Digitale

Digitale: verso un mercato unico europeo online

La rivoluzione digitale sta rimodellando profondamente il mondo che ci circonda. Questa inevitabile trasformazione delle nostre società globalizzate richiede un’anticipazione legislativa e politica per rispondere ai cambiamenti che si annunciano. È esattamente la priorità della Commissione europea che nel 2015 ha lanciato la sua strategia per l'istituzione di un mercato unico digitale (DSM). Al fine di garantire che l'Europa mantenga una posizione di leader nell'economia digitale mondiale, le istituzioni europee si sono concentrate sull'eliminazione degli ostacoli normativi all’interno del mercato unico, ciò che rappresenta un contributo annuo di quasi 415 miliardi di euro per l'economia dell'Unione europea.

La strategia DSM non contiene alcuna proposta legislativa, ma conferisce alla Commissione europea il mandato di proporre azioni concrete per l'attuazione delle sedici misure della strategia. La Commissione europea ha presentato quasi 40 azioni legislative e iniziative politiche per le sedici misure incluse nella strategia del DSM. Entro la fine del 2018, il Parlamento europeo e il Consiglio intendono raggiungere un accordo politico sulle 18 proposte legislative del DSM, attualmente oggetto di dibattito all'interno delle istituzioni europee.

Le principali misure mirano a migliorare l'accesso ai beni e ai servizi digitali, in particolare facilitando il commercio elettronico transfrontaliero, l'abolizione del blocco geografico ingiustificato e la riforma delle norme sul diritto d'autore. Inoltre, l'obiettivo della strategia è anche quello di creare un ambiente favorevole allo sviluppo di reti e servizi digitali innovativi, nonché condizioni di concorrenza giuste. L'attuazione di questa priorità richiede infrastrutture a banda larga veloci, sicure e affidabili, nonché un adeguamento delle norme audiovisive all'era digitale. Infine, il DSM evidenzia il potenziale di crescita dell'economia digitale promuovendo la circolazione dei dati, l'uso del “cloud computing” e “l'e-government”.

La Svizzera e il mercato unico digitale

Nella sua strategia "Svizzera digitale" del 2016, il Consiglio federale stabilisce le linee guida che regolano l'azione dello Stato al fine prioritario di cogliere le opportunità della digitalizzazione per posizionare la Svizzera come uno spazio di vita attraente e un centro economico e scientifico innovativo che guarda al futuro. In tale contesto, la Svizzera deve proseguire il dialogo con l'Unione europea e coordinare le attività a livello nazionale al fine di sfruttare il mercato unico digitale ed evitare i rischi di esclusione.