Proposte di progetto

La selezione dei progetti è terminata in tutti i Paesi partner e, in generale, ogni Paese ha scelto quelli ritenuti adeguati. La Svizzera ha esaminato le domande e ha deciso se concedere un finanziamento.

Un uomo mostra una cassa di prodotti alimentari davanti a un camion con i logo di «Schweizer Tafel».
Le organizzazioni svizzere hanno partecipato a 64 progetti di ONG. La fondazione «Lithuanian Food Bank» ha per esempio collaborato con «Schweizer Tafel». © DEZA

Molti Paesi procedono a una selezione mediante bandi di concorso. Negli Stati partner anche le istituzioni pubbliche (p. es. Comuni, autorità regionali e nazionali o organismi internazionali) possono presentare proposte di progetto. Di solito la selezione delle proposte è affiancata da un comitato consultivo composto da ministeri competenti, organizzazioni non governative, regioni o parti sociali.

A seconda dell’ambito tematico le proposte di progetto approvate vengono trasmesse alla DSC o alla SECO che, in parte affiancate da esperti esterni, le valutano, selezionano i progetti in modo definitivo e ne decidono il finanziamento. Nella fase di approvazione la Svizzera si è inoltre adoperata per coinvolgere nei progetti le sue istituzioni partner e incoraggiare così lo scambio di esperienze.

In Romania e Bulgaria la DSC opera attraverso cosiddetti fondi tematici che di regola sono curati da gestori svizzeri, selezionati mediante bandi di concorso pubblici. Le proposte di progetto vanno inoltrate a tali gestori, che dopo averle analizzate le inoltrano al servizio nazionale di coordinamento e alla DSC.  Le proposte di progetto, e in particolare le caratteristiche e i requisiti da soddisfare, vengono presentate nell’ambito di un bando di concorso a livello locale.