Aiuto umanitario – no grazie? I limiti dell’aiuto umanitario


Questa pagina non è disponibile in italiano. Selezionare una delle lingue seguenti:

venerdì, 27.03.2020 – venerdì, 27.03.2020

Evento pubblico; Conferenza Assemblea

La Conferenza annuale dell'Aiuto umanitario sarà rinviata

Gentile signora, egregio signor

Siamo lieti delle numerose iscrizioni alla Conferenza annuale sul tema «Aiuto umanitario - No grazie?». A causa dell'attuale sviluppo concernente il virus COVID-19, l'Aiuto umanitario della Svizzera ha deciso di rinviare l’evento.

Vi terremo informati della nuova data al momento opportuno e restiamo a vostra disposizione per eventuali domande:
Tel. +41 (0)58 462 31 24
jahrestagung_hh/skh@eda.admin.ch

Cordiali saluti

 

************************************************************* 

Confernza annuale Aiuto umanitario e CSA

Venerdì, 27 marzo 2020, 13.30

Negli ultimi decenni la situazione a livello uma­nitario è cambiata profondamente. Le crisi sono diventate sempre più lunghe e complesse. Le guerre colpiscono sempre più spesso le città e non rispettano la popolazione civile o gli ospedali. Questi mutamenti stanno facendo emergere i limiti dell’impegno umanitario tradizionale e con­cernono anche l’Aiuto umanitario della Svizzera.

Da un lato, la Svizzera può ancora offrire ai Paesi colpiti da catastrofi naturali un grande valore ag­giunto. Negli ultimi anni tuttavia molti Stati, anche con l’appoggio svizzero, hanno notevolmente migliorato i loro meccanismi di gestione delle crisi. L’assistenza internazionale viene ormai sempre più accettata solo in determinati casi. D’altro canto, l’aiuto umanitario d’emergenza si rivolge oggigior­no soprattutto alle aree in cui sono in corso crisi di lunga durata, come la Siria o il Sudan del Sud, senza tuttavia poter portare a delle soluzioni. La comunità umanitaria finisce solo per consolidare lo status quo o può fare la differenza?

L’obiettivo principale dell’aiuto umanitario è sal­vare vite e alleviare le sofferenze. Le nuove tecno­logie possono aumentare l’efficienza e la qualità degli interventi e permettere di offrire aiuti mirati. Tuttavia possono essere impiegate anche contro gli scopi umanitari. Costituiscono una maledizione digitale o una benedizione umanitaria?

Tutti questi sviluppi rappresentano nuove sfide per l’aiuto umanitario e i suoi orientamenti futuri. Un impegno umanitario fedele ai suoi principi è ancora possibile? Come e dove la Svizzera può of­frire un valore aggiunto?
Anche l’Aiuto umanitario della Svizzera dovrebbe saper dire, a volte, «no grazie»?

La Conferenza annuale 2020 dell’Aiuto umanitario e del Corpo svizzero di aiuto umani­tario (CSA) è dedicata ai dilemmi umanitari e alle possibili soluzioni.

Programma (PDF, 498.0 kB)

Località: Kultur und Kongresszentrum Trafo Baden, Brown Boveri Pl. 1, 5400 Baden