Inizio pagina

Lavoro, clima, migrazione e Stato di diritto

La strategia della CI è uno strumento di politica estera della Svizzera, basato sulla Costituzione federale, per alleviare il bisogno e la povertà nel mondo, rafforzare il rispetto dei diritti umani, promuovere la democrazia e proteggere l'ambiente. A febbraio il Consiglio federale ha definito le priorità tematiche e geografiche per i prossimi quattro anni. Nella sessione estiva 2020, il Consiglio nazionale si occuperà del tema.

Elementi grafici illustrano i quattro punti principali della strategia.

Le quattro priorità della strategia: sviluppo economico, ambiente, sviluppo umano, pace e buongoverno. © DFAE

Nella sessione estiva 2020, la strategia di cooperazione internazionale 2021-2024 (strategia CI) sarà discussa per la prima volta in Parlamento. Il primo Consiglio è il Nazionale, dove l'argomento è all'ordine del giorno il 15 giugno.

Il 19 febbraio 2020 il Consiglio federale ha adottato la strategia, nella quale ha definito le priorità tematiche e geografiche della cooperazione internazionale per i prossimi quattro anni.

Le priorità tematiche sono le seguenti:

  • sviluppo economico
  • ambiente
  • sviluppo umano
  • pace e buongoverno

Le quattro regioni prioritarie sono:

  • Europa dell’est,
  • Nord Africa e Medio Oriente,
  • Africa subsahariana,
  • Asia (Asia centrale, Asia meridionale e Sud-Est asiatico)

Le priorità tematiche e l'orientamento geografico consentono alla Svizzera di attuare efficacemente la cooperazione internazionale.

Ignazio Cassis presenta la posizione del Consiglio federale sulla strategia della la cooperazione internazionale (CI) al Consiglio nazionale.