Giornata arabo-svizzera dell’acqua a Berna

Articolo, 27.03.2017

Nell’ambito dell’Arab-DAC Dialogue on Development a Berna, la Svizzera organizza un secondo giorno di conferenza con le istituzioni donatrici arabe più importanti per discutere sul sesto obiettivo dell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile «Garantire la disponibilità e la gestione sostenibile di acqua e servizi igienici per tutti». Al centro dei dibattiti vi sarà la promozione di approcci innovativi che garantiscano una gestione sostenibile dell’acqua in quanto risorsa d’importanza vitale.

Un ragazzo in Afghanistan beve acqua da una fontana.
Circa 660 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile. I conflitti aggravano questa situazione. U

Il settimo Arab DAC Dialoge on Development avrà luogo il 27 marzo 2017 a Berna. La Svizzera ospita questo dialogo di politica di sviluppo tra gli Stati membri del Comitato di aiuto allo sviluppo (CAS; Development Assistance Commitee, DAC) dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE; Organisation for Economic Co-operation and Development, OECD) e le più importanti istituzioni arabe per la cooperazione internazionale.

I Paesi donatori del Consiglio di cooperazione del Golfo (CCG; Golf Cooperation Council, GCC) sono importanti per l’attuazione della nuova Agenda per uno sviluppo sostenibile, anche in virtù dei loro investimenti relativamente elevati in Paesi in via di sviluppo ed emergenti.

La buona reputazione e la credibilità della Svizzera al servizio del dialogo con i Paesi arabi

Niklaus Eggenberger, collaboratore della DSC
© DSC

Niklaus Eggenberger lavora come consigliere regionale per la cooperazione internazionale presso l’Ambasciata svizzera ad Abu Dhabi. Tra i suoi compiti vi è quello di promuovere il dialogo con i Paesi donatori del Golfo.

Signor Eggenberger, perché la Svizzera ha un consigliere per la cooperazione internazionale ad Abu Dhabi se non promuove progetti di cooperazione allo sviluppo in questa regione?

In effetti la DSC non promuove progetti operativi propri nella regione del Golfo. Tuttavia, i Paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo figurano tra i donatori più importanti accanto a quelli che fanno parte del Comitato di aiuto allo sviluppo dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. Mentre i Paesi dell’OCSE, tra cui la Svizzera, riducono i finanziamenti pubblici alla cooperazione internazionale, quelli del Golfo continuano a investire somme considerevoli, e questo nonostante il calo dei prezzi del petrolio. Nel 2015 gli Emirati­ Arabi Uniti sono stati tra i maggiori donatori al mondo, con un aiuto pubblico allo sviluppo pari all’1,09% del prodotto interno lordo (PIL), ossia circa 5 miliardi USD in cifre assolute. Nel 2014 l’Arabia Saudita ha devoluto all’aiuto allo sviluppo circa 14 miliardi USD, pari all’1,9% del suo PIL. A titolo comparativo, ricordo che l’impegno assunto nel quadro dell’ONU è di raggiungere lo 0,7% del PIL e che nel 2015 la Svizzera ha destinato all’aiuto pubblico allo sviluppo lo 0,52% del suo PIL.

Scambi, innovazione e partenariati per attuare l’obiettivo acqua

La Svizzera coglie l’occasione per organizzare, nell’ambito dell’Arab DAC Dialoge, un secondo giorno di conferenza, l’Arab Swiss Water Day, incentrato sul sesto obiettivo dell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile «Garantire la disponibilità e la gestione sostenibile di acqua e servizi igienici per tutti». La Svizzera ha svolto un ruolo attivo nell’elaborazione dell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile, approvata il 25 settembre 2015 dall’Assemblea generale dell’ONU a New York.

Una gestione sostenibile dell’acqua fa parte delle sfide globali del XXI secolo. L’acqua è sempre più spesso causa di instabilità sociale, economica e politica e la gestione delle risorse idriche si ripercuote in modo considerevole sulla sicurezza e la pace nel mondo. In seguito a conflitti armati e disordini civili, in molti Paesi la popolazione non ha più un accesso garantito all’acqua potabile. D’altra parte il tema acqua può spingere i Paesi a collaborare ed è quindi un’opportunità per costruire e mantenere la pace.

Il tema centrale dell’Arab-Swiss Water Day è di come accelerare l’attuazione dell’obiettivo acqua e di quali soluzioni e partenariati sono necessari a lungo termine per raggiungerlo. Inoltre si vuole tematizzare la sostenibilità degli investimenti nell’ambito della gestione dell’acqua e la promozione di nuovi modelli d’impresa e di nuove tecnologie in collaborazione con il settore privato. Istituzioni e imprese che elaborano tecnologie e approcci innovativi nel settore dell’acqua presentano, inoltre, gli sviluppi più recenti in una mostra.