Progetti

Quattro giovani operai con caschetti, pala e martello in mezzo a cumuli di terra; sullo sfondo un paesaggio di montagne boscose.
Grazie al contributo fornito dalla SECO in Colombia attraverso le obbligazioni a impatto sociale, alcuni giovani si inseriscono nel mercato del lavoro come operai © SECO

I progetti descritti di seguito offrono una panoramica delle attività condotte dalla Svizzera in alcuni Paesi in via di sviluppo nell’ambito di due tematiche: finanziamento e stabilità. Questi progetti saranno presentati e discussi il 21 giugno 2019 in occasione della Conferenza annuale della cooperazione svizzera allo sviluppo.

FINANZIAMENTO

«Obbligazioni a impatto sociale / Social impact bond» (SECO, Colombia)

L'ONU stima che da oggi al 2030 serviranno ogni anno 2,5 miliardi di dollari in più per raggiungere i suoi Obiettivi di sviluppo sostenibile. Si rendono necessari nuovi meccanismi di finanziamento, come le obbligazioni a impatto sociale. I programmi sono finanziati a monte da investitori privati che si fanno carico dei relativi rischi. I Paesi, le agenzie di sviluppo, le organizzazioni internazionali e/o le fondazioni filantropiche pagano gli investitori quando i risultati concordati vengono raggiunti. Attraverso questo progetto la SECO sostiene le obbligazioni a impatto sociale in Colombia al fine di integrare le fasce povere della popolazione nel mercato del lavoro.

Progetto «Social impact bond» (de) 

«Il meccanismo svizzero di rafforzamento delle capacità» (DSC, transnazionale)

Circa 2,5 miliardi di persone non hanno accesso a servizi finanziari e sono costretti a ricorrere a mezzi rischiosi per gestire il loro denaro. Con questo progetto la DSC mira ad aiutare le fasce povere e vulnerabili della popolazione nei Paesi partner a superare queste difficoltà. Il meccanismo si propone di sostenere e potenziare le attività che generano reddito, una miglior gestione delle spese da parte delle economie domestiche e di creare posti di lavoro su vasta scala.

Progetto «Il meccanismo svizzero di rafforzamento delle capacità» (en) 

STABILITÀ

«Gruppo di sviluppo delle infrastrutture private» (SECO, Ruanda)

Il «Private Infrastructure Development Group», un’organizzazione di donatori sostenuta dalla SECO, mobilita gli investimenti del settore privato a favore di progetti infrastrutturali nei Paesi in via di sviluppo. Si propone di promuovere la crescita economica nei Paesi partner e di lottare contro la povertà. In Ruanda, il Private Infrastructure Development Group è coinvolto nel progetto KivuWatt: una fabbrica di biogas che utilizza una tecnologia innovativa per convertire il metano tossico estratto dal fondo del lago in energia rinnovabile e assicura a 2,5 milioni di persone migliori condizioni di accesso all’energia elettrica.

Progetto «Gruppo di sviluppo delle infrastrutture private» (en) 

«Programma indo-svizzero sull’efficienza energetica degli edifici» (DSC, India)

A livello globale gli edifici sono responsabili del 35% dei consumi energetici e di circa il 20% delle emissioni di gas serra. In India gli edifici consumano il 40% dell’energia totale e sono responsabili del 40% delle emissioni di C02. Il progetto BEEP, lanciato dalla DSC, punta a ridurre i consumi energetici negli edifici in India attraverso l’introduzione di nuovi standard in materia di efficienza energetica e comfort termico e di nuove tecnologie che sfruttano le energie rinnovabili.

Progetto «Programma indo-svizzero sull’efficienza energetica degli edifici» (en) 

«Uso efficiente dell’acqua nelle coltivazioni di riso e cotone» (DSC, Asia)

Con questo progetto, basato sulla realizzazione di un partenariato pubblico-privato in Asia, la DSC mira ad aumentare i proventi dei piccoli agricoltori e la produttività dell’acqua nella produzione di riso attraverso tecnologie ottimizzate, una maggiore domanda di prodotti sostenibili da parte del settore privato e piani di gestione delle risorse idriche. La DSC collabora con Helvetas per implementare questo sistema in India, Pakistan, Tagikistan, Kirghizistan, Myanmar e Madagascar. Scopo della collaborazione è aumentare la sicurezza alimentare, i proventi degli agricoltori e la produttività dell’acqua.

Progetto «Uso efficiente dell’acqua nelle coltivazioni di riso e cotone» (en)