Relazioni bilaterali

La Svizzera e la Costa d’Avorio (Côte d’Ivoire) coltivano relazioni d’amicizia sin dal 1960, anno dell’indipendenza dello Stato africano. Oltre a fornire un consistente contributo allo sviluppo del settore alimentare e dell’infrastruttura, il nostro Paese è anche investitore e attore importante in campo umanitario.

Priorità delle relazioni diplomatiche

Il commercio, la cooperazione nel campo della ricerca e l’aiuto umanitario sono i temi prioritari delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi.

Dal 1962 in poi, Svizzera e Costa d’Avorio hanno sottoscritto una serie di accordi bilaterali che vertono in particolare su commercio, protezione degli investimenti, doppia imposizione, traffico aereo e cooperazione tecnica e scientifica.

Trattati bilaterali

Cooperazione economica

Nonostante la crisi politica e militare che affligge la Costa d’Avorio da una dozzina d’anni e il conseguente sensibile calo degli scambi commerciali, i rapporti economici tra i due Paesi rimangono piuttosto fitti. La Svizzera esporta in Costa d’Avorio soprattutto macchine e prodotti chimici. Nel 2011 il volume delle esportazioni ha raggiunto i 36,3 milioni di CHF, a fronte di importazioni per 90,5 milioni di CHF, consistenti soprattutto in vettori energetici e prodotti agricoli.

La Svizzera è il terzo maggior investitore straniero in Costa d’Avorio, dopo la Francia e la Gran Bretagna. Nel Paese africano operano circa 35 ditte svizzere, attive nel settore alimentare, della chimica, del calcestruzzo e dell’infrastruttura.

Nel 2010 in Costa d’Avorio è stata fondata anche la Chambre de Commerce Suisse en Côte d’Ivoire.

Sostegno commerciale (Switzerland Global Enterprise)

Cooperazione nel settore dell'istruzione

Dal 1950, l’istituto di ricerca tropicale di Abidjan «Centre Suisse de Recherche Scientifique CSRS» è un importante partner per la Svizzera nel settore della ricerca e dell’educazione. Nel 2011 il CSRS ha celebrato i 60 anni di attività.

I ricercatori e gli artisti della Côte d’Ivoire possono candidarsi per una borsa di studio d’eccellenza della Confederazione Svizzera presso la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI).

Borse d’eccellenza della Confederazione svizzera

Centre Suisse de Recherche Scientifique en Côte d’Ivoire CSRS (fr)

Promozione della pace e sicurezza umana

Negli scorsi anni la Svizzera ha sostenuto diversi progetti a favore del processo di pace e di riconciliazione in Costa d’Avorio. Esperti svizzeri hanno partecipato all’operazione delle Nazioni Unite in Costa d’Avorio (ONUCI) contribuendo alla creazione e fornendo sostegno al locale corpo di polizia.

Cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario

Dopo la crisi e la guerra civile del 2011, la Svizzera ha fornito alla Costa d’Avorio aiuto umanitario. L’impegno viene portato avanti nell’ovest del Paese.

L’accordo del 1994 tra la Costa d’Avorio e la Svizzera per la liquidazione del debito, che prevede un contributo di circa 360 milioni di CHF ed è stato firmato in occasione della celebrazione del Settecentesimo della Confederazione, rappresenta una delle più importanti iniziative bilaterali del nostro Paese in questo settore. Attraverso un fondo di contropartita, 51 milioni di CHF sono confluiti in programmi di sviluppo effettivi realizzati nel Paese africano. Il programma si è concluso nel 2008.

Le svizzere e gli svizzeri in Costa d’Avorio

Negli anni 1970 la colonia svizzera nel Paese africano (uomini d’affari, albergatori, funzionari internazionali, missionari) arrivò a contare anche più di 500 persone. A 2015 i cittadini svizzeri residenti in Costa d’Avorio erano 265.

Storia delle relazioni bilaterali

La Svizzera ha riconosciuto la Costa d’Avorio come Stato indipendente il 7 agosto 1960 e nel 1961 ha aperto un’Ambasciata ad Abidjan, dove esisteva già un viceconsolato sin dal 1952. La stabilità politica del Paese e le crescenti potenzialità economiche hanno portato, dal 1962, alla conclusione di diversi accordi bilaterali in materia di commercio, di protezione degli investimenti e di cooperazione tecnica.

Tra il 1984 e il 1990 sono stati firmati cinque accordi bilaterali di rinegoziazione del debito estero del Paese (per un valore di CHF 360 mio.). Nel 1991 la Svizzera ha concesso un credito misto di 34 milioni di CHF per il risanamento di cinque centrali idroelettriche.

Iscrizione nel Dizionario storico della Svizzera