Strategia

Lo sviluppo dei tre Paesi della regione (Ruanda, Burundi, parte orientale della Repubblica democratica del Congo [RDC]) è strettamente interconnesso. Dalla conquista dell’indipendenza, quest’interconnessione ha generato numerosi conflitti transfrontalieri che hanno causato immani sofferenze alla popolazione e portato gli Stati sull’orlo del collasso. Sebbene i tre Paesi abbiano firmato accordi di pace e indetto elezioni, negli ultimi anni è emerso che la pace non si è consolidata e che diversi conflitti continuano a covare sotto la cenere. Le istituzioni sono fragili e la popolazione non ha ancora potuto raccogliere i frutti della pace.

I Grandi Laghi (Ruanda, Burundi e RDC) sono una delle regioni su cui si focalizza la cooperazione allo sviluppo della Svizzera. La fragilità del contesto rende più difficile consolidare le istituzioni regionali e conseguire gli obiettivi dello sviluppo sostenibile. La stabilità della zona è un presupposto fondamentale per il benessere della popolazione di questi Paesi caratterizzati da una stretta interdipendenza. La regione, ricca di risorse naturali, offre molte possibilità economiche e commerciali che però non vengono sfruttate.

Informazioni più dettagliate possono essere trovate sulla pagina inglese e francese.