improve access and quality in the provision of health and WASH services targeting the 23 rural health posts in  three districts of the Province that are serving a total population of 570’000 people.


Safeguard Young People (SYP) – Sexual and Reproductive Health and Rights (SRHR)

01.02.2017 - 31.12.2019

The UNFPA Safeguard Young People programme (SYP) will contribute to the reduction of HIV infections and improved sexual and reproductive health and rights status of young women and men aged 10 to 24 in eight Southern African countries: Zambia, Swaziland, Malawi, Zimbabwe, South Africa, Namibia, Botswana, Lesotho. UNFPA will scale up SRHR/HIV prevention models and youth friendly health services (YFHS) in order to equip young people with knowledge, skills and values to protect themselves and capacitate member states to improve the legislative environment to address young people’s health issues.


HortiSempre 2

02.01.2017 - 31.12.2020

Switzerland’s introduction of market focused and innovative solutions in horticulture, contributed to the growth of the sector in Northern Mozambique by improving productivity and de-seasonalization of production. Phase 2 of the project will consolidate and scale-up on these achievements in order to increase the annual income for 25’000 poor women and men producers. The introduction of beans and cassava will enhance the resilience against weather shocks and disasters.


Health System Strengthening Support Program 2017-2019

01.01.2017 - 31.12.2019

With its contribution to the health common fund (PROSAUDE) Switzerland supports the Government of Mozambique, in particular local governments, to accelerate equitable access to primary health services for women, children and people living in rural areas. As chair of the health common fund, Switzerland will advocate increased domestic funding and decentralization in order to foster sustainable and equitable health financing.


Strengthening Agro-biodiversity in Southern Africa

01.09.2016 - 31.08.2019

The project promotes seed diversity and agro-ecological practices through an inclusive, evidence-based dialogue with governments at regional and country levels by empowered farmer’s and farmer support organizations ensuring that their experiences are taken into account in the development of policies and programmes in agriculture. This will thus strengthen food security in Southern Africa.


Strengthening Agro-biodiversity in Southern Africa

01.09.2016 - 31.08.2022

The project’s goal is to strengthen food security in Southern Africa by promoting seed diversity and agro-ecological practices through an inclusive, evidence-based dialogue with governments at regional and country levels by empowered farmer’s and farmer support organizations.  


Progetto pianificato

Strengthening Social Accountability and Oversight in Health and Agriculture

01.05.2016 - 31.12.2025

The projected intervention aims at improving public resources management and services delivery in health and agriculture sectors through strengthening the oversight and social accountability roles as well as the capacities of selected parliamentary committees and civil society organisations (CSOs) in the region. It facilitates knowledge sharing and learning at regional level and supports collaborations between parliamentary committees and CSOs in five SADC countries.

Oggetto 1 – 12 di 31