Convenzioni ONU dei diritti dell’uomo

I diritti umani tutelano la persona e la sua dignità in tempo di pace e in tempo di guerra. Sono garantiti dal diritto internazionale ed è compito dello Stato farli rispettare. È con questo spirito che la ONU ha sviluppato un insieme di convenzioni vincolanti, che traggono origine dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948.

Si distinguono principalmente tre tipi di diritti umani:

  • i diritti civili e politici: per esempio il diritto alla vita, la libertà di riunione e la libertà di religione
  • i diritti economici, sociali e culturali: per esempio il diritto al lavoro, all’istruzione e alla sicurezza sociale
  • i diritti della «terza generazione»: per esempio il diritto allo sviluppo e a un ambiente sano e pulito

Le principali convenzioni dell’ONU sui diritti umani sono:

Patto ONU I

Il Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali (ICESCR) comprende tutti i diritti umani che rientrano nel campo dell’economia, della società e della cultura.

Patto ONU II

Il Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici (ICCPR) contiene importanti garanzie volte a proteggere le libertà fondamentali di ogni individuo.

Discriminazione razziale

La Convenzione internazionale sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale (ICERD) mira esplicitamente a eliminare la discriminazione sulla base della razza, del colore, della ascendenza e dell’origine nazionale ed etnica.

Discriminazione nei confronti della donna

La Convenzione sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna (CEDAW) vieta la discriminazione delle donne in tutti gli ambiti della vita.

Tortura

La Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti (CAT) obbliga gli Stati Parte a impedire e a punire la tortura.

Diritti del fanciullo

La Convenzione sui diritti del fanciullo (CRC) garantisce una tutela completa dei diritti umani dei bambini e dei giovani di età inferiore a 18 anni.

Persone con disabilità

La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità (CRPD) garantisce a tali persone la totalità dei diritti umani e la partecipazione alla vita pubblica, economica e sociale.

Sparizione forzata

La Convenzione internazionale per la protezione di tutte le persone dalla sparizione forzata (CPED) mira a punire e a combattere la sparizione forzata in quanto violazione dei diritti umani.

Lavoratori migranti

La Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti dei lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie (ICRMW) tutela i lavoratori e le lavoratrici migranti e i loro familiari. 

Contrariamente alla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, le convenzioni summenzionate hanno un carattere vincolante per gli Stati membri. La Svizzera le ha ratificate tutte tranne l'ultima.

Rapporti nazionali

Le principali convenzioni ONU sui diritti umani istituiscono comitati incaricati di vigilare sul rispetto delle loro disposizioni e prevedono una procedura di rapporto obbligatoria: gli Stati che le hanno ratificate si impegnano a presentare al comitato di pertinenza dei rapporti sul modo in cui hanno attuato i diritti umani. Il comitato esamina i rapporti e formula raccomandazioni.