Kosovo

La Svizzera sostiene il Kosovo ad attuare riforme che ne facilitino l’integrazione a livello regionale ed europeo. Gli assi principali della cooperazione sono il consolidamento della democrazia e dell’economia e il miglioramento delle infrastrutture.

Cartina del Kosovo
© DFAE

Nel 2008 il Parlamento kosovaro ha proclamato l’indipendenza della provincia che fino ad allora era stata amministrata dall’ONU. Il nuovo Stato deve ancora superare numerosi ostacoli che ne rallentano l’adesione all’Unione europea. Sebbene il quadro democratico sia ormai completato e disponga di istituzioni adeguate, queste ultime non vengono ancora impiegate in modo sistematico. L’economia del Paese rimane debole e il tasso di disoccupazione elevato: ciò contribuisce a un incremento delle disparità nella società kosovara. Inoltre i rapporti tra la maggioranza albanese e la minoranza serba rimangono tesi, sebbene la partecipazione di quest’ultima al Governo sia assicurata.

Governance democratica e sicurezza umana

Il decentramento di politica e amministrazione è un fattore determinante per la convivenza pacifica in Kosovo. La Svizzera sostiene le amministrazioni locali affinché possano offrire servizi di alta qualità e svolgere le loro attività in modo trasparente, affidabile ed efficace. I cittadini e le organizzazioni della società civile sono incoraggiati a partecipare ai processi politici. A livello nazionale, è prioritario garantire istituzioni inclusive che garantiscano la coesione sociale, tra cui negli ambiti dell’analisi del passato e del dialogo con la Serbia.

Riforme economiche e dello Stato

Economia e lavoro

Uno degli obiettivi principali della cooperazione svizzera in Kosovo è di rendere più dinamico il settore privato per offrire prospettive professionali più interessanti e buone condizioni lavorative. Ma siccome occorre dapprima sviluppare le competenze professionali e l’imprenditoria, in particolare per quanto concerne i giovani, la Svizzera si adopera per una formazione professionale basata sui bisogni del mercato. I programmi competenti in materia di orientamento professionale e collocamento aumentano le probabilità che le persone disoccupate trovino un lavoro e che le imprese riescano a reclutare il personale di cui hanno bisogno. Inoltre la Svizzera sostiene il Kosovo a migliorare la regolamentazione del commercio e degli investimenti in modo da rendere il clima degli investimenti più attrattivo. Attualmente la Svizzera sta considerando un aiuto supplementare volto a ridurre l’importo dei crediti che non fruttano interessi nel sistema bancario del Kosovo, in vista di liberare e riassegnare i beni bloccati per un uso più adeguato, e quindi contribuire alla creazione di posti di lavoro.

Sviluppo del settore privato e servizi finanziari

Istruzione di base e formazione professionale

Risorse idriche e cambiamento climatico

L’obiettivo principale è di assicurare l’accesso a servizi di distribuzione dell’acqua e igienico-sanitari di alta qualità e sostenibili che migliorino le condizioni di vita della popolazione. La Svizzera si adopera per promuovere il dialogo politico, per rafforzare le istituzioni che gestiscono il settore idrico e investendo nelle reti di acqua potabile e nei sistemi igenico-sanitari e di smaltimento delle acque di scarico. Al contempo sensibilizza a un uso responsabile delle risorse idriche. I servizi pubblici sono infine incoraggiati a promuovere la protezione dell’ambiente e a ridurre l’impatto del cambiamento climatico.

L’acqua

Cambiamenti climatici e ambiente

Sanità

La Svizzera contribuisce a migliorare le prestazioni medico-sanitarie in Kosovo sostenendo l’introduzione di un’assicurazione malattie obbligatoria che permette di accedere alle cure. A livello locale, il programma intende incrementare la qualità delle cure consolidando le capacità del personale medico e incentivare l’accesso alle prestazioni. Tra i temi prioritari rientrano le esigenze dei gruppi di popolazione svantaggiati o esclusi, la prevenzione delle malattie non trasmissibili e la sensibilizzazione all’adozione di stili di vita più salutari.

Salute

Migrazione

Dal 2010 la Svizzera e il Kosovo hanno instaurato un partenariato migratorio. Il programma intende rafforzare le capacità delle autorità kosovare competenti grazie a misure mirate nell’ambito della politica migratoria e della gestione della migrazione. Per lottare contro questo fenomeno viene inoltre promossa l’inclusione sociale dei gruppi marginalizzati, generalmente più inclini alla migrazione. La diaspora kosovara, dal canto suo, contribuisce allo sviluppo economico e sociale del Paese.

Migrazione

Approccio e partner

La strategia di cooperazione 2017-2020 è attuata congiuntamente dalla Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), dalla Segreteria di Stato dell’economia (SECO) e dalla Divisione Sicurezza umana (DSU) del DFAE.

Principali partner della Svizzera in Kosovo:

  • Partner nazionali, per es. ministeri e comuni, organizzazioni della società civile locale come Community Development Initiatives, Voice of Roma, Ashkali and Egyptians

  • ONG svizzere, per es. Helvetas/Swiss Intercooperation, Aiuto delle Chiese evangeliche svizzere (HEKS/EPER), Swisscontact

  • ONG e imprese internazionali

  • Organizzazioni multilaterali, per es. Banca Mondiale, FMI, PNUS

  • Settore privato e think tank

Progetti attuali

Oggetto 1 – 12 di 12

  • 1

Soluzioni abitative per gli sfollati

Condominio, Ovca, Serbia

01.03.2019 - 31.12.2022

A seguito della guerra negli anni 1990, in Bosnia e Erzegovina, Croazia, Montenegro e Serbia, più di tre milioni di persone sono state costrette a lasciare le proprie case e a rifugiarsi altrove, dentro o oltre i confini nazionali. A 23 anni dagli Accordi di Dayton, nei Balcani occidentali c’è ancora circa mezzo milione di persone vulnerabili sfollate a causa della guerra nell’ex Jugoslavia. Obiettivo del Regional Housing Programme (RHP) è fornire soluzioni abitative stabili ai profughi e agli sfollati interni che ne hanno bisogno.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Balcani occidentali
Migrazione
Trasferimenti forzati (rifugiati, sfollati interni, tratta di esseri umani)

01.03.2019 - 31.12.2022


CHF 1'555'000



Il decentramento dei servizi pubblici in Kosovo (DEMOS)

Due giovani con i rollerblade  su una pista ciclabile.

01.01.2018 - 31.12.2021

Dalla dichiarazione d’indipendenza nel 2008 il Kosovo si impegna nella riforma e nel decentramento delle autorità e dei servizi pubblici allo scopo di rafforzare l’autonomia e la democrazia locale nei suoi 38 comuni. Il progetto della DSC intitolato «Decentralisation and Municipal Support (DEMOS)» appoggia le autorità comunali nello sviluppo di servizi pubblici di base e sostiene così il Paese nella sua transizione verso uno Stato democratico e decentrato.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Kosovo
Governance
Decentralizzazione
Partecipazione democratica e società civile

01.01.2018 - 31.12.2021


CHF 12'800'000



Puntare sul settore privato per ridurre la disoccupazione giovanile in Kosovo

Due persone camminano su delle corde in un parco avventura.

16.11.2017 - 15.11.2021

Il progetto di promozione dell’impiego nel settore privato «Promoting Private Sector Employment» (PPSE) rafforza le imprese del settore alimentare e turistico e incentiva la creazione di posti di lavoro in Kosovo.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Kosovo
Impiego & sviluppo economico
Sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI)

16.11.2017 - 15.11.2021


CHF 7'320'000



Un mercato del lavoro attrattivo per i giovani kosovari

Un giovane sta lavorando a un pannello elettrico.

01.01.2017 - 31.12.2020

Con il progetto «Enhancing Youth Employment» s’intende migliorare le opportunità sul mercato del lavoro per i giovani in Kosovo, una fascia della popolazione fortemente colpita dalla disoccupazione. Creando un dialogo tra i datori di lavoro e le persone in cerca di un impiego e offrendo a queste ultime una formazione valida affinché acquisiscano le qualifiche necessarie per poter essere competitivi, è possibile ridurre la disoccupazione e dare slancio alla crescita del Paese.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Kosovo
Impiego & sviluppo economico
Formazione professionale
Creazione di occupazione
Formazione professionale

01.01.2017 - 31.12.2020


CHF 7'570'000



Strengthening regional cooperation on migration in the Western Balkans

01.11.2023 - 31.12.2027

In light of diversifying migration patterns and challenges with increasing regional dimensions, the migration policy priorities of Western Balkan governments are changing and the relevance of regional dialogue, coordination and cooperation is growing. This proposal seeks to promote coherent and effective regional governance of migration in all its multifaceted dimensions contributing to greater social cohesion and regional integration in the Western Balkans.


Social Justice for Roma, Ashkali and Egyptians (SORAE)

15.07.2020 - 31.12.2022

In order to improve the social inclusion of Roma, Ashkali and Egyptian (RAE) in Kosovo, this project will develop their livelihoods through ensuring better access to educational opportunities, enhanced children rights and protection, upgraded housing conditions and more income generation prospects. These multi-sectorial interventions will be complemented with antigypsyism policy interventions that counter discrimination against RAE and foster equality in Kosovo.

 

 

 


Combating corruption in Kosovo

01.07.2020 - 30.06.2024

The purpose of this project is to address key challenges in the policy and legislative frameworks, strengthen capacities of anticorruption institutions and foster public demand for accountability through civic engagement. This will be done through concluding the framework for preventive and suppressive anti-corruption processes that lead to asset confiscation.

 


Programme contribution to Brot für alle / Bread for all 2019-2020

01.01.2019 - 31.12.2020

Bread for all (Bfa), the development organization of the protestant churches of Switzerland, has aligned its mandate with the Agenda 2030. Through a network of ten faith-based organizations active in partner countries, Bfa supports disadvantaged people to access Food Security, Education and Health. It also strengthens communities in peacebuilding and conflict transformation, while furthering the social responsibility of Swiss stakeholders.


Progetto pianificato

Support to Integrated Water Resource Management in Kosovo

01.10.2018 - 30.04.2031

The water resources in Kosovo are increasingly under threat from pollution and rising demand for water for farming, industry and growing urban centers. Climate change is projected to exacerbate the impact on the availability of water resources as well as increase the risk for flood related disasters. The program supports different stakeholders in Kosovo at the national, regional and local level to tackle these complex pressures in establishing an integrated water resources management approach.


lntegrated Water Resource Management in Kosovo

01.10.2018 - 30.04.2024

The Integrated Water Resource Management project supports different stakeholders in Kosovo at the national, regional and local level for establishing an integrated water resources management approach. This approach will address issues such as pollution, rising demand for water for farming, industry and growing urban areas, and will help mitigate the impact of climate change.

 


Rural Water and Sanitation Support Programme in Kosovo

01.01.2018 - 31.12.2022

Since 2005, the Swiss Rural Water and Sanitation Support Programme has provided better access to safe drinking water and sanitation to 474’000 people living in rural areas. By further strengthening the capacities of the water companies and their oversight bodies and with targeted infrastructure investments, the RWSSP exit phase will contribute to a sustainable and socially inclusive provision of high-quality water and sanitation services. For the first time the program will include the Northern municipalities of Kosovo.


Contribution to the Roma Education Fund (REF)

01.12.2015 - 31.12.2020

REF is the lead organization for Roma education. SDC is supporting REF from its inception, contributing in a relevant way to the Roma decade. REF recently defined a strategy (2015-20) and is strengthening its results orientation. By continuing the partnership with REF, with a focus on pro-inclusion policy dialogue, SDC ensures coherence and consistence of its position in the Roma inclusion agenda. REF's focus on children from early childhood is crucial for the social inclusion of the next generation of Roma.

Oggetto 1 – 12 di 12

  • 1