Africa: la Svizzera rafforza il proprio impegno multilaterale a favore degli Stati fragili

Berna, Comunicato stampa, 13.11.2015

La Svizzera aumenterà di 21 milioni di franchi il proprio contributo a favore del Fondo africano di sviluppo (FAS), che fa parte integrante della Banca africana di sviluppo (BAS). Questi finanziamenti sono mirati a rafforzare le competenze dell’istituto per tener conto di fattori come la fragilità, i conflitti e la promozione delle pari opportunità.

Giunto a metà strada del suo ciclo triennale (2014-2016), il FAS ha passato in rassegna i risultati dimostrando capacità di adattamento per rispettare gli impegni (investimenti nelle infrastrutture – in particolare energia, acqua, e trasporti – ed efficienza dei processi operativi) e nonostante un contesto estremamente delicato (crisi di Ebola, crollo dei prezzi delle materie prime). Il contributo supplementare di 21 milioni di franchi era stato oggetto di negoziati all’inizio del ciclo e sarebbe stato stanziato in base ai risultati ottenuti dal Fondo. Con la sua decisione la Svizzera desidera consolidare i progressi considerevoli conseguiti dal FAS nei progetti elaborati dalla BAS su fattori come la fragilità, i conflitti e la promozione delle pari opportunità. In effetti, le diseguaglianze tra i sessi, ma anche i conflitti, la violenza e la fragilità costituiscono ostacoli pesanti allo sviluppo sostenibile, alla crescita economica e alla riduzione della povertà. L’entità del contributo è sintomatica della maggiore importanza che l’Africa riveste nella cooperazione internazionale svizzera e rafforza il FAS nella sua volontà di sviluppare una crescita sostenibile e inclusiva nei Paesi più poveri del continente africano.

Il FAS, di cui la Svizzera è partner da molti anni, fa parte integrante del Gruppo della Banca africana di sviluppo (BAS) e si prefigge di attenuare la povertà nei paesi membri più indigenti, contribuendo al loro sviluppo economico sostenibile e al progresso sociale. Il FAS utilizza le proprie risorse nei Paesi a basso reddito che hanno un accesso assai limitato ai mercati di capitali o a prestiti a tasso agevolato. Il FAS fornisce anche assistenza tecnica e sovvenzioni a fondo perduto per progetti di sviluppo.


Indirizzo per domande:

Daniel Birchmeier, capo Cooperazione multilaterale SECO
tel. 058 464 08 19, daniel.birchmeier@seco.admin.ch

Chantal Nicod, capo Divisione Africa occidentale DSC
tel. 058 463 35 81, chantal.nicod@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale dell
Dipartimento federale degli affari esteri