Biodiversità

Mercato con molte verdure
La biodiversità garantisce l'approvvigionamento delle persone con le vitamine e i minerali necessari e pertanto è importante per la sicurezza alimentare. ©CGIAR

La Terra presenta una varietà biologica impressionante. La biodiversità agricola permette alle persone di approvvigionarsi delle vitamine e dei minerali necessari, e garantisce anche il funzionamento degli ecosistemi utilizzati per la produzione di generi alimentari. Pertanto è fondamentale per la sicurezza alimentare. La DSC s’impegna per conservare la biodiversità agricola e, nei suoi progetti, tiene conto delle conoscenze e delle tradizioni della popolazione locale.

Obiettivi principali della DSC

La biodiversità, ossia la varietà delle piante utili e degli animali da allevamento, è un fattore importante per un’alimentazione sana ed equilibrata. La varietà garantisce un approvvigionamento adeguato di sostanze nutritive attraverso gli alimenti. La DSC s’impegna per un’alimentazione sana, equilibrata e sufficiente per tutti. Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale preservare la biodiversità agricola.

A livello globale partecipa alla conservazione, in apposite banche dei semi, delle sementi delle piante utili più usate.

La DSC si impegna anche a migliorare i sistemi delle sementi esistenti. Attraverso l’organizzazione di ricerca internazionale Bioversity International, attiva in America del Sud, Asia e Africa, incoraggia i contadini a preservare e vendere varietà di piante indigene.

La popolazione locale nel relativo Paese ha un ruolo importante nella conservazione della biodiversità agricola, poiché conosce le piante locali e lo sfruttamento tradizionale del terreno. La DSC tiene conto di questo aspetto nei suoi progetti sulla biodiversità. Collabora con istituzioni locali, regionali e globali per raggiungere un utilizzo sostenibile degli ecosistemi, che sia accettato e conservato dalla popolazione locale nel relativo Paese.

Contesto

La biodiversità deve trovare il giusto equilibrio tra la trasformazione di ecosistemi naturali in enormi superfici agricole, che porta a una maggiore produzione agricola e a un miglior approvvigionamento, e il fatto che questi sviluppi mettano in pericolo la varietà delle specie e quindi l’autosufficienza della popolazione locale.. La sfida consiste nello sviluppare lo spazio rurale con riguardo e a beneficio di tutti gli interessati. La biodiversità è importante anche per la ricerca medica: le piante naturali e selvatiche sono spesso alla base del processo di sviluppo di medicinali.

Si stima che nel mondo esistano circa 7000 specie di piante coltivate dall’uomo per essere consumate. Attualmente più del 50% delle calorie di origine vegetale è fornito da riso, mais e grano. Nel 2019 il 75% dell’alimentazione umana proviene da sole 12 specie di piante e 5 specie di animali. Le specie e varietà vegetali utilizzate in agricoltura sono diminuite drasticamente negli ultimi cento anni: basti pensare che nel 1949, in Cina, si contavano più di 10’000 varietà locali di grano, mentre oggi ne vengono coltivate meno di un migliaio. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), la comunità mondiale ha già perso il 75% delle varietà di piante un tempo destinate alla nostra alimentazione.

Concentrarsi su poche specie di cereali e vegetali comporta dei rischi. Un’esauriente varietà genetica protegge a lungo termine da sviluppi inattesi, come malattie o parassiti.

A livello globale la Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica ha come obiettivo la conservazione della diversità biologica, l’uso sostenibile delle componenti della diversità biologica e la ripartizione giusta ed equa dei vantaggi derivanti dallo sfruttamento di queste risorse. La Commissione delle risorse genetiche per l’alimentazione e l’agricoltura della FAO si occupa in modo più specifico delle questioni che riguardano la biodiversità agricola.

Nell’ambito della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica, la Svizzera si è impegnata a raddoppiare il suo impegno entro 10 anni. In qualità di Paese con una varietà delle specie fortemente minacciata, la Svizzera condivide in questo modo gli sforzi globali a favore della sua conservazione.

Link

Progetti attuali

Oggetto 1 – 8 di 8

  • 1

Trasmissione del sapere e scambio di esperienze a tutela degli ecosistemi delle foreste nelle Ande

Una parte della foresta andina immersa nella nebbia.

01.11.2011 - 31.12.2019

Le foreste andine sono importanti da numerosi punti di vista: per la loro capacità di filtrare e depurare l’acqua, per la loro difesa del suolo e per la regolazione del clima come pure per la loro capacità di assorbimento dei gas serra. Con il progetto ANFOR la DSC contribuisce a proteggerle in maniera durevole.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Ande
Ambiente
Adattamento ai cambiamenti climatici
Riforestazione
Adattamento ai cambiamenti climatici
Riduzione dei cambiamenti climatici
Biodiversità
Riduzione dei cambiamenti climatici
AGRICULTURE, FORESTRY, FISHING
PROTEZIONE GENERALE DEL AMBIENTE
AGRICULTURE, FORESTRY, FISHING
PROTEZIONE GENERALE DEL AMBIENTE
PROTEZIONE GENERALE DEL AMBIENTE
Sviluppo della silvicoltura
Politica dell'ambiente e gestione amministrativa
Forestry policy
Politica dell'ambiente e gestione amministrativa
Protezione della biosfera
Protezione della biosfera
Biodiversità

01.11.2011 - 31.12.2019


CHF 8'072'000




Global Sustainable Land Management Platform for Knowledge Management and Decision Support (WOCAT)

01.12.2015 - 30.11.2019

Sustainable Land Management (SLM) is essential for reducing land degradation, restoring degraded land and striving to achieve land degradation neutrality. WOCAT, the Global Sustainable Land Management Platform, is recognised by the UN Convention to Combat Desertification (UNCCD) as the primary database for SLM best practices reporting, offers robust and up-to-date knowledge, tools and methods for evidence-based decision-making to implement the most appropriate practices within a given context and to improve land resources, ecosystems and livelihoods. The phase will focus on enhancement of knowledge uptake in decision support.


Support to Recovery and Reconstruction in Nepal Programme (SRRNP)

05.06.2015 - 30.06.2019

Three major earthquakes left over 8’500 people dead, 3 mio homeless and affected one third of the population in Nepal. Switzerland’s contribution to the recovery and reconstruction efforts will ensure the equitable distribution of services and provisions especially from a gender and social inclusion perspective through, the provision of direct recovery and reconstruction support to the affected people, capacity building of the local government and other service delivery agencies.


BIOCULTURA 2015 - 2019

01.06.2015 - 31.12.2019

In the last 5 years the Biocultura programme has elaborated an environment compatible approach for the development of rural communities – known as „Vivir Bien“ in Bolivia, and has contributed to the definition of a legal framework for the climate issue. In the 2nd phase 15.000 families in 400 communities have been receiving support to assimilate the climate changes and national capacities for an efficient and transparent management of the national climate budget have been constructed.



Angewandte Forschung zur Anpassung an den Klimawandel

01.06.2013 - 30.06.2019

Bolivien ist von den negativen Auswirkungen des Klimawandels (KW) stark betroffen – insbesondere 500‘000 besonders anfällige in Armut lebende Familien in den Höhenlagen der Anden. Mit dem Projekt soll die Resilienz von armen Familien in den Anden verbessert werden. Mittels eines Wettbewerbs sollen in 4 Jahren rund 100 Forschungsprojekte der zwei bekanntesten Universitäten des Landes finanziert werden. Es geht dabei um angewandte Forschung zu Themen, die den konkreten Bedürfnissen der am stärksten vom KW betroffenen andinen Dorfgemeinschaften entsprechen.


Rafforzamento della società civile

01.07.2011 - 30.11.2019

Grazie al contributo svizzero all’allargamento, in tutti i Paesi partner, salvo Malta, viene finanziato un fondo di sostegno per le organizzazioni non governative (fondo ONG) atto a promuovere e rafforzare la partecipazione della società civile allo sviluppo socioeconomico del Paese. Il contributo totale destinato a questa iniziativa si eleva a circa 61 milioni di franchi.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Bulgaria
Proteggere l’ambiente
Rafforzare la società civile
Biodiversità
Organizzazioni non governative

01.07.2011 - 30.11.2019


CHF 8'000'000


Oggetto 1 – 8 di 8

  • 1