Giornata mondiale contro la malaria: la DSC intensifica il proprio impegno nella lotta contro questa malattia

Berna, Media release, 25.04.2016

Negli ultimi decenni sono stati fatti notevoli passi in avanti nella lotta contro la malaria, non da ultimo grazie all’aiuto della Svizzera. Ciononostante ogni anno si registrano oltre 400 000 decessi, per lo più bambini di meno di cinque anni. Il 25 aprile 2016, in occasione della Giornata mondiale contro la malaria, il direttore della DSC Manuel Sager invita tutti i partner a portare avanti uniti la battaglia contro questa piaga. Solo con un’azione congiunta e rigorosa sarà possibile raggiungere l’obiettivo, posto dalla comunità internazionale, di ridurre la malattia del 90 per cento entro il 2030.

-
In collaborazione con lo Swiss Malaria Group, la DSC sostiene tra l’altro la ricerca sulla malaria e lo sviluppo di nuovi medicinali contro questa malattia mortale. © Swiss Malaria Group / Jenn Warren

Oggi a Berna, per celebrare la Giornata mondiale contro la malaria, si terranno vari eventi ai quali presenzieranno rappresentanti della politica, delle autorità, del mondo scientifico ed economico e dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). L’organizzazione della giornata spetta allo Swiss Malaria Group, una rete di istituti di ricerca, di associazioni pubbliche, imprese private e organizzazioni della società civile creata nel 2007 dalla Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), che si prefigge di promuovere l’impegno svizzero nella lotta contro la malaria. In occasione della giornata, il direttore della DSC Manuel Sager ha dichiarato: «Abbiamo raggiunto traguardi importanti ma rimane molta strada da fare, se vogliamo raggiungere l’ambizioso obiettivo dell’OMS: ridurre la malattia del 90 per cento entro il 2030».

Ogni due minuti muore un bambino

Secondo l’OMS, la malaria miete ogni anno circa 438 000 vittime, il 70 per cento delle quali ha un’età inferiore a cinque anni. La malattia minaccia quasi la metà della popolazione mondiale e in media ogni due minuti un bambino muore di malaria. A queste cifre si possono contrapporre i risultati raggiunti negli ultimi 15 anni, ovvero il dimezzamento della mortalità per malaria a partire dagli anni 2000. Secondo le stime, è stato possibile salvare oltre 6,2 milioni di vite. Nella regione dell’Africa sub-sahariana, due bambini su tre di età inferiore a cinque anni dormono ora protetti da zanzariere impregnate d’insetticida ed è sensibilmente migliorato l’accesso a medicamenti efficaci.

Anche la Svizzera, con il suo approccio innovativo e il coinvolgimento di numerosi partner, ha contribuito in modo sostanziale al miglioramento della situazione. Nello specifico, il partenariato pubblico-privato Medicines for Malaria Venture, con sede a Ginevra e creato in parte dalla DSC, negli ultimi 15 anni ha lanciato sul mercato sei nuovi medicinali contro la malaria. Sono già stati distribuiti gratuitamente in 50 Paesi più di 300 milioni di confezioni di Coartem Dispersible, pastiglie tollerate anche dai bambini e sviluppate in collaborazione con Novartis. In Tanzania, l’Istituto tropicale e di salute pubblica svizzero ha distribuito alle famiglie 50 milioni di zanzariere e ciò ha salvato la vita a oltre 60 000 bambini ogni anno.

Ottimi risultati a riprova dell’efficacia della cooperazione allo sviluppo

Per il direttore della DSC Manuel Sager, questi successi sono la conferma dell’efficacia della cooperazione allo sviluppo svizzera, in cui tutti i partner lavorano in modo interdisciplinare a un obiettivo comune. Per questa ragione, la DSC, nella sua veste di coordinatrice, continuerà a impegnarsi attivamente affinché la competenza e le esperienze della Svizzera risultino incisive nella lotta contro la malaria.

Questo impegno rientra nella strategia principale della DSC nell’ambito della promozione della salute sancita nel messaggio concernente la cooperazione internazionale della Svizzera 2017-2020, sulla base dell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile. «Lo sviluppo internazionale e la salute sono inscindibili», dichiara Manuel Sager, e aggiunge «La salute è un elemento fondamentale per lo sviluppo di ogni essere umano, per tutte le Nazioni e il mondo intero. La salute è un diritto umano, è un elemento centrale nella lotta alla povertà ed è essenziale per lo sviluppo economico e la sicurezza globale».


Further information:

DSC: La salute – Fattore essenziale dello sviluppo
Swiss Malaria Group (fr)


Fact Sheet Malaria - DSC(pdf, 268kb)


Address for enquiries:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
Fax: +41 58 464 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Publisher:

Dipartimento federale degli affari esteri