Migrazione

Migrazione: una priorità della DSC

© DSC

Il percorso di vita di un migrante ha molte sfaccettature. Nella maggior parte dei casi, i migranti contribuiscono con il proprio lavoro allo prosperità sia del loro Paese di residenza sia di quello d'origine. In caso di conflitti o di catastrofi naturali, i migranti devono piuttosto essere considerati delle vittime. Resi vulnerabili da questi eventi, hanno bisogno di particolare protezione.

Con la sua attività la DSC affronta i vari aspetti legati alla migrazione. Oltre a svolgere un lavoro sul campo, partecipa attivamente al dialogo politico su questo tema. I sei ambiti tematici seguenti riassumono il suo impegno.

Dialogo internazionale sulla migrazione

La DSC cerca soluzioni globali e contribuisce a dare forma al dialogo politico sulla migrazione e sullo sviluppo a livello internazionale.

Rifugiati e sfollati interni

La DSC cerca di tutelare i rifugiati e gli sfollati e di fare in modo che siano soddisfatti i loro bisogni essenziali.

Le diaspore

La DSC crea condizioni quadro favorevoli, incoraggia gli scambi e porta avanti progetti innovativi affinché le diverse comunità costrette alla diaspora possano contribuire allo sviluppo dei loro Paesi d’origine.

La migrazione della manodopera

La DSC si adopera affinché i migranti siano informati sui loro diritti e beneficino di condizioni di lavoro eque.

Politica estera della Svizzera in materia di migrazione

La DSC mette a profitto la propria esperienza e gli strumenti a sua disposizione per perseguire gli interessi di una coerente politica migratoria della Svizzera nel quadro di una collaborazione interdipartimentale.

Sito specializzato della DSC sul tema della migrazione

Informazioni specialistiche (news, documenti, strumenti, metodi) per lo scambio di conoscenze e la collaborazione con partner e specialisti

 http://www.sdc-migration.ch

Documenti

Progetti attuali

Oggetto 1 – 12 di 12

  • 1

Kakuma: creare competenze professionali nel cuore di un campo profughi

Un uomo ripara un computer nel suo laboratorio, davanti a sei visitatori.

01.07.2016 - 30.06.2019

Attraverso corsi pratici di vario genere, questo progetto pilota della DSC trasmette ai rifugiati e alla popolazione locale di Kakuma conoscenze professionali che permettono loro di guadagnarsi da vivere. Durante la prima fase del progetto, avviato nel 2013, più di 500 giovani hanno ricevuto una formazione. La seconda fase è iniziata l’estate 2016.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Kenia
Migrazione
Stato di diritto - democrazia - diritti dell'uomo
Migrazione forzata (rifugiati, sfollati interni, tratta di esseri umani)
Formazione professionale e sviluppo delle competenze
Protezione e accesso
ISTRUZIONE
AIUTO UMANITARIO
ISTRUZIONE
ISTRUZIONE
GOVERNO E SOCIETÀ CIVILE
Formazione professionale e sviluppo delle competenze
Assistenza materiale e servizi d'emergenza
Formazione professionale e sviluppo delle competenze
Strategie di vita per giovani e adulti
Diritti umani

01.07.2016 - 30.06.2019


CHF 2'050'000



Forgiare una «cultura del Nilo» comune attraverso la musica e la formazione accademica

Musicisti del progetto del Nilo in viaggio.

01.05.2015 - 31.10.2019

Per fare del bacino del Nilo un territorio comune e un ecosistema condiviso dagli abitanti degli undici Paesi attraversati dal fiume, la DSC sostiene un progetto musicale ed educativo innovativo: «The Nile Project», il progetto del Nilo. L’iniziativa raggruppa artisti, studenti e cittadini. Dal 2013, si è svolta una serie di concerti di grande successo, e contemporaneamente alcuni studenti hanno cominciato a sviluppare iniziative per promuovere un migliore uso delle risorse idriche.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Egitto
Economia e impiego
Istruzione
Migrazione
Stato di diritto - democrazia - diritti dell'uomo
Istruzione
Ambiente
Stato di diritto - democrazia - diritti dell'uomo
Economia e impiego
Cultura
Riduzione dei rischi di catastrofi: preparazione all'emergenza
Politica dell'istruzione
Sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI)
Protezione dell'ambiente
Sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI)
Formazione professionale e sviluppo delle competenze
Accesso all'informazione (sostegno ai media e TIC inclusi)
Riduzione dei cambiamenti climatici
Cultura
Diritti dell'uomo (diritti delle donne inclusi)
Migrazione in generale (aspetti relativi allo sviluppo e partenariati)
Protezione e accesso
ISTRUZIONE
GOVERNO E SOCIETÀ CIVILE
OTHER SOCIAL INFRASTRUCTURE AND SERVICES
COMMUNICAZIONE
INDUSTRIA
AIUTO UMANITARIO
ISTRUZIONE
GOVERNO E SOCIETÀ CIVILE
BUSINESS & OTHER SERVICES
INDUSTRIA
PROTEZIONE GENERALE DEL AMBIENTE
GOVERNO E SOCIETÀ CIVILE
OTHER SOCIAL INFRASTRUCTURE AND SERVICES
COMMUNICAZIONE
PROTEZIONE GENERALE DEL AMBIENTE
AIUTO UMANITARIO
Politica dell'istruzione e gestione amministrativa
Women's equality organisations and institutions
Cultura e svago
Sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI)
Prevenzione delle catastrofi e preparazione all'emergenza
Formazione professionale e sviluppo delle competenze
Politica del settore pubblico e gestione amministrativa
Business support services and institutions
Sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI)
Politica dell'ambiente e gestione amministrativa
Promotion of development awareness (non-sector allocable)
Diritti umani
Women's equality organisations and institutions
Cultura e svago
Tecnologia dell'informazione e della comunicazione (TIC)
Protezione della biosfera
Assistenza materiale e servizi d'emergenza

01.05.2015 - 31.10.2019


CHF 750'000



Rehabiltiation of public schools accomodating Syrian refugee children

01.04.2016 - 31.12.2019

Education is one of the public sectors particularly under pressure due to the influx of refugees. There are currently 143,000 school-aged Syrian refugees enrolled in public schools in Jordan, another approx. 83,000 remain out of school. Overstretched infrastructure and lack of space are major challenges. SDC will continue to support the Ministry of Education (MoE) in non-structural rehabilitation of schools accommodating Syrian refugees, including water and sanitation facilities, contributing to increase the accommodating capacities. The project will also include an awareness component addressing maintenance issues.


Migration Network Activities

01.03.2016 - 30.06.2020

The SDC Migration network provides the platform to share knowledge and experience on programmes, efforts and global developments in the field of migration and development at operational and policy dialogue level. It constitutes the framework to support activities contributing to the different network components, hence contributing to increase sharing of knowledge and enhanced connections among stakeholders.


Programme Development North Africa

01.07.2015 - 30.06.2020

Originally conceived to support the development of activities under the Swiss North Africa Programme launched from scratch in 2011, the 5th phase with a much reduced budget allows deepening relevant thematic and context knowledge, developing and formulating future strategic priorities and setting-up adapted or new projects for SDC in a fragile and complex environment. For 2015-16 the focus is on preparatory work for the Swiss North Africa programme 2017-20.


International Dialogue on Migration and Development

01.05.2015 - 31.12.2019

The international dialogue on migration and development subsumes different global processes and activities by a number of key stakeholders. In this context, the debate on migration and development has evolved rapidly and has generated outcomes that improve the protection of migrants and enhance their development contribution. Switzerland has played a significant role in this process. SDC will continue supporting relevant initiatives, institutions and partners to further strengthen the global governance on migration and development.


Decent work for migrants in the Middle East

01.01.2015 - 31.12.2019

The Middle East attracts high numbers of migrants from South/South East Asia. While migrants constitute an important contribution to the Gulf State economies and the development of their countries of origin, they remain vulnerable to exploitation and abuse along the migration chain. This programme builds on gains made during its first phase and seeks to improve legal frameworks and their implementation in favour of decent work conditions for migrants. The approach combines operational support to migrants, capacity building of national and civil society actors with regional and global policy dialogue efforts.


Institutional Strengthening of IGAD

31.05.2014 - 31.12.2020

The Intergovernmental Authority on Development (IGAD) is a sub-regional organization in the Horn of Africa. In line with Switzerland’s decision to increase its engagement with IGAD, the proposed contribution aims at strengthening the organization institutionally based on its political legitimacy, thematic relevance and capacity to contribute to peace and development in one of the world’s most fragile regions.


Decent Work for Migrants from South Asia

01.11.2013 - 30.06.2019

Labour migration is highly significant for the development of countries of origin in South Asia, but migrants are often not sufficiently protected by legal frameworks and therefore vulnerable to exploitation and abuse. This programme supports governments and the civil society to create and implement policies for improved protection of migrants and to enhance their contribution to the development of their country of origin. Concrete lessons learnt from this programme at the national level will be fed into regional and global dialogues.


JPO Programme, Volées 2013-2018, Humanitarian Aid HA

01.09.2013 - 31.12.2019

The aim of the programme is to increase Switzerland's presence within the UN system. This measure also meets the more general aim of strengthening the influence and quality of Switzerland's political dialogue with the target agencies. The JPO programme will eventually serve to intensify this political dialogue and increase Switzerland's capacity to monitor the work of agencies through direct contact with the JPOs recruited through this programme.



The World Bank’s Multi-donor Trust Fund: The Global Knowledge Partnership on Migration and Development KNOMAD

01.05.2012 - 31.08.2019

Migration and development is an integral part of the global political agenda. The knowledge available to enrich international processes such as the post-2015 debate and substantiate policy developments at national level, remains however scattered. Such knowledge needs global anchoring and capacities to be produced, processed and disseminated. Switzerland is taking a lead role in addressing this situation by supporting as first donor the Global Knowledge Partnership on Migration and Development (KNOMAD), which will become an indispensable source for all stakeholders.

Oggetto 1 – 12 di 12

  • 1