Terrorismo e sequestri

Le attività terroristice costituiscono una minaccia per la sicurezza di tutto il mondo, Europa compresa. La minaccia include gruppi terroristici organizzati regionali e internazionali, e autori isolati.

Attentati

I terroristi colpiscono di sorpresa. Agiscono di preferenza mediante attacchi dinamitardi e attacchi armati difficilmente prevedibili, malgrado qualche sporadico avviso più o meno concreto. Tra i possibili obiettivi di un attacco terroristico vi sono impianti pubblici o turistici, assembramenti, come ad esempio mercati affollati, centri commerciali, mezzi di trasporto pubblici (bus, treni, aerei e battelli), manifestazioni sportive, eventi culturali, locali notturni, alberghi internazionali rinomati o ristoranti molto frequentati. Per questo occorre:

  • evitare grandi manifestazioni e assembramenti;
  • mostrarsi vigili in luoghi di incontro e centri di svago;
  • rispettare in ogni caso gli avvertimenti e le misure di sicurezza delle autorità locali.

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ritiene che non vi sia motivo per sconsigliare in generale i viaggi in zone a rischio attentati. Una tale misura sarebbe sproporzionata tenuto conto che è impossibile prevedere gli attacchi. Inoltre, un simile provvedimento non farebbe che fomentare l’insicurezza e la paura, proprio uno degli obiettivi dei terroristi.

Sequestri

I terroristi, ma anche i comuni criminali, tentano sempre più spesso di estorcere denaro e/o di esercitare pressioni politiche perpetrando sequestri. Il paese di origine delle persone rapite dispone solo di possibilità molto limitate per risolvere i casi di sequestro:

  • le autorità locali sono responsabili della soluzione di tali casi e nella lotta contro il terrorismo stabiliscono una propria scala di priorità. Le possibilità del paese di origine delle persone sequestrate di influenzare la risoluzione di questi casi sono alquanto limitate;
  • per non mettere in pericolo altri cittadini e per evitare di sostenere le organizzazioni criminali, uno stato deve rifiutare di pagare i riscatti. La Svizzera non paga pertanto nessun riscatto;
  • se i terroristi pongono condizioni politiche che concernono uno Stato terzo, il paese di origine non ha nessuna possibilità di influire.

L’esito dei sequestri è sempre incerto. L’unica certezza consiste nell’enorme strapazzo fisico e mentale a cui le vittime di un sequestro e le loro famiglie sono sottoposte.

Poiché spesso i terroristi scelgono in modo mirato gli stranieri come vittime, il DFAE sconsiglia le regioni in cui il pericolo di sequestri è grande. L’unica misura di sicurezza efficace consiste nell’astenersi dall’intraprendere viaggi o dal soggiornare in queste regioni. Non illudetevi che adottando un comportamento che non dia nell’occhio o evitando di avere contatti in loco, possa proteggervi dai sequestri.

Raccomandazioni generali

Vogliate leggere i Consigli di viaggio per ogni possibile destinazione. Essi sono aggiornati a mano a mano che cambiano le valutazioni sulla sicurezza di un determinato luogo. Tuttavia, ricordatevi che i pericoli non sono limitati nel tempo e neppure circoscritti esattamente a una precisa regione.
Informatevi anche attraverso i media, prima e durante il viaggio, in merito allo sviluppo della situazione e rimanete in contatto con la vostra agenzia di viaggio e coi rappresentanti locali. Durante il viaggio rimanete regolarmente in contatto anche con i vostri parenti. Avvertiteli quando capita qualcosa di grave nel luogo in cui ci vi trovate.

Clausola di responsabilità
I Consigli di viaggio del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) poggiano su fonti d'informazione proprie, reputate degne di fede. I Consigli di viaggio sono utili indicazioni ausiliarie per programmare un viaggio in modo accurato. Il DFAE non si assume tuttavia la responsabilità né della pianificazione né dello svolgimento del viaggio.
Le situazioni di pericolo sono spesso imprevedibili e confuse e possono mutare rapidamente. Il DFAE non garantisce la completezza dei consigli di viaggio e declina ogni responsabilità per eventuali danni legati a un viaggio. Le pretese derivanti dall’annullamento di un viaggio vanno avanzate direttamente all’agenzia di viaggio o alla compagnia presso la quale si è stipulata l’assicurazione di viaggio.