Relazioni bilaterali Svizzera–Marocco

Le relazioni bilaterali tra Svizzera e Marocco sono buone e diversificate. Il partenariato tra i due Paesi si sta intensificando sia in campo economico che in molti altri settori, come quelli dei trasporti e dell’energia. La Svizzera conduce un dialogo sulla migrazione con il Marocco e sostiene iniziative negli ambiti dell’istruzione, delle tecnologie e dell’innovazione. Il Marocco è anche una meta di vacanze apprezzata dalle cittadine e dai cittadini svizzeri.

Strategia MENA

Il 14 ottobre 2020 il Consiglio federale ha adottato una strategia specifica per la regione del Medio Oriente e del Nord Africa (Strategia MENA) per il periodo 2021–2024. La nuova strategia definisce cinque priorità tematiche: pace, sicurezza e diritti umani; migrazione e protezione delle persone bisognose; sviluppo sostenibile; economia, finanze e scienza; digitalizzazione e nuove tecnologie.

Queste priorità hanno specificità diverse a seconda della regione e dei Paesi. Nel Nord Africa l’azione della Svizzera riguarda essenzialmente il buongoverno, lo sviluppo economico sostenibile e la cooperazione nell’ambito della migrazione. I rivolgimenti politici del 2011 hanno messo in moto un lungo processo di transizione in quest’area. La Svizzera mira soprattutto a sostenere i Paesi del Nord Africa nella loro transizione politica, economica e sociale e sostiene le riforme che puntano a migliorare le prospettive economiche e a rafforzare la partecipazione della popolazione alla vita politica. 

Strategia per la regione MENA

Priorità della Svizzera in Marocco

Per la Svizzera, la Strategia MENA identifica le seguenti priorità in Marocco: 1) migrazione, 2) sviluppo sostenibile, 3) digitalizzazione e nuove tecnologie.

1)     Migrazione e protezione delle persone bisognose

La Svizzera intende rafforzare il dialogo sulla migrazione con il Marocco allo scopo di concludere un accordo di cooperazione sulla migrazione che potrebbe essere abbinato ad altri accordi (p. es. in materia di cooperazione di polizia, assistenza giudiziaria o sicurezza sociale).

2)     Sviluppo sostenibile

Secondo il memorandum d’intesa esistente, la Svizzera si impegna a rafforzare la cooperazione nei settori dell’energia, dei trasporti e dell’agricoltura. Promuoverà quindi l’attuazione delle disposizioni concordate, agevolando il dialogo tra esperti e accompagnando i progetti del settore privato svizzero.

Cooperazione allo sviluppo

3)     Digitalizzazione e nuove tecnologie

La Svizzera accompagna le riforme nel settore della formazione, compresa la formazione professionale, mettendo a disposizione le proprie competenze e facilitando i contatti con attori svizzeri. Sostiene inoltre iniziative degli istituti accademici svizzeri interessati a cooperare con istituti di formazione marocchini nei settori della formazione, delle tecnologie o dell’innovazione.

I ricercatori e gli artisti marocchini possono candidarsi per una borsa di studio d’eccellenza presso la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI).

Borse d’eccellenza della Confederazione svizzera per ricercatori e artisti stranieri SEFRI

Altri ambiti di cooperazione

Cooperazione economica

Nel 2020 il volume delle importazioni dal Marocco ha raggiunto i 201 milioni CHF mentre quello delle esportazioni svizzere è stato di 307 milioni CHF, per un importo totale degli scambi pari a 507 milioni CHF.

La Svizzera ha concluso una serie di accordi con il Regno del Marocco. Un accordo bilaterale sulla promozione e la protezione reciproca degli investimenti è entrato in vigore nel 2005 e dal 2013 esiste un accordo quadro concernente la cooperazione tecnica e finanziaria e l’aiuto umanitario. L’accordo di libero scambio tra il Marocco e l’Associazione europea di libero scambio (AELS) è entrato in vigore nel 1999.

Banca dati dei trattati internazionali

Sostegno commerciale, Switzerland Global Enterprise SGE

Informazioni sul Paese, Segreteria di Stato dell’economia SECO

Statistiche sul commercio, Amministrazione federale delle dogane (AFD)

Scambi culturali

La Fondazione Pro Helvetia e il suo ufficio al Cairo sono incaricati di promuovere l’arte e la cultura svizzera all’estero. La Fondazione incentiva i legami con rappresentanti della cultura marocchina, avvia coproduzioni tra artisti e organizza residenze. 

La Svizzera partecipa regolarmente alle manifestazioni legate alla «Giornata internazionale della Francofonia» e alla «Settimana della lingua Italiana nel mondo», e organizza vari eventi culturali.

Prohelvetia (en)

Le Svizzere e gli svizzeri in Marocco

In base alla statistica sugli Svizzeri all’estero, alla fine del 2020 in Marocco risiedevano 1750 cittadini svizzeri.

Storia delle relazioni bilaterali

I primi commercianti svizzeri si installano a Tangeri già alla fine del XIX secolo.

Nel 1921 la Svizzera apre un consolato a Casablanca, poi trasferito a Rabat nel 1947, e nel 1956 riconosce l’indipendenza del Marocco. Nell’ottica dello sviluppo delle relazioni diplomatiche, la Svizzera apre una legazione a Rabat, che assume il rango di ambasciata nel 1960. Tangeri ospita un consolato tra il 1958 e il 1968, mentre oggi vi sono consolati onorari a Casablanca e a Marrakech.

Nel 1959 il Marocco apre una rappresentanza in Svizzera, che assume il rango di ambasciata nel 1961.

Marocco, Dizionario storico della Svizzera

Documenti Diplomatici Svizzeri, Dodis