Favorire la crescita economica e migliorare le condizioni di lavoro

Donna in una fattoria in Lettonia
Nella Lettonia sono stati concessi più di 1000 microcrediti che permettono di mantenere e creare più di 2500 posti di lavoro. © SECO

Nei Paesi partner la Svizzera investe circa 333 milioni di franchi in progetti finalizzati alla promozione dello sviluppo economico e al miglioramento delle condizioni di lavoro. Si tratta di obiettivi importanti anche per il nostro Paese poiché l’espansione dei mercati e l’aumento del potere d’acquisto nell’Europa dell’Est avvantaggiano le aziende esportatrici.

I progetti sono molto vari e vanno dalla promozione delle regioni strutturalmente deboli nel sud-est della Polonia all’introduzione di un sistema di formazione duale in Slovacchia fino ai programmi di borse di studio per giovani ricercatori provenienti dai nuovi Stati membri dell’UE. Inoltre, il contributo all’allargamento viene impiegato per finanziare prestiti alle piccole imprese che consentono di creare e mantenere posti di lavoro, per promuovere il turismo e la responsabilità sociale delle aziende nelle regioni strutturalmente deboli e per migliorare l’applicazione delle norme internazionali nei settori della presentazione dei conti e della revisione contabile. Ciò permette di creare un clima favorevole agli investimenti e aiuta a prevenire le crisi finanziarie.

Risultati

Documentazione (10)

Oggetto 1 – 10 di 10

  • 1

2018 Rapporto annuale 2018

Informazioni sui risultati raggiunti nell’ambito dei tre programmi nazionali ancora in corso, per esempio per quanto riguarda lo sminamento in Croazia, la promozione delle PMI in Romania o il miglioramento del sistema di trasporto pubblico in Bulgaria grazie ai tram di Basilea. Il rapporto illustra brevemente anche il contesto relativo al secondo contributo svizzero ad alcuni Stati membri dell’UE.



Contributo svizzero all’allargamento: rapporto annuale 2017

I dieci Paesi che hanno aderito all’Unione europea nel 2004 hanno concluso i progetti svolti nel quadro del contributo all’allargamento. La SECO e la DSC tracciano un bilancio e pubblicano i risultati nel rapporto annuale 2017. I progetti hanno notevolmente contribuito alla riduzione delle disparità sociali ed economiche in Europa. La Svizzera ha potuto apportare le proprie conoscenze specifiche in numerosi progetti.




Contributo svizzero all’allargamento: rapporto annuale 2016

Il rapporto mostra i risultati e lo stato dei progetti, tra cui interventi nel campo della formazione professionale duale in Slovacchia e della lotta contro la tratta di esseri umani in Bulgaria e Romania, bonifica di un porto in Lettonia e di un fondo per capitale di rischio in Ungheria. Illustra inoltre le conclusioni dei programmi in Estonia e Slovenia e presenta il nuovo programma per la Croazia.



Il contributo svizzero all'allargamento

La Direzione dello sviluppo e della cooperazione DSC e la Segreteria di Stato dell’economia SECO tracciano un bilancio a medio termine sui primi cinque anni dall’approvazione del contributo all’allargamento a favore dei dieci nuovi membri dell’UE. La fase di attuazione dei progetti continuerà fino al 2017.



La Svizzera sostiene l’introduzione di un sistema di formazione professionale duale adeguato alle esigenze del mercato in Slovacchia



Progetti per l'inclusione sociale dei Rom e di altri gruppi svantaggiati in quattro Stati membri dell’UE





Oggetto 1 – 10 di 10

  • 1

Attualità (33)

Oggetto 13 – 24 di 33

La Segretaria di Stato in visita nei Paesi baltici

La Segretaria di Stato Ineichen-Fleisch con Rolands Panko de la banca lettone di sviluppo

22.05.2015 – Articolo

Dal 18 al 22 maggio la Segretaria di Stato Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch si è recata in visita nei Paesi baltici. Durante la sua permanenza ha visitato i siti in cui sono in corso di attuazione tre progetti sostenuti dal contributo svizzero all’allargamento.


Un giovane romeno fa ricerca a Losanna sul tema del dolore

Alexandru Deftu (27 anni) al lavoro in laboratorio.

29.01.2015 – Articolo

Grazie a una borsa di studio Sciex il giovane ricercatore romeno Alexandru Deftu ha la possibilità di studiare per un anno, presso l’ospedale universitario di Losanna, i diversi aspetti del dolore come segnale d’allarme inviato al sistema nervoso centrale. Il 17 novembre 2014, all’Università di Berna, in occasione del concorso «Sciex Science Slammer 2014», Alexandru ha presentato il suo complesso ambito di ricerca agli altri borsisti e a un pubblico interessato. In un’intervista parla del suo lavoro e delle difficoltà che si incontrano nel cercare di rendere accessibile a un vasto pubblico un tema difficile.


Il Consiglio federale apre la procedura di consultazione sul proseguimento della legge federale sulla cooperazione con gli Stati dell’Europa dell’Est

17.12.2014 – Comunicato stampa
Il Consiglio federale ha aperto la procedura di consultazione sul proseguimento della legge federale sulla cooperazione con gli Stati dell’Europa dell’Est. La legge attuale è valida ancora fino alla fine di maggio 2017. Un prolungamento tempestivo dovrebbe permettere di proseguire senza interruzioni la cooperazione con gli Stati dell'Europa dell'Est e dell'ex Unione sovietica. La procedura di consultazione dura fino al 31 marzo 2015.


Contributo all'allargamento per la Bulgaria e la Romania: il periodo d'impegno per progetti si è concluso

Un uomo in piedi davanti a una macchina sta usando un telecomando.

08.12.2014 – Comunicato stampa
Il 7 dicembre si è concluso il periodo d’impegno del contributo all'allargamento per la Bulgaria e la Romania, che hanno aderito all'UE nel 2007. Complessivamente sono stati approvati 13 fondi tematici e 28 progetti per un importo totale di 257 milioni di franchi. L'impegno svizzero è volto a diminuire le disparità economiche e sociali all'interno dell'UE allargata.


Mille microcrediti assegnati per duemila posti di lavoro

L’ambasciatore svizzero (a sinistra) taglia il nastro durante l’inaugurazione della nuova cucina, aiutato dal presidente del Consiglio direttivo del ALTUM.

20.11.2014 – Articolo

Il 16 ottobre 2014 l’ambasciatore svizzero e il presidente del Consiglio direttivo della Banca di sviluppo lettone ALTUM hanno partecipato ai festeggiamenti della scuola materna POGA, beneficiaria del 1000° microcredito erogato. Il programma di microcredito svizzero-lettone, che facilita l’accesso al credito alle microimprese e ai lavoratori indipendenti, ha chiaramente superato il suo obiettivo iniziale che prevedeva di assegnare 650 microcrediti e creare 900 posti di lavoro.


Il presidente della Confederazione Didier Burkhalter incontra il ministro maltese degli affari esteri George W. Vella

Il 4 novembre 2014 il presidente della Confederazione Didier Burkhalter riceve il ministro degli esteri maltese George W. Vella nella Casa Beatrice von Wattenwyl a Berna. I due ministri sottoscrivono, tra l’altro, un Memorandum of Understanding. © DFAE

04.11.2014 – Comunicato stampa

Berna, 04.11.2014 - Questo martedì, nell’ambito di una visita ufficiale di lavoro, il presidente della Confederazione e capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha ricevuto nella casa von Wattenwyl a Berna il ministro degli esteri della Repubblica di Malta. I colloqui hanno offerto l’occasione per fare il punto su varie questioni di ordine internazionale e multilaterale e sullo sviluppo delle relazioni bilaterali tra la Svizzera e Malta. È stato inoltre firmato un memorandum d’intesa.


Il presidente della Confederazione Didier Burkhalter incontra il ministro maltese degli affari esteri George W. Vella

04.11.2014 – Comunicato stampa
Questo martedì, nell’ambito di una visita ufficiale di lavoro, il presidente della Confederazione e capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha ricevuto nella casa von Wattenwyl a Berna il ministro degli esteri della Repubblica di Malta. I colloqui hanno offerto l’occasione per fare il punto su varie questioni di ordine internazionale e multilaterale e sullo sviluppo delle relazioni bilaterali tra la Svizzera e Malta. È stato inoltre firmato un memorandum d’intesa.


La Svizzera promuove il turismo in Slovacchia

Il centro d’informazione turistica appena inaugurato

03.07.2014 – Articolo

Il 28 giugno 2014 ha aperto ufficialmente i battenti in Slovacchia un centro d’informazione turistica che rappresenta il fulcro del progetto di sviluppo regionale nel Paese. Il centro si trova nel Parco nazionale del Paradiso slovacco (Slovenský raj), che attira ogni anno 700’000 visitatori. Scopo del progetto è promuovere il turismo in questa promettente regione e creare così nuovi posti di lavoro e nuove opportunità per la popolazione locale.


Lo sviluppo regionale in Polonia crea posti di lavoro

Il progetto «Alpine Carpathian Cooperation Bridge» promuove la produzione e la commercializzazione di prodotti tradizionali della provincia dei Precarpazi (Podkarpackie).

28.02.2014 – Articolo

Le iniziative locali rafforzano l’economia delle regioni più deboli nei nuovi Stati membri dell’UE e creano posti di lavoro. La valutazione intermedia di dieci progetti di sviluppo regionale in Polonia mostra che nella maggior parte dei casi la loro attuazione procede secondo i piani e che i primi risultati sono già visibili.


Il programma di microcredito in Lettonia è andato oltre le aspettative

Fattoria a Eleja

07.11.2013 – Articolo

A causa della crisi economico-finanziaria il tasso di disoccupazione in Lettonia ha registrato un’impennata. Il programma di microcredito facilita l’accesso al credito alle microimprese e ai lavoratori indipendenti. L’obiettivo del programma era assegnare 650 crediti per creare 900 nuovi posti di lavoro. Nel 2013, con l’assegnazione di 800 crediti, l’obiettivo è stato addirittura superato. I posti di lavoro creati o mantenuti grazie al programma sono stati circa 2000.


Scambio di esperienze con l’Autorità federale di sorveglianza dei revisori

scambio di esperienze

27.12.2012 – Articolo

Revisioni indipendenti e altamente qualitative ostacolano la falsificazione dei libri contabili contribuendo così a evitare i reati di falso in bilancio e la conseguente instabilità economica. Per questo motivo la Svizzera sostiene in diversi nuovi Paesi membri dell’UE un programma regionale a favore dell’applicazione di prescrizioni trasparenti nel settore contabile (presentazione e revisione dei conti). Il programma è realizzato dalla Banca mondiale (Vienne Centre for Financial Reporting Reform). Nell’ambito del programma ha avuto luogo, nel mese di dicembre 2012, un viaggio di studio di due giorni in Svizzera.


Inizio dei progetti di ricerca svizzero-rumeni

10.10.2012 – Articolo

Il 29 agosto 2012 ha avuto luogo a Berna la manifestazione informativa per i progetti di ricerca svizzero-rumeni nell'ambito del contributo svizzero all'allargamento a favore della Romania. Si può quindi iniziare con l'attuazione dei 26 progetti scelti che di regola durano tre anni e saranno quindi conclusi nel 2015. La Svizzera sostiene il programma con quasi 10 milioni di franchi.

Oggetto 13 – 24 di 33

Video (1)

Oggetto 1 – 1 di 1

  • 1

Editore DEZA

Il contributo svizzero in breve

Informazioni sul contributo svizzero all’allargamento: breve presentazione con esempi di progetti. © DSC/SECO

Oggetto 1 – 1 di 1

  • 1

Pubblicazioni (5)

Oggetto 1 – 5 di 5

  • 1

2018 Rapporto annuale 2018

Informazioni sui risultati raggiunti nell’ambito dei tre programmi nazionali ancora in corso, per esempio per quanto riguarda lo sminamento in Croazia, la promozione delle PMI in Romania o il miglioramento del sistema di trasporto pubblico in Bulgaria grazie ai tram di Basilea. Il rapporto illustra brevemente anche il contesto relativo al secondo contributo svizzero ad alcuni Stati membri dell’UE.



Contributo svizzero all’allargamento: rapporto annuale 2017

I dieci Paesi che hanno aderito all’Unione europea nel 2004 hanno concluso i progetti svolti nel quadro del contributo all’allargamento. La SECO e la DSC tracciano un bilancio e pubblicano i risultati nel rapporto annuale 2017. I progetti hanno notevolmente contribuito alla riduzione delle disparità sociali ed economiche in Europa. La Svizzera ha potuto apportare le proprie conoscenze specifiche in numerosi progetti.



Contributo svizzero all’allargamento: rapporto annuale 2016

Il rapporto mostra i risultati e lo stato dei progetti, tra cui interventi nel campo della formazione professionale duale in Slovacchia e della lotta contro la tratta di esseri umani in Bulgaria e Romania, bonifica di un porto in Lettonia e di un fondo per capitale di rischio in Ungheria. Illustra inoltre le conclusioni dei programmi in Estonia e Slovenia e presenta il nuovo programma per la Croazia.




Il contributo svizzero all'allargamento

La Direzione dello sviluppo e della cooperazione DSC e la Segreteria di Stato dell’economia SECO tracciano un bilancio a medio termine sui primi cinque anni dall’approvazione del contributo all’allargamento a favore dei dieci nuovi membri dell’UE. La fase di attuazione dei progetti continuerà fino al 2017.


Oggetto 1 – 5 di 5

  • 1