Conferenza internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa a Ginevra: per un maggiore rispetto del diritto internazionale umanitario

Berna, Comunicato stampa, 04.12.2015

Migrazione e lotta contro la violenza sono due dei temi al centro della 32ª Conferenza internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa. Oggi il Consiglio federale ha varato la partecipazione svizzera e il rispettivo mandato. La Svizzera si impegnerà per migliorare il rispetto del diritto internazionale umanitario. La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga guiderà la delegazione svizzera alla Conferenza, che avrà luogo dall’8 al 10 dicembre a Ginevra.

La Svizzera partecipa attivamente alla 32ª Conferenza internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa e si impegna per migliorare il rispetto del diritto internazionale umanitario e rafforzare il sistema umanitario globale prima e dopo le crisi. La Conferenza di quest’anno è intitolata «The Power of Humanity» e rimanda all’umanità, il primo dei sette principi fondamentali del movimento della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa che quest’anno festeggia i cinquant’anni dalla sua istituzione.

La manifestazione si concentrerà su tre temi: la prevenzione e la lotta contro la violenza, la garanzia della protezione e dell’accesso all’aiuto umanitario e la riduzione dei rischi di catastrofi. Ampio spazio sarà tuttavia dedicato anche al tema della migrazione. Grazie alla sua presenza a livello internazionale e ai suoi circa 17 milioni di operatori volontari, il movimento della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa assume un ruolo importante nell’ambito della gestione dell’attuale crisi dei profughi ed è anche per tale motivo che per la Svizzera costituisce un partner di rilievo per l’attuazione dei suoi obiettivi umanitari.
 
È dal 1986 che la Conferenza viene organizzata a Ginevra e per la Svizzera questo evento riveste un’importanza straordinaria. In quanto Stato depositario e Stato di sede della Federazione della Croce Rossa e del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR), la Svizzera ha un legame molto forte con il movimento della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa. Per questo, tradizionalmente la Svizzera si adopera con particolare impegno per posizionare la Conferenza internazionale come evento umanitario globale e la sostiene finanziariamente. Si impegna inoltre a rafforzare la cooperazione all’interno del movimento, a modernizzare la Conferenza e ad aumentarne la rilevanza internazionale.

In seguito a un mandato scaturito dalla 31ª Conferenza, in collaborazione con il CICR la Svizzera ha anche realizzato un processo di consultazione volto a identificare i mezzi necessari per rafforzare il diritto internazionale umanitario. Il rispettivo rapporto servirà da base per decidere, nel quadro della 32ª Conferenza, sull’attuazione delle misure proposte. In particolare, gli Stati sono chiamati ad avviare un dialogo regolare in merito all’attuazione del diritto internazionale umanitario e a rafforzare la cooperazione in questo ambito.
 
Ogni quattro anni la Conferenza internazionale riunisce le 189 società nazionali della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, la rispettiva Federazione internazionale, il CICR e i 196 Stati parte alle Convenzioni di Ginevra. È l’organo supremo del movimento della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa e una delle conferenze più importanti in ambito umanitario. Le decisioni prese nel quadro della Conferenza sotto forma di risoluzioni influenzano il dibattito umanitario globale, coniano nuovi approcci politici e possono stimolare l’ulteriore sviluppo del diritto internazionale. La Conferenza riunirà a Ginevra oltre 4500 persone, tra cui per la prima volta anche rappresentanti del settore private.


Informazioni supplementari:

Iniziativa congiunta della Svizzera e del CICR per rafforzare il rispetto del diritto internazionale umanitario


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
Fax: +41 58 464 90 47
info@eda.admin.ch

Informazione DFGP
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 18 18
Fax: +41 58 462 40 82


Editore

Il Consiglio federale
Dipartimento federale degli affari esteri