Rafforzare la società civile

Un gruppo di giovani dipinge un quadro
Il contributo all'allargamento svizzero finanzia con circa 105 milioni di franchi progetti volti a rafforzare la società civile, come ad esempio la costruzione di un centro giovanile in Lettonia. © DSC

105 milioni di franchi sono destinati a progetti per il rafforzamento della società civile. In tutti i Paesi partner, tranne Malta, viene finanziato un fondo di sostegno per le organizzazioni non governative (fondo ONG).

Tramite i fondi ONG la Svizzera sostiene soprattutto progetti in campo sociale e ambientale che promuovono e rafforzano la partecipazione della società civile allo sviluppo economico e sociale. Complessivamente i partner svizzeri partecipano alla realizzazione di circa un quinto dei progetti. Il coinvolgimento dei partner svizzeri consente alle ONG straniere di beneficiare delle nostre competenze mentre i partenariati con le associazioni dei vari Paesi permettono alle organizzazioni svizzere di sviluppare le loro reti e il loro know-how. Inoltre, in Bulgaria, Polonia, Slovacchia, Slovenia, Romania, Repubblica Ceca e Ungheria è disponibile anche un fondo di partenariato.

Risultati

Documentazione (9)

Oggetto 1 – 9 di 9

  • 1

2018 Rapporto annuale 2018

Informazioni sui risultati raggiunti nell’ambito dei tre programmi nazionali ancora in corso, per esempio per quanto riguarda lo sminamento in Croazia, la promozione delle PMI in Romania o il miglioramento del sistema di trasporto pubblico in Bulgaria grazie ai tram di Basilea. Il rapporto illustra brevemente anche il contesto relativo al secondo contributo svizzero ad alcuni Stati membri dell’UE.



Contributo svizzero all’allargamento: rapporto annuale 2017

I dieci Paesi che hanno aderito all’Unione europea nel 2004 hanno concluso i progetti svolti nel quadro del contributo all’allargamento. La SECO e la DSC tracciano un bilancio e pubblicano i risultati nel rapporto annuale 2017. I progetti hanno notevolmente contribuito alla riduzione delle disparità sociali ed economiche in Europa. La Svizzera ha potuto apportare le proprie conoscenze specifiche in numerosi progetti.



Contributo svizzero all’allargamento: rapporto annuale 2016

Il rapporto mostra i risultati e lo stato dei progetti, tra cui interventi nel campo della formazione professionale duale in Slovacchia e della lotta contro la tratta di esseri umani in Bulgaria e Romania, bonifica di un porto in Lettonia e di un fondo per capitale di rischio in Ungheria. Illustra inoltre le conclusioni dei programmi in Estonia e Slovenia e presenta il nuovo programma per la Croazia.



Il contributo svizzero all'allargamento

La Direzione dello sviluppo e della cooperazione DSC e la Segreteria di Stato dell’economia SECO tracciano un bilancio a medio termine sui primi cinque anni dall’approvazione del contributo all’allargamento a favore dei dieci nuovi membri dell’UE. La fase di attuazione dei progetti continuerà fino al 2017.







Oggetto 1 – 9 di 9

  • 1

Attualità (17)

Oggetto 13 – 17 di 17

21 progetti di partenariato in fase di conclusione

Philippe Nendaz con Agata Stwora, direttrice della scuola speciale polacca di Łodygowice.

20.08.2014 – Articolo

Nell’estate 2014 sarà conclusa la maggior parte dei 21 progetti di partenariato svizzero-polacchi. Una valutazione condotta presso 16 partner di progetto svizzeri ha rivelato che la maggior parte dei progetti ha avuto un buon esito e che si è svolto uno scambio di conoscenze ed esperienze fruttuoso per entrambe le parti.


Nelle località sciistiche della Repubblica Ceca l'esperienza svizzera fa scuola

funicolare

25.03.2013 – Articolo

Nell'ambito di un piccolo progetto realizzato grazie a un fondo di partenariato tra Svizzera e Repubblica Ceca, le Funivie Svizzere (FUS) e la Asociace Ianové dopravy (ALDR), l'associazione ceca degli impianti a fune, hanno avuto uno scambio di esperienze nel campo della formazione e del marketing. Il progetto, dotato di un budget di 40 000 franchi, ha preso il via nel gennaio del 2012 per concludersi nel dicembre dello stesso anno.


Un piccolo progetto culturale tra Ungheria e Svizzera

Niki Donka e Gábor Várhegyi dei Pannónia Singers al concerto dell'Avvento del 14 dicembre 2012

17.01.2013 – Articolo
A metà dicembre 2012 si sono tenuti i primi eventi del progetto di partenariato «Swiss-Hungarian Civil Cultural Days» a Berna e Bolligen. Nel quadro del contributo all'allargamento, la Svizzera cofinanzia con un contributo di circa 60000 franchi questo progetto volto a promuoverelo scambio turistico eculturale tra l'Ungheria e la Svizzerae in particolare tra le città di Eger e Berna. Il progetto, partito il 1° settembre 2012, ha durata annuale.


Progetto di partenariato nel settore dello sport

15.10.2012 – Articolo

Il fondo di partenariato sostiene e promuove la cooperazione istituzionale tra la Svizzera e i Paesi interessati. In Bulgaria, Polonia, Romania, Slovacchia, Slovenia, Repubblica Ceca e Ungheria vengono attuati complessivamente più di 150 piccoli progetti, soprattutto ma non solo nel settore ambientale e in quello sociale. Ad esempio, un progetto promuove la collaborazione didattica e sportiva tra una scuola di aikido di Langenthal e un'associazione sportiva della Repubblica Ceca.


Trasferimento di know-how tra la Svizzera e la Repubblica ceca nel settore del traffico lento

SlowUp a Morat

17.07.2011 – Articolo

Nell’ambito del Fondo di partenariato finanziato dal contributo svizzero all’allargamento, nella Repubblica ceca è nata una cooperazione tra il programma Greenways della Fondazione ceca di Partenariato Ambientale e la Fondazione SvizzeraMobile. Il progetto di cooperazione verteva su uno scambio di esperienze nel settore del traffico lento per il tempo libero e il turismo.

Oggetto 13 – 17 di 17

Video (1)

Oggetto 1 – 1 di 1

  • 1

Editore DEZA

Il contributo svizzero in breve

Informazioni sul contributo svizzero all’allargamento: breve presentazione con esempi di progetti. © DSC/SECO

Oggetto 1 – 1 di 1

  • 1

Pubblicazioni (4)

Oggetto 1 – 4 di 4

  • 1

2018 Rapporto annuale 2018

Informazioni sui risultati raggiunti nell’ambito dei tre programmi nazionali ancora in corso, per esempio per quanto riguarda lo sminamento in Croazia, la promozione delle PMI in Romania o il miglioramento del sistema di trasporto pubblico in Bulgaria grazie ai tram di Basilea. Il rapporto illustra brevemente anche il contesto relativo al secondo contributo svizzero ad alcuni Stati membri dell’UE.



Contributo svizzero all’allargamento: rapporto annuale 2017

I dieci Paesi che hanno aderito all’Unione europea nel 2004 hanno concluso i progetti svolti nel quadro del contributo all’allargamento. La SECO e la DSC tracciano un bilancio e pubblicano i risultati nel rapporto annuale 2017. I progetti hanno notevolmente contribuito alla riduzione delle disparità sociali ed economiche in Europa. La Svizzera ha potuto apportare le proprie conoscenze specifiche in numerosi progetti.



Contributo svizzero all’allargamento: rapporto annuale 2016

Il rapporto mostra i risultati e lo stato dei progetti, tra cui interventi nel campo della formazione professionale duale in Slovacchia e della lotta contro la tratta di esseri umani in Bulgaria e Romania, bonifica di un porto in Lettonia e di un fondo per capitale di rischio in Ungheria. Illustra inoltre le conclusioni dei programmi in Estonia e Slovenia e presenta il nuovo programma per la Croazia.



Il contributo svizzero all'allargamento

La Direzione dello sviluppo e della cooperazione DSC e la Segreteria di Stato dell’economia SECO tracciano un bilancio a medio termine sui primi cinque anni dall’approvazione del contributo all’allargamento a favore dei dieci nuovi membri dell’UE. La fase di attuazione dei progetti continuerà fino al 2017.


Oggetto 1 – 4 di 4

  • 1