Dipartimento federale degli affari esteri DFAE

Una casa itinerante – e a portata di click – per incontrare la Svizzera

Per sostenere gli obiettivi di politica estera occorre una comunicazione al passo con i tempi. La Strategia di comunicazione internazionale 2021-2024 risponde a questa esigenza: contribuisce a una percezione positiva e differenziata della Svizzera all’estero e ne promuove gli interessi. E lo fa per esempio ispirandosi ai gusti dei millenial, con un Pop-up House of Switzerland che farà tappa in vari Paesi e sarà visitabile anche online.

18.12.2020
Un cane San Bernardo sdraiato su un prato con accanto un moderno drone.

Con la tradizione anche l’innovazione fa parte del DNA della Svizzera. La comunicazione internazionale spiega i punti di forza e promuove gli interessi del Paese all’estero. © DFAE

Lo sapevate che la Svizzera è tra i primi Paesi al mondo per numero di startup e giovani imprese attive nel settore dell’intelligenza artificiale? E che è attiva in vari Programmi globali per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030? Accanto alla tradizione anche l’innovazione fa parte del DNA della Svizzera. I buoni uffici, la bellezza dei suoi paesaggi, la qualità dei suoi prodotti. Sono molti i punti di forza indiscussi della Svizzera all’estero ma diversi quelli ancora poco conosciuti.

Una buona immagine di un Paese all'estero influenza il suo margine di manovra in politica estera, la sua attrattiva come sede di organizzazioni, i suoi scambi economici e scientifici o ancora il turismo. È qui che entra in gioco la comunicazione internazionale, che spiega punti di forza, azioni e interessi, a sostegno di una politica estera coerente ed efficace.

Il contesto attuale è chiaro: una realtà sempre più digitale, ipermediatizzata e che deve rispondere con flessibilità alle sfide globali. Le priorità tematiche della politica estera svizzera per i prossimi anni sono conosciute: pace e sicurezza, prosperità, sostenibilità e digitalizzazione. La Strategia di comunicazione internazionale 2021-2024 adottata dal Consiglio federale si ancora a queste priorità e propone azioni volte a presentare una Svizzera innovativa, competitiva, solidale e responsabile. Come? Grazie agli strumenti delle relazioni pubbliche. Nuove piattaforme di dialogo e scambio, incontri e attività anche digitali, collaborazioni con partner pubblici e privati: ecco gli elementi per cominciare.

Cinque priorità per l’immagine della Svizzera all’estero

Schema che elenca i cinque ambiti in cui la Svizzera si fa conoscere all’estero
La nuova strategia individua cinque priorità tematiche che si legano a quelle definite nella Strategia di politica estera 2020-2023. © DFAE

Gli ambiti di azione individuati nella nuova Strategia di comunicazione internazionale – innovazione, economia, relazioni Svizzera-UE, piazza finanziaria e sostenibilità – rispondono alle sfide presentate anche dalla pandemia.

Cinque ambiti e cinque messaggi da trasmettere al livello internazionale: più visibilità per la Svizzera come polo di innovazione e tecnologia efficiente, competitivo e all'avanguardia; più visibilità anche per l’economia svizzera e maggiore fiducia nel marchio Svizzera; maggior riconoscimento degli sforzi della Svizzera nella lotta all’evasione fiscale; più consapevolezza della solidarietà della Svizzera nei confronti dell'Europa e dell'effetto positivo delle strette relazioni Svizzera - UE; e infine maggiore conoscenza della strategia di sviluppo sostenibile per centrare gli obiettivi dell’Agenda 2030.

Per farlo, la collaborazione con attori del mondo economico, politico, culturale e scientifico è fondamentale. Vediamo alcuni esempi e soluzioni innovative presenti nella Strategia.

La “House of Switzerland” a Rio de Janeiro.
Le House of Switzerland sono un esempio della collaborazione con il settore pubblico e privato. Nella foto la «casa svizzera» a Rio de Janeiro per i giochi olimpici estivi del 2016. © DFAE

Campagne di comunicazione, in presenza e virtuali: da Pop-up House of Switzerland a finance.swiss

La pandemia di COVID-19 ha messo in evidenza le esigenze della Svizzera nel campo dello sviluppo economico: la Svizzera ha bisogno di maggiore visibilità e attenzione per i suoi prodotti nei principali mercati d'esportazione. Ha inoltre reso chiara l’importanza dei canali digitali e delle soluzioni «ibride» tra comunicazione online e incontri in presenza.

Da qui nasce l’idea di creare un Pop-up House of Switzerland. Si tratta di un luogo temporaneo (che riprende appunto i «temporary store» apprezzati dai «millenial») e ha lo scopo di permettere un «incontro fisico» con la Svizzera per alcuni mesi in Paesi che rappresentano importanti mercati, in particolare le regioni di confine. La prima tappa è prevista a Stoccarda, il capoluogo del Baden-Württemberg, una delle regioni confinanti economicamente più importanti della Svizzera. Qui la «casa svizzera» fungerà da piattaforma d’incontro per il pubblico ma anche per fare rete con partner pubblici e privati di vari settori, dall’economia alla ricerca.

Anche il Padiglione svizzero all'Esposizione universale di Dubai del 2021, l’House of Switzerland ai Giochi olimpici estivi del 2021 a Tokyo e ai Giochi olimpici invernali di Pechino nel 2022 sosterranno questa campagna.

Nel campo della comunicazione digitale invece, troviamo finance.swiss, nuova piattaforma informativa della piazza finanziaria svizzera che illustra a un pubblico internazionale le qualità della Svizzera in questo settore e mette in evidenza i punti di forza e le capacità innovative nel campo del fintech e della finanza sostenibile.

In un padiglione espositivo alcune persone guardano droni, robot e tecnologie innovative. In alto un cartello con la scritta «Welcome to Switzerland».
Nel 2018 è stata lanciata la campagna SwissTech, in collaborazione con il settore pubblico e quello privato. Protagoniste le nuove tecnologie, tema importante della politica estera svizzera © DFAE

Dalla tradizione all’innovazione: come cambia l’immagine della Svizzera

Per la popolazione all'estero, la Svizzera ha un'immagine fondamentalmente molto positiva e stabile nel corso degli anni. Lo dimostrano i sondaggi che Presenza Svizzera conduce regolarmente all'estero e gli studi comparativi internazionali come il Nation Brands Index. In questa classifica, la Svizzera si colloca ogni anno nella top ten.

Un potenziale di miglioramento risiede nella percezione della forza innovativa della Svizzera, Paese che oggi, all’estero, viene piuttosto associato alla tradizione. In questo ambito una campagna è stata lanciata nel 2018: con SwissTech è stata avviata una collaborazione tra il settore pubblico e quello privato sulle nuove tecnologie come tema importante della politica estera svizzera. La campagna SwissTech posiziona la Svizzera principalmente in occasione di fiere tecnologiche internazionali con l'obiettivo di promuovere gli interessi del Paese nel cuore del mondo tecnologico, rafforzare la percezione della Svizzera come piazza economica innovativa e aumentare la visibilità delle aziende e delle università svizzere all'estero.

Anche la copertura dei media e dei social media esteri è un importante indicatore di come un Paese venga percepito all'estero. Un tema spesso sollevato è la piazza finanziaria svizzera, che rispetto a dieci anni fa gode di una reputazione migliore e attira spesso l'attenzione proprio per la sua capacità innovativa, come per esempio nei settori del fintech e della finanza sostenibile.

Ancora da valutare è quale immagine della Svizzera rimarrà in relazione alla pandemia di COVID-19. Ciò dipenderà soprattutto dalla percezione della Svizzera all’estero, a confronto con la realtà internazionale, e da come riuscirà a superare la crisi a livello sanitario, economico e sociale.

La comunicazione internazionale continuerà a svolgere un ruolo attivo nell'influenzare il modo in cui la Svizzera viene percepita all'estero e nel posizionarsi in modo ottimale sulla scena internazionale. Per questo motivo si conferma, anche per il futuro, un elemento centrale della politica estera.

Inizio pagina