Ambasciata di Svizzera in Marocco

Ambasciata di Svizzera a Rabat © DFAE
Ambasciata di Svizzera a Rabat © DFAE

Presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga: Saluto del 1° agosto 2020 agli Svizzeri all'estero

© UVEK / swissinfo.ch

CORONAVIRUS - Informazioni generali

Apertura graduale dell'Ambasciata al pubblico

In relazione all'attuale crisi sanitaria, l'accesso agli sportelli è possibile solo su appuntamento e con una maschera. Il numero di appuntamenti disponibili è stato ridotto per evitare un uso eccessivo e per rispettare le norme sanitarie. Questa situazione può causare un certo tempo di attesa per ottenere l'appuntamento. Saranno ricevute solo persone con un appuntamento. Grazie per la vostra comprensione.

A seconda della categoria della vostra richiesta, troverete qui di seguito la procedura da seguire per ottenere un appuntamento:

  • Chancellerie (documenti di identità, stato civile, ecc...)

Si prega di richiedere un appuntamento via e-mail all'indirizzo rabat.chancellerie@eda.admin.ch

  • Visa

Richiesta di soggiorno superiore a 90 giorni:

Sono accettate le domande di visto per un soggiorno superiore a 90 giorni (visto nazionale di tipo D, ad es. per studi in Svizzera, ricongiungimento familiare, visto di ritorno). Si prega di richiedere un appuntamento via e-mail all'indirizzo rabat.rdv@eda.admin.ch

Per revocare un visto nazionale di tipo D, sulla base di un'autorizzazione già concessa dalle autorità competenti in Svizzera, si prega di inviare la domanda: rabat.visa@eda.admin.ch, in modo da poter fissare un appuntamento.

Richiesta per un soggiorno inferiore a 90 giorni:

Il trattamento delle domande di visto per un soggiorno inferiore a 90 giorni (visto Schengen tipo C, ad es. per turismo, visite private o professionali) rimane sospeso fino a nuovo avviso. Al momento non sono in corso appuntamenti. La data di riapertura non è ancora nota. Si prega di controllare regolarmente questo sito per seguire l'evoluzione.

 Si prega di consultare anche il documento FAQ-Visas_COVID19 (PDF, 653.5 kB, Francese)

Restrizioni all'ingresso in Svizzera

Per quanto riguarda le restrizioni d'ingresso per i cittadini non Schengen e di Paesi terzi, nonché l'apertura delle frontiere con tutti gli Stati Schengen, si prega di consultare il sito web della Segreteria di Stato per la migrazione SEM. Le persone che beneficiano della libera circolazione delle persone possono entrare in Svizzera.

Il Consiglio federale ha inoltre preso atto delle raccomandazioni del Consiglio dell'UE sull'abolizione delle restrizioni all'ingresso a causa del coronavirus per 15 Stati, tra cui il Marocco (cfr. comunicato stampa SEM). Il fattore decisivo è il luogo di residenza della persona e non la sua nazionalità. La Svizzera seguirà queste raccomandazioni a partire dal 20.7.2020.

A partire dal 6.7.2020, chiunque attraversi il confine da determinate zone ad alto rischio di infezione deve essere messo in quarantena per 10 giorni. Una volta entrati in Svizzera, devono presentarsi alle autorità cantonali. L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha elaborato delle raccomandazioni per i viaggiatori e un elenco delle aree a rischio, che aggiorna regolarmente. Il Marocco non è nell'elenco valido dal 6.7.2020 e un residente non deve registrarsi presso le autorità cantonali.
quarantena. Questo elenco può essere modificato dal Consiglio federale e deve essere consultato prima di ogni viaggio. È disponibile qui nell'ordinanza Covid-19 del Consiglio federale. 

Va notato che l'uso di maschere è obbligatorio su tutti i mezzi di trasporto pubblico.

Per quanto riguarda la riapertura delle frontiere del Marocco, le modalità di entrata e di uscita dal territorio sono di competenza delle autorità marocchine.

 

 

CORONAVIRUS - Notizie Flash

Aggiornato il 23.07.2020

  • Il 9 luglio 2020 il governo del Marocco ha deciso di prorogare lo stato di emergenza sanitaria fino al 10 agosto 2020. Tutti i turisti finora bloccati in Marocco dovranno aver lasciato il territorio entro questa data o aver regolarizzato la loro situazione con la polizia. Altrimenti rischiano una multa.
  • A partire dal 15 luglio 2020, le autorità marocchine hanno previsto un'apertura parziale delle frontiere per consentire il ritorno in Marocco dei propri cittadini e degli stranieri con permesso di soggiorno in Marocco. Al momento del check-in, i viaggiatori devono presentare un test PCR negativo e un test sierologico entro 48 ore, quindi sottoporsi ad un esame clinico all'arrivo in caso di sintomi. Tuttavia, i bambini di età inferiore agli 11 anni sono esenti.
  • Questa operazione permetterà anche di lasciare il Marocco per i marocchini residenti all'estero e per gli stranieri residenti o non residenti bloccati in Marocco. I nuovi studenti ammessi nelle scuole straniere e i cittadini marocchini obbligati a recarsi all'estero per motivi di salute dovranno ottenere speciali autorizzazioni dai servizi competenti per poter lasciare il territorio.
  • Per maggiori informazioni, consultate la pagina Facebook del Ministero degli Affari Esteri, della Cooperazione Africana e dei Marocchini residenti all'estero: , potete anche contattare questo Ministero ai seguenti numeri:
    - Call center: +212 537 66 33 00
    - Unità di crisi: +212 666 89 11 05/+212 662 01 34 36/+212 537 67 62 18
  • Questa operazione si baserà principalmente sul trasporto aereo, che sarà fornito esclusivamente da RAM e Air Arabia.
  • Sono previsti anche traghetti, ma esclusivamente dai porti di Sète (Francia) e Genova (Italia), ad esclusione di qualsiasi altro porto. I dettagli dei collegamenti marittimi non sono ancora stati annunciati.
  • Sembra che anche altre ambasciate offrano voli di ritorno, come ad esempio l'ambasciata francese. Si prega di verificare direttamente con le ambasciate interessate.
 
 
 

Informazioni sulla situazione in Marocco

  • Il 20 marzo 2020 è stato dichiarato lo stato di emergenza sanitaria. È in vigore fino al 10 agosto 2020. Allo stesso tempo, lo Stato marocchino ha deciso l'obbligo di indossare una maschera all'esterno a partire da martedì 7 aprile 2020, e ogni trasgressore è punibile da uno a tre mesi di carcere e con una multa da 300 a 1300 dhs.
  • Il rilascio dell'autorizzazione alla partenza delle imbarcazioni e degli aerei di rimpatrio è di competenza esclusiva delle autorità marocchine.
  • In vista della pandemia di covid-19, le autorità marocchine hanno deciso che i turisti ancora bloccati in Marocco che sono esenti dall'obbligo del visto e il cui soggiorno supererà i 90 giorni, così come i turisti il cui visto scadrà, saranno considerati in una situazione regolare, fino alla normale ripresa del traffico aereo, marittimo e terrestre. Lo stesso vale per i cittadini stranieri che soggiornano in Marocco il cui permesso di soggiorno è in scadenza. Le strutture di attraversamento delle frontiere saranno concesse dalle autorità marocchine al momento della partenza.  
  • Per qualsiasi domanda relativa al nuovo coronavirus (COVID-19) in Marocco, vi invitiamo a rispettare le istruzioni delle autorità locali (Ministero della Sanità) e le raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).
  • A livello federale in Svizzera, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) informa la popolazione sulla situazione attuale relativa al nuovo coronavirus COVID-19 e pubblica raccomandazioni per i viaggiatori che si recano nei Paesi terzi.
  • La Consulenza di viaggio del DFAE mira a richiamare la loro attenzione sui principi di base per la preparazione del loro viaggio all'estero, informandoli sui potenziali rischi e indicando le misure precauzionali da adottare. Si integra con altre fonti di informazione.
  • L'Ambasciata svizzera a Rabat non fornisce consulenza medica. In caso di problemi di salute, si prega di consultare un medico e, se necessario, contattare il numero verde istituito dalle autorità marocchine: 0801 0047 47.
  • Se avete domande, vi preghiamo di inviarci un'e-mail all'indirizzo rabat@eda.admin.ch, soprattutto per quanto riguarda le questioni consolari. Vi consigliamo inoltre di consultare i "consigli di viaggio" pubblicati sul sito web dell'Ambasciata e sul sito del DFAE.
  • Il team dell'Ambasciata continua a lavorare instancabilmente per trovare soluzioni per i turisti svizzeri che sono ancora bloccati. Ringraziamo tutti coloro che ci scrivono e ci fanno domande. Facciamo del nostro meglio per rispondere ai vostri messaggi e per guidarvi di conseguenza. Infine, il DFAE è anche una fonte di risposte alle vostre domande e la Helpline del DFAE, una risorsa in caso di emergenza: +41 800 24-7-365 / +41 58 465 33 33.

Le attività dell’ambasciata in quanto rappresentanza ufficiale della Svizzera riguardano tutti i campi importanti per le relazioni diplomatiche tra i Governi dei due Paesi. L’ambasciata rappresenta gli interessi svizzeri in ambito politico, economico, finanziario, giuridico, scientifico nonché della formazione e della cultura.

Compiti dell’Ambasciata

La Svizzera e il Marocco

Diplomazia e impegno svizzero nel settore dell'educazione, della cultura e dell'economia

Servizi

Rivolgetevi alla rappresentanza svizzera sul posto di documenti d'identità, pratiche di stato civile, notificazioni di partenza/arrivo, domande sulla naturalizzazione ecc.

Visti ed entrata in Svizzera

Requisiti per visti, deposito di una domanda di visto, formulari ed emolumenti per visti nonché inforamzioni riguardo un soggiorno in Svizzera

Newsletter

L'Ambasciata svizzera informa attraverso una newsletter su temi culturali, scientifici e politici

Attualità

Notizie e eventi locali e internazionali