Validi il:
Diffusi il: 10.07.2020

I seguenti capitoli sono stati aggiornati:
Attualità: eliminazione del paragrafo riguardante le elezioni.
Valutazione sommaria: la descrizione della situazione è stata aggiornata.
Pericoli locali specifici: ora è sconsigliato viaggiare nella foresta della Kibira.


Consigli di viaggio - Burundi

I consigli di viaggio poggiano su un'analisi della situazione attuale effettuata dal DFAE. Sono permanentemente controllati e se necessario aggiornati.

Si prega inoltre di leggere anche le raccomandazioni generali per tutti i viaggi come pure la rubrica focus, parte integrante dei presenti Consigli di viaggio.

NUOVO CORONAVIRUS (COVID-19):

Il Consiglio federale consiglia, per quanto possibile, di non effettuare viaggi all'estero non urgenti.

Prestare attenzione al focus nuovo coronavirus (Covid-19)

SVIZZERA
L’UFSP ha decretato che, chi entra in Svizzera in provenienza da Stati e da regioni con rischio elevato di contagio, deve mettersi in quarantena per dieci giorni. Vedi l'elenco dell'UFSP costantemente aggiornato. 
UFSP: obbligo di quarantena per chi entra in Svizzera

ALL’ESTERO
Esistono ancora numerose restrizioni d'ingresso (divieto d'ingresso, quarantena, certificato sanitario, ecc.). Inoltre, all'interno dei singoli Stati esistono misure per contenere la diffusione del nuovo coronavirus, come ad esempio le restrizioni alla libertà di movimento.

Prima di recarsi all'estero, si raccomanda di informarsi presso le rappresentanze estere in Svizzera (ambasciate e consolati) riguardo alle disposizioni di transito e d’ingresso attualmente in vigore e altre misure volte a contenere la diffusione del nuovo coronavirus. Sul posto, seguire le istruzioni delle autorità locali.
Rappresentanze estere in Svizzera

Attualità

Nuovo coronavirus (COVID-19)

Prestare attenzione alle raccomandazioni del Consiglio federale e ad altre informazioni nel
focus «nuovo coronavirus(COVID-19)»

Per limitare la diffusione del nuovo coronavirus (COVID-19), sempre più paesi impongono restrizioni d'entrata e d'uscita nonché limitazioni di viaggio all'interno del paese. Le norme cambiano continuamente.

Per conoscere le direttive attualmente in vigore in Burundi, si prega di prestare attenzione alle informazioni fornite dalle autorità burundesi competenti e di contattare l'Ambasciata burundese a Ginevra per qualsiasi domanda.
Ministère de la Santé Publique et de la Lutte contre le Sida

Ambasciata burundese
.

Informazioni sui collegamenti di trasporto possono essere ottenute presso le aziende responsabili e le agenzie di viaggio.

Si raccomanda di osservare le informazioni e i consigli dell’
Ufficio federale della sanità pubblica UFSP

Valutazione sommaria

Si sconsigliano i viaggi turistici e tutti gli altri viaggi non urgenti a destinazione del Burundi.

A causa della persistente crisi politica in Burundi, la situazione rimane tesa e confusa; può mutare rapidamente per futili motivi. La situazione della sicurezza potrebbe peggiorare ulteriormente.

Atti di violenza causano regolarmente morti e feriti in tutto il Paese; possono coinvolgere anche persone non implicate. Esempi:

  • nel febbraio 2020, scontri tra aggressori armati e le forze di sicurezza nella provincia di Bujumbura Rural hanno causato più di 20 vittime
  • nel novembre 2019, un attentato a un bar di Bujumbura ha causato diverse vittime e feriti.
  • nell'ottobre 2019, un attacco alle forze di sicurezza nella provincia di Bubanza ha causato oltre una dozzina di morti
  • nell'aprile 2019, un attacco a due stazioni di polizia a Gihanga (provincia di Bubanza) ha ucciso un civile e ferito diverse persone
  • nel febbraio 2019, il conducente di un ciclotaxi a Bujumbura è stato ucciso da un poliziotto con colpi d’arma da fuoco a distanza ravvicinata
  • nell’agosto 2018, dei soldati hanno ucciso a colpi d’arma da fuoco diverse persone che estraevano oro illegalmente nella provincia di Cibitoke
  • nel giugno 2018, un attentato a Gitega a provocato due morti e numerosi feriti
  • nell'aprile 2018, degli ignoti hanno perpetrato un attentato ai danni di una trattoria nella provincia di Gitega che ha provocato due morti e diversi feriti.

Il rischio di attentati terroristici non può essere escluso. Gli obiettivi più probabili del terrorismo sono gli edifici pubblici e le zone turistiche nonché tutti i luoghi in cui si riuniscono molte persone, ad esempio mercati, centri commerciali, trasporti pubblici (autobus e aeroporti), impianti sportivi, spazi in cui si svolgono eventi culturali, locali notturni, hotel che hanno una clientela internazionale, noti ristoranti.

La rubrica terrorismo e sequestri rende attenti ai pericoli del terrorismo.
Terrorismo e sequestri

Informarsi prima e durante i viaggi urgenti presso le autorità locali in merito allo stato della sicurezza nelle zone in cui si intende recarsi e alle vie di comunicazione. Si raccomanda di farsi accompagnare da una persona del luogo esperta e fidata e di viaggiare solo di giorno. Evitare assembramenti e manifestazioni di qualsiasi tipo, dove il rischio di scontri violenti è alto. Attenersi alle istruzioni delle autorità locali (p. es. coprifuochi).

Pericoli locali specifici

La descrizione delle zone a rischio si basa su dati approssimativi. I rischi non possono essere circoscritti a zone delimitate.

Pianura del fiume Ruzizi e foresta della Kibira: si verificano regolarmente scontri armati, particolarmente nelle regioni di confine con la Repubblica Democratica del Congo e il Ruanda. Nel novembre 2019 diversi soldati sono stati uccisi in un attacco alle forze di sicurezza nella foresta della Kibira (provincia di Cibitoke). Nel maggio 2018, durante un assalto armato a Ruhagarika nei pressi della frontiera con la Repubblica democratica del Congo, sono stati uccisi numerosi abitanti del villaggio. Si sconsigliano i viaggi di qualsiasi tipo a destinazione della pianura del Ruzizi e la foresta della Kibira.

Parchi nazionali: anche nei parchi nazionali delle altre province la situazione rimane insicura. Osservare le stesse misure precauzionali come nelle altre parte del Paese.

Durante la guerra civile i ribelli e il Governo hanno posato delle mine. Il rischio di mine e bombe inesplose è presente in molte regioni del Paese. Attenersi quindi strettamente alle strade molto trafficate e informarsi presso le autorità locali e/o la popolazione.

Criminalità

Il possesso e l’impiego di armi da fuoco ed altre armi è diffuso. Vi è il rischio di furti, attacchi armati ed effrazioni. Osservare inoltre le misure precauzionali seguenti:

  • non indossare oggetti di valore (orologi, gioielli);
  • dentro e fuori la capitale spostarsi esclusivamente in automobile. Bloccare dall'interno finestrini e portiere;
  • di notte, evitare gli spostamenti sia a piedi sia in automobile;
  • non opporre resistenza alle aggressioni, poiché la predisposizione all’uso della violenza è alta. Gli aggressori non esitano ad uccidere.

La giustizia e le forze di sicurezza non sono affidabili.

Trasporti e infrastrutture

Il rischio di incidenti stradali è elevato a causa, fra altro, dello stato delle strade in parte mediocre, dei veicoli la cui manutenzione lascia a desiderare, del comportamento imprevedibile degli altri utenti della strada e della presenza di animali randagi. Viaggiare solo di giorno. Durante la stagione delle piogge (ottobre a maggio) alcune strade diventano impraticabili; prestare attenzione alle previsioni meteorologiche.
Météo Burundi

L’esercito e le milizie istituiscono posti di blocco in tutte le regioni del Paese.

Vi sono temporanee difficoltà di approvvigionamento di carburante.

Capita che in singole regioni si verificano interruzioni temporanee dei collegamenti telefonici mobili e dell’accesso a Internet.

Disposizioni giuridiche specifiche

Gli atti omosessuali sono punibili. E vietato fotografare l'aeroporto o installazioni militare.

Le infrazioni alla legge sugli stupefacenti sono punite severamente già a partire da una quantità minima di qualsiasi tipo di droga.

Le condizioni di detenzione sono precarie.

Particolarità culturali

Non va dimenticato che durante la guerra civile la popolazione ha avuto esperienze traumatizzanti, per cui si raccomanda di rivolgersi alle persone con rispetto e sensibilità. Informarsi nelle guide turistiche, presso la propria agenzia di viaggi o sul posto in merito alle regole comportamentali e alle esatte disposizioni da rispettare.

Assistenza medica

L'assistenza medica non è garantita. Gli ospedali esigono una garanzia finanziaria prima di curare i pazienti (pagamento anticipato). Non vi è praticamente nessun pronto soccorso. Malattie e ferite serie vanno curate all'estero (Europa o Nairobi, Kenia).

Malattie e ferite serie vanno curate all'estero (Europa). Non vi è praticamente nessun pronto soccorso.
Se si necessita di particolari farmaci, occorre prevederne una scorta sufficiente. Va ricordato tuttavia che in molti Paesi vigono prescrizioni particolari per portare con sé medicinali contenenti sostanze stupefacenti (ad esempio il metadone) e sostanze per la cura di malattie psichiche. Si consiglia di informarsi eventualmente prima del viaggio direttamente presso la rappresentanza estera competente (ambasciata o consolato) e di consultare la rubrica Link per il viaggio, dove figurano ulteriori informazioni su questo argomento e in generale sul tema viaggi e salute.
Medici e centri di vaccinazione
informano in merito al diffondersi di malattie e alle possibili misure di protezione.

Indirizzi utili

Numero di emergenza della polizia a Bujumbura: 17 (nelle regioni: 110, 113, 114)
Protezione civile: 113
Polizia stradale: 118

Rappresentanze svizzere all'estero: in caso di emergenza all'estero, è possibile rivolgersi alla rappresentanza svizzera più vicina o alla Helpline DFAE.
Ambasciata di Svizzera a Nairobi, Kenia
Agenzia consolare a Bujumbura
Helpline DFAE

Rappresentanze estere in Svizzera: per ottenere informazioni in merito all'entrata nel Paese (documenti autorizzati, visti, ecc.) occorre rivolgersi all'ambasciata o al consolato competente. Quest'ultimi danno inoltre ragguagli sulle prescrizioni doganali per l'importazione o l'esportazione di animali o di merci: apparecchi elettronici, souvenir, medicamenti, ecc.
Rappresentanze estere in Svizzera

Clausola di esclusione della responsabilità
I Consigli di viaggio del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) poggiano su fonti d'informazione proprie, reputate degne di fede. I Consigli di viaggio sono utili indicazioni ausiliarie per programmare un viaggio in modo accurato. Il DFAE non si assume tuttavia la responsabilità né della pianificazione né dello svolgimento del viaggio.
Le situazioni di pericolo sono spesso imprevedibili e confuse e possono mutare rapidamente. Il DFAE non garantisce la completezza dei consigli di viaggio e la correttezza delle informazioni riportate nelle pagine esterne collegate al sito. Declina ogni responsabilità per eventuali danni legati a un viaggio. Le pretese derivanti dall’annullamento di un viaggio vanno avanzate direttamente all’agenzia di viaggio o alla compagnia presso la quale si è stipulata l’assicurazione di viaggio.