Rinaturazione del fiume Raba in Małopolska (Piccola Polonia)

Progetto concluso

Qualche decennio fa, la valle del Raba nella Polonia meridionale era un'area preziosa a livello ricreativo e ambientale, ma gli interventi edilizi degli anni 1960 e 1970 hanno cambiato la sua immagine. All'epoca si riteneva che l'impiego della canalizzazione e di un sistema di argini nella parte superiore del fiume avrebbe consentito un miglior controllo del Raba. Oggi, gli svantaggi di tali interventi sono noti: in caso di piena possono verificarsi gravi danni materiali, il patrimonio ittico risulta decimato e la vegetazione naturale dell'alveo del fiume praticamente scompare. La Svizzera sostiene la rinaturazione di due sezioni del fiume contribuendo a migliorare l'ecosistema.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Polonia
Proteggere l’ambiente
Biodiversity
Biodiversità
01.09.2011 - 31.12.2016
CHF 1'240'827

N.B.: i testi in tutte le rubriche, ad eccezione di quella intitolata «risultati raggiunti», descrivono la situazione prima dell’inizio del progetto.

Il fiume Raba, che nasce nei monti Carpazi a sud di Cracovia, scorre oggi in un alveo artificiale e rettilineo, trasformato negli anni 1960 e 1970 per ridurre il rischio di piene e per guadagnare spazio, allo scopo tra l'altro di realizzare di un'autostrada parallela al fiume. Inoltre, per rallentare il corso del fiume, le autorità dell'epoca avevano provveduto a costruire ulteriori sistemi di argini e pareti di protezione.

Oggi, il livellamento dei fiumi è considerato particolarmente problematico soprattutto dal punto di vista ambientale, dal momento che può mettere in pericolo o addirittura distruggere interi ecosistemi. Le specie animali che vivono nel fiume e nelle sue vicinanze come pesci, uccelli acquatici, ma anche molte varietà di piante, sono minacciate da interventi idraulici avventati. Un ulteriore svantaggio è il rischio di inondazioni: a causa di una velocità più elevata nel corso superiore dei fiumi, in caso di piena una massa d'acqua troppo grande raggiunge il corso inferiore e spesso straripa, mettendo in pericolo e distruggendo insediamenti e infrastrutture lungo il fiume.

Nella valle del Raba è emerso un ulteriore problema: i naturali percorsi migratori delle popolazioni ittiche sono interrotti e i pesci non riescono più a raggiungere i luoghi dove deporre le uova. Inoltre, la temperatura dell'acqua è aumentata, con conseguenze su flora e fauna: alcune importanti specie ittiche, infatti, non sono più presenti.

Rinaturazione - più spazio per il fiume, più qualità di vita per tutti

Il progetto sostenuto dalla Svizzera mira a rinaturare le due sezioni del fiume tra le località di Lubień e Stroza e tra quelle di Krczińowka e Trzebuńka. Su un percorso di 13 chilometri sono previste le seguenti misure:

  • rimozione di argini e sbarramenti superflui o parzialmente distrutti sia nel fiume Raba sia in tutti i fiumi affluenti e immissari della zona;

  • tutela speciale del territorio dell'alveo del fiume, al fine di disporre di un'area di esondazione in caso di piena;

  • abbassamento della temperatura dell'acqua come conseguenza indiretta delle misure citate, al fine di permettere il reinsediamento delle specie ittiche autoctone.

Il progetto, che ha anche lo scopo di promuovere l'ecoturismo, sarà attuato da un'organizzazione non governativa locale e dall'autorità responsabile delle risorse idriche di Cracovia su mandato del governo polacco.

Rispetto degli standard europei

Nell'ottica delle nuove direttive dell'UE in materia di gestione delle risorse idriche nel quadro di Natura 2000, questo progetto rappresenta un esempio significativo di rinaturazione fluviale. Natura 2000 è la denominazione ufficiale di una rete di zone protette creata all'interno dell'Unione europea sulla base della direttiva del 1992 sulla protezione della natura. Il suo scopo è la protezione a livello internazionale di flora e fauna selvatiche a rischio di estinzione nel loro habitat naturale. Nel 1992, sottoscrivendo la direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche, l'Unione europea si è impegnata a promuovere il mantenimento della biodiversità e degli habitat naturali. L'alveo del fiume Raba fa parte delle zone protette di Natura 2000.