Agricoltura e veterinaria – una collaborazione molto stretta

Cinque bovini al pascolo
Cinque bovini al pascolo © Proviande

L'Unione europea (UE) è il principale partner commerciale agricolo della Svizzera. Le nostre relazioni bilaterali sono strette a causa dei nostri valori condivisi, la nostra vicinanza geografica e le sfide che affrontiamo nel trasformare i nostri sistemi alimentari. La Svizzera segue da vicino gli sviluppi della politica agricola comune (PAC) dell'UE e l'attuazione delle strategie Farm to Table e Biodiversity.

Il commercio di prodotti agricoli (materie prime agricole e prodotti di base) tra la Svizzera e l'UE è regolato dall'accordo sul commercio di prodotti agricoli (accordo agricolo). L'accordo facilita l'accesso reciproco ai mercati di entrambe le parti riducendo le barriere tariffarie e non tariffarie. Inoltre, garantisce la protezione delle indicazioni geografiche svizzere (DOP/IGP) nell'UE e viceversa.

Con la conclusione dell'accordo agricolo nel 1999 e la sua entrata in vigore nel 2002, i flussi commerciali tra la Svizzera e l'UE si sono intensificati. Nel 2020, il 51% delle esportazioni agricole svizzere sono andate agli Stati membri dell'UE, mentre il 74% delle importazioni svizzere proveniva dall'UE.

I rappresentanti della Svizzera e dell'UE si incontrano almeno una volta all'anno nel Comitato misto per l'agricoltura, che è responsabile della gestione dell'accordo agricolo e del suo buon funzionamento.

Il commercio di prodotti agricoli trasformati (cioè dell'industria alimentare) è regolato dal protocollo 2 dell'accordo di libero scambio del 1972, che da allora è stato rivisto nell'ambito degli accordi bilaterali II. I prezzi di riferimento per il calcolo dei dazi all'importazione su questi prodotti sono adeguati regolarmente.

Le questioni veterinarie come parte integrante dell’accordo agricolo

L’allegato 11 dell’Accordo agricolo bilaterale tra la Svizzera e l’UE, detto anche Accordo veterinario, contiene misure in materia di sanità animale, sicurezza alimentare e allevamento e benessere degli animali applicabili al commercio di animali vivi e di prodotti di origine animale.

L’Accordo veterinario getta le basi per la sostanziale armonizzazione delle disposizioni giuridiche dell’UE e della Svizzera in materia di lotta alle malattie animali trasmissibili, garantendo che portino ai medesimi risultati. Ne scaturisce uno spazio veterinario comune Svizzera-UE con condizioni commerciali equivalenti per entrambe le parti.

Dal 1° gennaio 2009 sono stati aboliti i controlli veterinari alla frontiera relativi al traffico di animali e prodotti di origine animale tra la Svizzera e l'UE.

Gli invii provenienti da paesi terzi vengono controllati all'ingresso nell'area veterinaria Svizzera-UE e possono quindi circolare liberamente. A tal fine, sono stati creati in Svizzera, posti di blocco negli aeroporti di Ginevra e Zurigo. La corretta applicazione dell'accordo veterinario è monitorata dal comitato veterinario misto.